laRegione
03.09.21 - 21:47

Zandvoort, ovvero la ‘casa’ di Verstappen

Saprà l'onda arancione spingere l'olandese in cima alla classifica finale della gara di domenica?

di Paolo Spalluto
zandvoort-ovvero-la-casa-di-verstappen
La 'muraglia' arancio pronta a sostenere l'idolo di casa (Keystone)

È il weekend nel quale Kimi Raikkonen si presenta da oramai pilota in uscita, alla tredicesima prova di un Mondiale che per Verstappen sembrava molto bene instradato, ma che invece alla prova dei fatti si sta rivelando più complicato del previsto.

Ma andiamo con ordine... Il finlandese ha comunicato da solo e rapidamente la sua decisione, che all'interno vi narravamo da tempo, certi del fatto che non lo vedremo molto in giro, specialmente nel mondo della F1. Magari nei rally, o nell'hockey su ghiaccio; lui, del resto, non ha mai amato sino in fondo il corollario del Circus. Ha sempre privilegiato la pista alle conferenze stampa, gli scherzi con i suoi meccanici piuttosto che le serate con gli sponsor. Si è goduto sempre figli e moglie su ogni circuito, e ha fatto unicamente la parte che più ha amato fra quelle che impongono il mestiere di pilota. Mancherà specie, per certe mitiche risposte radio; su tutte 'stai zitto so quello che devo fare'.

Ed eccoci al secondo tema che tiene banco nel weekend. La marea arancione sta aspettando il suo pupillo Max per portarlo in cima alla classifica della corsa di domenica. Ieri, nelle libere, ha girato alla ricerca dell'assetto gara, con un alettone a cucchiaio tutto nuovo al posteriore e alla ricerca di una portanza aerodinamica sempre migliore. Per le ragioni poc'anzi elencate non ci si deve pertanto farsi ingannare dai tempi che lo vedono un poco attardato, visto che è piu concentrato alla ricerca del passo gara che del giro veloce, che la Red Bull possiede ampiamente di suo. Esatto opposto da quanto messo in campo ieri dalla Ferrari, che per volontà del tecnico transalpino Mekies ha portato in pista una monoposto completamente assettata sul giro secco.

Zandvoort è assai simile a Budapest, e dunque permette alla Rossa di spingersi meglio in cima che non a Spa, ma deve fare un tempone in qualifica, visto che sorpassare, su questo circuito è quasi un miraggio. Essere in cima allo schieramento diviene pertanto fondamentale.

Da annotare, per quel che concerne la giornata di ieri, il boato del pubblico che già gremiva ampiamente le tribune colorando di arancione gli spazi quando, dopo soli 6 minuti delle seconde libere, Hamilton ha avvertito un calo di potenza e ha fermato la monoposto per non danneggiare il propulsore: solo nella notte tra su oggi si saprà se sarà da sostituire o no. Quello che è certo è il fatto che la sua Mercedes-Benz nelle prime libere di ieri avesse comunque staccato un buonissimo cronometro.

La lettura della tabella tempi quindi non deve ingannare: di certo nelle qualifiche odierne i migliori torneranno a essere i migliori, senza sorprese eccessive. L'asfalto nuovo e la strettezza di taluni passaggi, poi, renderà impegnativa la gara, molto aperta a errori di guida e di scelta dei piloti, come abbiamo annotato ieri. Mazepin e Vettel ad esempio, che hanno attardato le prove per bandiere di protezione. Molto bene entrambe le Alpine, con Ocon di nuovo scintillante fresco di vittoria ungherese, considerando Spa uno spiacevole errore della Fia, e con Alonso che al netto delle bandiere rosse si è dimostrato regolare e pulito. Ha dichiarato la sua preoccupazione per il traffico, come tutti, e una pista difficile da gestire, ma anche divertente nelle paraboliche.

In seno alla Sauber buon tempo di Giovinazzi, che ovviamente sente il fiato sul collo di una decisione oramai presa anche per lui. Al netto delle voci che danno anche Vasseur partente dal team, il cambiamento tanto caro a Stellantis in quel di Hinwil è iniziato. Questione di giorni l'annuncio di Bottas, mentre si dice che Mick Schumacher faccia il suo rientro in Svizzera dopo il veto che la stagione scorsa, per dispetto, aveva messo Binotto della Ferrari. Querelle che sembra appunto rientrata.

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Qatar 2022
2 ore
Elvedi e Sommer non si sono allenati
Entrambi raffreddati alla vigilia di Svizzera-Serbia, hanno saltato la seduta di giovedì
I mondiali dal divano
9 ore
I segreti dei suoi occhi
Le Coppe del mondo passano, i ricordi restano. Poi diventano tesori nelle nostre memorie
QATAR
16 ore
In campo c’è solo l’Argentina, avanti con Mac Allister e Alvarez
Szczesny il migliore di una Polonia che passa per il rotto della cuffia. Al Messico non basta il 2-1 sull’Arabia Saudita
FREESTYLE
19 ore
Marco Tadé infortunato in Finlandia durante un allenamento
Il 26enne ticinese, già rimpatriato e ospedalizzato a Lugano, ha subito la rottura di quattro costole, di una clavicola e la perforazione di un polmone
QATAR 2022
20 ore
L’Australia raggiunge la Francia negli ottavi di finale
I ‘socceroos’ superano una deludentissima Danimarca con un gol di Leckie. Nell’altra partita, vittoria inutile della Tunisia
Calcio
21 ore
Pelé di nuovo ricoverato
O’Rey, che è malato di cancro, sarebbe in condizioni critiche
CICLISMO
22 ore
Morto Davide Rebellin, investito in bicicletta da un camion
Il dramma nel comune di Montebello Vicentino. Il 51enne italiano aveva chiuso la carriera nel 2022, dopo aver vinto Freccia (3 volte), Liegi e Amstel
Qatar 2022
22 ore
In silenzio Xhaka e Shaqiri
L’Asf, per evitare qualsiasi polemica coi serbi, impedisce di parlare ai due protagonisti della sfida di quattro anni fa
SCI ALPINO
23 ore
La lotta di Eliasch sui diritti tv potrebbe sfociare in crisi
Il nuovo presidente Fis intende centralizzarli, ma deve lottare contro l’opposizione di federazioni potenti come quelle svizzera, austriaca e tedesca
Calcio
1 gior
Il futuro della Juve fra rischi, Agnelli ed ex bandiere
Dopo le dimissioni del presidente e dell’intero CdA, per il club bianconero si apre un’era fitta di interrogativi
© Regiopress, All rights reserved