laRegione
GOLUBIC V. (SUI)
0
FRIEDSAM A-L. (GER)
0
1 set
(3-5)
01.08.21 - 17:10
Aggiornamento: 02.08.21 - 00:22

Arriva in Ungheria il gran giorno di Esteban Ocon

Clamoroso trionfo a Mogyorod per il pilota francese dell'Alpine, al termine di una domenica in cui succede di tutto. Compresa la squalifica post-gara a Vettel

arriva-in-ungheria-il-gran-giorno-di-esteban-ocon
Avrebbe dovuto essere secondo, invece.. (Keystone)

Pronti, via ed è subito un gran caos. Con il Gran Premio d'Ungheria, a Mogyorod, che al primo giro è già costretto a fermarsi, dopo il clamoroso errore di Bottas sull'asfalto reso scivoloso dalla pioggia, con il finlandese che centra Norris, il quale finisce poi addosso a Verstappen, buttandolo fuori, pur se non definitivamente, mentre fuori pista (e pure fuori gara) ci sono anche Leclerc, Stroll e Perez. La pista è invasa dai detriti, e così la safety car non basta: al terzo giro la corsa è sospesa, e quando si riparte, mentre il sole fa capolino e comincia ad asciugare la pista, capita un altro colpo di scena: tutte le monoposto vanno ai box a cambiare le gomme, tranne quella di un Lewis Hamilton partito dalla pole, e primo della fila in quel caotico inizio, il quale decide di schierarsi da solo sul rettilineo per la ripartenza, ma con le gomme da bagnato... Il giro dopo, naturalmente, il campione del mondo è costretto a fermarsi per sostituire gli pneumatici, e da primo che era si ritrova ultimo. 

Leader a sorpresa, Esteban Ocon sulla sua Alpine prova a fare la corsa, seguito da Aston Martin e da tutti gli altri. Verstappen con la sua Red Bull ammaccata è attorno a metà del gruppo, mentre Hamilton giro dopo giro cerca di portare a termine la sua folle rimonta. Alla fine, il britannico della Mercedes riesce quantomeno a tornare sul podio, riprendendosi nel contempo il primato nel Mondiale, ma a brillare nella domenica ungherese è soprattutto il trentunenne pilota francese, che si ritrova in testa dopo la carambola d'inizio Gran Premio, ma poi quel primato non lo molla, difendendosi anche dalle ambizioni di successo di Vettel, secondo, cogliendo il primo trionfo della sua giovane carriera. 

Troppa poca benzina: verifiche post gara impossibili

Vettel che, oltre il danno, subisce anche la beffa. Infatti in tarda serata arriva l'ufficializzazione da parte della Fia della squalifica inflitta al pilota tedesco dell'Aston Martin, colpevole di aver tagliato il traguardo con poco carburante residuo nel serbatoio della vettura (si parla di tre decilitri invece del litro richiesto), ciò che ha impedito le verifiche post gara da parte dei giudici. In conseguenza Lewis Hamilton sale al secondo posto, portando così a otto i punti di vantaggio in classifica nei confronti di Verstappen (nono ieri), mentre la Ferrari di Carlos Sainz riguadagna un posto sul podio.

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
tennis
48 min
Stan Wawrinka fuori in semifinale a Metz
Il vodese costretto al forfait dopo 17 minuti del penultimo atto contro Bublik, per un problema alla coscia
CICLISMO
1 ora
Evenepoel campione del mondo
Dietro il belga, argento per il francese Laporte, bronzo all’australiano Matthews. 17° l’evetico Mauro Schmid
NATIONS LEAGUE
13 ore
Svizzera corsara, successo storico in Spagna
Dominando nel primo tempo e soffrendo nella ripresa, i rossocrociati trovano tre punti importantissimi: a segno Akanji ed Embolo
Hockey
14 ore
Il Lugano accelera ma non decolla
Buona prestazione dei bianconeri che però soccombono anche al Losanna
Hockey
14 ore
Ambrì, la prima sconfitta sotto gli occhi di McCourt
In vantaggio di un gol fino al 49’, i biancoblù di Cereda beffati da un Ginevra Servette che aggancia il capolista Bienne grazie a due gol in un minuto
CALCIO
19 ore
Rossocrociati in Spagna pensando già al Qatar
La nazionale Svizzera affronta stasera le Furie rosse per la Nations League
CICLISMO
22 ore
Le speranze mondiali dell’emergente Mauro Schmid
Domani a Wollongong, in Australia, in palio il titolo iridato della corsa in linea
TENNIS
1 gior
La notte dei sorrisi (e delle lacrime) che non scorderemo mai
A Londra, nel torneo da lui stesso ideato, King Roger ha chiuso una carriera irripetibile. Federer nell’Olimpo come Muhammad Ali e Michael Jordan.
HOCKEY
1 gior
Un ottimo tempo non basta, Lugano kappaò a Ginevra
Alle Vernets seconda sconfitta in tre partite per i bianconeri, nella sera del debutto di Connolly. ‘Dobbiamo capire il power-play cos’ha che non va’.
HOCKEY
1 gior
Ambrì, la fuga, il rilassamento e il sollievo
Dopo un avvio strepitoso i biancoblù lasciano rientrare in partita l’Ajoie, ma all’overtime riesce a trovare la quarta vittoria di fila, grazie a Virtanen
© Regiopress, All rights reserved