laRegione
KRAWIETZ K./MIES A.
2
KUBOT L./WAWRINKA S.
1
fine
(4-6 : 6-1 : 10-5)
ancora-ai-rigori-perche-no-col-fattore-sommer
30.06.21 - 16:03

Ancora ai rigori? Perché no, col fattore Sommer

L'eliminazione agli ottavi in Germania nel 2006? L'errore di Xhaka contro la Polonia nel 2016? Tutto dimenticato, dopo Bucarest

La vittoria ai danni della Francia maturata dal dischetto ha spezzato l’incantesimo sfavorevole che gravava sui rossocrociati quando si trattava di passare attraverso l’imponderabilità dei calci di rigore al termine dei tempi supplementari. Una sorta di maledizione che trae origine ai Mondiali del 2006 in Germania, nell’ottavo di finale (abbordabile) contro l’Ucraina di Shevchenko. Fu proprio il fuoriclasse di Milan e Chelsea ad aprire le danze dal dischetto, ma Zuberbühler in stato di grazia (il portierone elvetico chiuse quella Coppa del mondo senza gol al passivo in quattro partite) gli respinse la conclusione. L’avvio apparentemente ideale non venne per niente sfruttato, in quanto in campo rossocrociato fallirono Streller, Barnetta e Cabanas, e “auf Wiedersehen” Germania. Nel 2016, e qui passiamo agli Europei con una selezione con molti dei rossocrociati protagonisti ancora oggi, la Svizzera si arrese, sempre agli ottavi, contro la Polonia (abbordabile, come l’Ucraina 10 anni prima) a causa dell’errore dal dischetto di Granit Xhaka, oggi capitano e leader della selezione. 

I motivi per eventualmente affrontare con maggiore serenità il ricorso ai calci di rigore contro la Spagna, sono due: da una parte, l’esito felice del duello contro la Francia, d'altro canto quello che possiamo definire il fattore Sommer, uno che nello specifico esercizio ha dimostrato di essere tornato a saperci fare, dopo un lungo periodo in cui la reputazione di “pararigori” che gli venne assegnata nel 2014, al momento di trasferirsi in Bundesliga, pareva non calzargli proprio più. Nel 2012 decise con due parate decisive la finale di Coppa Svizzera che vinse con il Basilea a spese del Lucerna. Un anno dopo contribuì alla qualificazione dei renani alla semifinale di Europa League esaltandosi ai rigori sia contro lo Zenit San Pietroburgo, sia contro il Tottenham. Il declino, però, pareva inarrestabile, visto che al Borussia Mönchengladbach e in Nazionale, degli ultimi 32 rigori ne aveva intercettati solo 4. Addirittura desolante il bilancio con la Nazionale rossocrociata ai grandi tornei: 17 rigori, nessuna parata. Il 18esimo tentativo è stato quello buono, quello che forse lo ha restituito al ruolo di “pararigori”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bucarest fattore sommer svizzera yann sommer
Potrebbe interessarti anche
EURO 2020
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
ATLETICA
12 ore
Aggressioni sessuali, coach britannico radiato
Toni Minichiello squalificato a vita dalla Federazione britannica di atletica
Tennis
13 ore
Serena Williams sulla via del ritiro
‘Il conto alla rovescia è cominciato’, dice l’americana, che vuole concentrarsi sul suo ruolo di mamma
TRIATHLON
15 ore
Successi per il TriUnion ai Campionati svizzeri
Bronzo per Sasha Caterina (U23) e oro per Tiziana Rosamilia (U16)
CALCIO
15 ore
Sarà Netanya la sede della sfida tra Beer Sheva e Lugano
La partita, in programma giovedì e valida quale ritorno del terzo turno preliminare di Conference League, non si giocherà vicino alla Striscia di Gaza
Calcio
17 ore
Domani c’è la Supercoppa, Real Madrid favorito
A Helsinki (ore 21) le merengues affronteranno l’Eintracht Francoforte
CICLISMO
17 ore
Benoot si fa male in allenamento, Lampaert ancora malato
Piccola frattura cervicale per il belga della Jumbo-Visma, convalescente il suo connazionale della Quick Step
MOUNTAIN BIKE
18 ore
Europei, ci sarà anche Flückiger
Il vicecampione olimpico – ormai rimessosi dal Covid – ha cambiato idea
Calcio
18 ore
Thiago Alcantara fuori per alcune settimane
Infortunio alla coscia per lo spagnolo del Liverpool
Calcio
18 ore
Mertens firma col Galatasaray
Il belga lascia il Napoli dopo 9 stagioni
hockey
21 ore
‘Vado a Spokane per inseguire il sogno dell’Nhl’
Dopo cinque anni nelle giovanili dell’Ambrì e il debutto in National League (‘sotto la curva un sogno’), Tommaso De Luca tenta l’avventura nordamericana
© Regiopress, All rights reserved