laRegione
KONTAVEIT A. (EST)
0
TOMLJANOVIC A. (AUS)
0
1 set
(4-4)
Canada
Danimarca
19:20
 
Austria
Gran Bretagna
19:20
 
la-turchia-si-appella-all-effetto-g-nes
+5
18.06.21 - 15:05
Aggiornamento : 17:22

La Turchia si appella all'effetto Günes

Il 69enne Ct nativo di Trebisonda, plurititolato anche da giocatore con il Trabzonspor gode di una grande considerazione. Riuscirà a rivitalizzare i suoi?

di ats/mel

Dopo due esibizioni negative, in Turchia c’è chi invoca un miracolo, chi invece confida nelle capacità pedagogiche di un allenatore che in patria è una figura di culto, Senol Günes. Il ct che sta cercando di risollevare gli animi dei suoi giocatori in vista dello “spareggio” di domenica a Baku contro la Svizzera, è reduce da una settimana molto complicata. Ne ha dovute incassare, di critiche, dall’inizio di questi Europei, affrontati con un ottimismo spazzato via dalla tremenda disillusione delle prime due partite: il ko senza appello contro l’Italia al debutto, e il 2-0 incassato contro il Galles in quello che avrebbe dovuto essere l'incontro della svolta, per cancellare la brutta entrata in materia. Il verdetto della stampa turca è stato unanime e non lascia scampo: «Non c’è gioco, non c’è tattica, non c’è fiducia», ha sentenziato l’ex nazionale Engel Verel in veste di editorialista. Un’analisi sulla falsariga di quanto più o meno esternato da tutti i colleghi, sorpresi negativamente da una squadra che nelle intenzioni avrebbe dovuto rappresentare una delle sorprese positive di questa manifestazione. Una mina vagante da prendere con le pinze, in quanto insidiosa.

Niente scuse, è responsabilità mia

Va dato atto a Senol Günes di non aver accampato scuse. Il 69enne tecnico si è preso le colpe assumendosi le responsabilità dei due risultati negativi e dispiacendosi per il livello della sua squadra che non è quello auspicato alla vigilia. Eppure, i presupposti erano molto promettenti, e lasciavano davvero presagire che la Turchia potesse emergere, quantomeno con uno o due exploit. Da quando Günes è in carica per un secondo mandato alla testa della Nazionale (2019), la sua squadra ha ottenuto buoni risultati, con picchi di eccellenza trovati contro le avversarie più accreditate, si pensi al successo ai danni di Francia e Olanda, al pareggio contro la Germania.

Oltre ai risultati che lasciavano presagire il meglio, sconfessati da due esami falliti che sono lo specchio di un valore rimasto fin qui inespresso - le analogie con la Svizzera iniziano ma non finiscono qui - c’è poi il fattore Günes stesso, un tecnico che finora ha fatto rima con successo. Nel 2002 condusse la Turchia di Hakan Sükür fino alla semifinale mondiale nella rassegna iridata nippocoreana. In seguito, ha festeggiato il titolo nazionale con il Besiktas (2016 e 2017), onore che ha avuto anche da giocatore, con la maglia del Trabzonspor. «Si percepisce subito che in lui c’è… qualcosa - ricorda l’ex capitano rossocrociato Gökhan Inler, che ha fatto parte del Besiktas titolato in Turchia quattro anni fa -. Senol Günes è un po’ come Ottmar Hitzfeld».

Uno alla Hitzfeld

Rieccoci alle analogie con la Svizzera: Günes è stato un portiere, Hitzfeld un attaccante. Al pari del collega tedesco, il ct turco ha saputo convincere i giocatori con la sua calma, la sua autorevolezza, la sue personalità derivate anche dal passato di insegnante. Hitzfeld ha una formazione di matematico, Günes insegnava storia e geografia, mentre difendeva i pali del Trabzonspor negli Anni ‘80. Distribuire e assimilare conoscenze, lo reputa un privilegio, anche perché i suoi genitori non sapevano né leggere né scrivere. 

Giocatore di successo e uomo di cultura

Cresciuto in condizioni di disagio, a Günes è riuscito un percorso umano e professionale di notevole spessore. Come giocatore, a Trebisonda, sua città natale, in 15 anni ha vinto sei titoli e tre Coppe. Brillante anche la trentennale carriera di allenatore, accompagnata alla crescita di un uomo di cultura al quale piace parlare anche di argomenti che non siano il calcio. Un uomo al quale nel 2016 hanno intitolato lo stadio nel quale ha festeggiato i trionfi più memorabili.

Il mito, però, oggi barcolla un tantino. La sua squadra è dipinta quale “la peggiore del torneo”, palma che divide proprio con la Svizzera che affronterà domenica in un incrocio tra parenti poveri di un girone conteso da Italia e Galles. Le possibilità che la Turchia possa proseguire il cammino sono ridottissime (potrebbe non bastare una vittoria con più reti di scarto per essere una delle migliori quattro terze classificate ripescate) ma Günes sente il dovere di quantomeno congedarsi dagli Europei con una dignità che possa riconciliare lui e la sua squadra con i tifosi che al momento si sentono traditi. Giocare senza alcuna pressione addosso potrebbe anche giovare all'intero ambiente, che potrebbe così riscoprirsi capace di vincere. Non che battere la Svizzera possa essere salutato alla stregua di un exploit e riqualificare un intero torneo comunque deludente, ma sarebbe pur sempre un bel passo avanti, pensando alle due prime uscite, pressoché letali.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
euro2020 svizzera trabzonspor trebisonda turchia

EURO 2020: Risultati e classifiche

Guarda tutte le 9 immagini
Potrebbe interessarti anche
EURO 2020
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Calcio
39 min
L’Fcl e una squadra da (ri)costruire, con il Crus e per l’Europa
Il giorno dopo la conclusione di una trionfale stagione, la società bianconera ha voluto fare il punto gettando già lo sguardo alla prossima annata
CALCIO
46 min
Alex Frei è il nuovo allenatore del Basilea
L’ex attaccante rossoblù, fresco di promozione in Super League con il Winterthur, ha firmato un contratto di due anni con il club che lo ha lanciato
Tennis
49 min
Stan Wawrinka deve già salutare il Roland Garros
Il 37enne vodese, rientrato sul circuito solo a fine marzo dopo oltre un anno di stop, è stato sconfitto al primo turno in quattro set dal francese Moutet
Hockey
55 min
Nico Hischier, tutta la stoffa del capitano
Terzo elvetico ad avere la ‘C’ sulla maglia in Nhl dopo Streit e Josi, il ventitreenne vallesano si gode il ruolo di leader. ‘Ma non sono certo l’unico’
Hockey
1 ora
Helsinki, capolinea dell’avventura italiana
La selezione di Ireland e Huras perde il posto nell’élite, battuta 5-2 da un Kazakistan migliore. Repubblica Ceca ai quarti grazie a 1-0 calcistico
basket
1 ora
Il Riva è terzo. ‘E dire che per alcuni non avevamo stimoli’
Buona stagione della squadra di Valter Montini, nonostante le tante giovani in campo e qualche infortunio di troppo
Formula 1
20 ore
Verstappen e una serenità figlia (anche) della cura dei dettagli
Con la doppietta in Spagna le Red Bull hanno ripreso il comando del Mondiale ai danni di una Ferrari che ha tradito Leclerc sul più bello
Hockey
21 ore
La Svizzera e la rimonta della domenica: fanno sei su sei
Primo tempo pessimo, poi gli elvetici escono alla distanza e vincono 5-2. Ma perdono per strada Scherwey: per l’attaccante del Berna il Mondiale è finito
Calcio
21 ore
Acb, un bel successo per festeggiare la promozione
I granata, ormai certi della salita in Challenge League, battono 3-2 l’Étoile Carouge con un gol di Souza nel recupero.
Calcio
23 ore
Il Milan non trema ed è campione d’Italia!
La squadra di Pioli nell’ultima giornata di Serie A si è imposta 3-0 in casa del Sassuolo e ha chiuso il campionato con 2 punti di vantaggio sull’Inter
© Regiopress, All rights reserved