laRegione
STRICKER D. (SUI)
2
LAAKSONEN H. (SUI)
1
fine
(6-1 : 4-6 : 6-3)
STRICKER D. (SUI)
2
LAAKSONEN H. (SUI)
1
fine
(6-1 : 4-6 : 6-3)
la-nati-e-una-valigia-che-comincia-gia-a-pesare
Euro 2020
 
13.06.21 - 14:290
Aggiornamento : 16:14

La 'Nati' e una valigia che comincia già a pesare

Da Baku (dove ha esordito solo con un pareggio contro il Galles) a Roma la Svizzera si è portata più dubbi che certezze. E mercoledì c'è l'Italia...

Roma – Un punto, qualche certezza ma anche alcuni dubbi. È quello che la Svizzera si è messa in valigia a Baku dopo l’1-1 con il Galles nel suo esordio europeo e che si è portata, dopo un volto di oltre 3’000 chilometri, a Roma, dove è sbarcata sabato notte e dove rimarrà fino a venerdì, quando due giorni dopo aver sfidato l’Italia tornerà nuovamente nella capitale azera per l’ultimo match del girone A con la Turchia. Se la sfida con i gallesi da una parte ha certificato la superiorità quasi totale dei rossocrociati (18 a 9 i tiri, anche se solo 4 in porta; 12 corner battuti a 4; 62% di possesso palla, tutto in favore di Embolo e compagni) e la loro capacità di mettere sotto, seppur solo a tratti, l’avversario, dall’altra ha per l’ennesima volta evidenziato la loro incapacità di tradurre tale supremazia in gol (troppi gli errori al tiro) e vittorie. E alla, a prevalere è l’amarezza e un pizzico di preoccupazione per quello che verrà.

La fa infatti un po’ facile, Vladimir Petkovic, quando afferma che la Svizzera ha “ancora tutto nelle sue mani”. Già, perché tale affermazione sarebbe calzata a pennello con qualsiasi risultato ottenuto dai suoi ragazzi, dato che si trattava pur sempre della prima di tre partite di un girone A che potrebbe comunque portare tre delle sue quattro squadre agli ottavi di finale (ai quali accederanno le prime due classificate dei sei gruppi più le quattro migliori terze). La verità è che l’1-1 con Bale e compagni scaturito a Baku complica non poco la strada dei rossocrociati nel primo Europeo itinerante della storia, se non ancora in maniera evidente dal punto di vista numerico, perlomeno da quello mentale e di approccio alla prossima partita, l’attesissima sfida di mercoledì a Roma contro i padroni di casa dell’Italia.

Ora bisognerà cercare di uscire perlomeno imbattuti dalla tana di una selezione azzurra che ha confermato con il 3-0 rifilato alla Turchia di stare bene, anzi benissimo. Una missione che sarebbe stata un pelino meno complicata con in tasca quei due punti in più che avrebbero soprattutto permesso a Xhaka e compagni di scendere in campo contro i “Mancini boys” più liberi e con meno pressione addosso. E si sa, che è proprio in queste circostanze, quando possono concentrarsi unicamente sul proprio gioco e sui compiti affidati loro dal proprio allenatore – meglio ancora se i favoriti sono gli altri – che gli elvetici riescono a esprimersi al meglio. Cosa che come detto è avvenuta solo in parte in Azerbaigian, dove oltre a un grande Embolo ha convinto la cerniera difensiva, mentre ci si sarebbe decisamente aspettati qualcosa di più in fase di spinta dai vari Xhaka, Freuler e Shaqiri, nonché sotto porta da un Seferovic ancora troppo impreciso e a secco per l'undicesima partita consecutiva in rossocrociato (Gavranovic, in gol al primo pallone toccato anche se in fuorigioco, scalpita). E così mercoledì all’Olimpico oltre alla tensione per una partita comunque speciale, Schär e colleghi dovranno gestire anche quella di una classifica che a dipendenza anche del risultato di Turchia-Galles, potrebbe già diventare esageratamente brutta.

EURO 2020: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
EURO 2020
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
VELA
28 min
Ascona, il maltempo non rovina la festa delle J70
Al campionato svizzero, tra le onde del Verbano i bernesi del Regattaclub Oberhofen dettano legge. In lizza anche tre equipaggi ticinesi
Automobilismo
2 ore
Dopo lo stop forzato il Rally del Ticino torna rinnovato
Sabato la 23esima edizione della Ronde rossoblù, quarta prova del Campionato svizzero su un percorso modificato, con le speciali Nara e Valcolla
Calcio
4 ore
Rissa Locarno-Semine, rapporto (e sanzioni) a inizio ottobre
La Ftc ha affidato all’Avv. Andrea Rotanzi il dossier sui fattacci di Terza Lega, confermando la decisione di non inviare arbitri alle società coinvolte
Hockey
4 ore
Il Lugano almeno un mese senza il canadese Josephs
L’attaccante 27enne, autore di una rete e due assist nelle prime sei partite, ha riportato la frattura del malleolo laterale della caviglia destra
Tennis
7 ore
Senza Federer, Nadal e Djokovic, Europa comunque favorita
La selezione di Borg guidata dal vincitore dell’Us Open Medvedev punta al quarto successo in altrettanti sfide contro il Resto del mondo nella Laver Cup
Formula 1
18 ore
Al mitico Gran Premio di Montercarlo cade una tradizione
Dal 2022, il weekend di corsa sarà su tre giorni, e non più su quattro. L’annuncio alla Cnn: niente più prove libere il giovedì, format uguale agli altri Gp
BASKET
20 ore
Un Lugano fatto in casa. ‘Con i suoi pregi e i suoi difetti’
Tutto è pronto all’Elvetico per una nuova stagione. L’ultima del presidente Cedraschi? ‘Servono persone che prendano gradatamente il nostro posto’
Ciclismo
22 ore
Crono a squadre miste dal sapore amaro per la Svizzera
Il sestetto rossocrociato si ritrova ai piedi del podio iridato, preceduto di cinque centesimi dall’Italia
Ciclismo
22 ore
Nel 2022 un Tour de Romandie anche al femminile
In attesa della pubblicazione del calendario agonistico per la prossima stagione (prevista il 1° ottobre), lo anticipa l’Uci
Pallavolo
23 ore
Passo dopo passo, verso il vertice delle gerarchie nazionali
Al via della nuova stagione, il Volley Lugano si presenta con una rosa rimaneggiata. E con un taglio più professionale
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile