laRegione
la-nati-e-una-valigia-che-comincia-gia-a-pesare
laR
 
13.06.21 - 14:29
Aggiornamento : 16:14

La 'Nati' e una valigia che comincia già a pesare

Da Baku (dove ha esordito solo con un pareggio contro il Galles) a Roma la Svizzera si è portata più dubbi che certezze. E mercoledì c'è l'Italia...

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Roma – Un punto, qualche certezza ma anche alcuni dubbi. È quello che la Svizzera si è messa in valigia a Baku dopo l’1-1 con il Galles nel suo esordio europeo e che si è portata, dopo un volto di oltre 3’000 chilometri, a Roma, dove è sbarcata sabato notte e dove rimarrà fino a venerdì, quando due giorni dopo aver sfidato l’Italia tornerà nuovamente nella capitale azera per l’ultimo match del girone A con la Turchia. Se la sfida con i gallesi da una parte ha certificato la superiorità quasi totale dei rossocrociati (18 a 9 i tiri, anche se solo 4 in porta; 12 corner battuti a 4; 62% di possesso palla, tutto in favore di Embolo e compagni) e la loro capacità di mettere sotto, seppur solo a tratti, l’avversario, dall’altra ha per l’ennesima volta evidenziato la loro incapacità di tradurre tale supremazia in gol (troppi gli errori al tiro) e vittorie. E alla, a prevalere è l’amarezza e un pizzico di preoccupazione per quello che verrà.

La fa infatti un po’ facile, Vladimir Petkovic, quando afferma che la Svizzera ha “ancora tutto nelle sue mani”. Già, perché tale affermazione sarebbe calzata a pennello con qualsiasi risultato ottenuto dai suoi ragazzi, dato che si trattava pur sempre della prima di tre partite di un girone A che potrebbe comunque portare tre delle sue quattro squadre agli ottavi di finale (ai quali accederanno le prime due classificate dei sei gruppi più le quattro migliori terze). La verità è che l’1-1 con Bale e compagni scaturito a Baku complica non poco la strada dei rossocrociati nel primo Europeo itinerante della storia, se non ancora in maniera evidente dal punto di vista numerico, perlomeno da quello mentale e di approccio alla prossima partita, l’attesissima sfida di mercoledì a Roma contro i padroni di casa dell’Italia.

Ora bisognerà cercare di uscire perlomeno imbattuti dalla tana di una selezione azzurra che ha confermato con il 3-0 rifilato alla Turchia di stare bene, anzi benissimo. Una missione che sarebbe stata un pelino meno complicata con in tasca quei due punti in più che avrebbero soprattutto permesso a Xhaka e compagni di scendere in campo contro i “Mancini boys” più liberi e con meno pressione addosso. E si sa, che è proprio in queste circostanze, quando possono concentrarsi unicamente sul proprio gioco e sui compiti affidati loro dal proprio allenatore – meglio ancora se i favoriti sono gli altri – che gli elvetici riescono a esprimersi al meglio. Cosa che come detto è avvenuta solo in parte in Azerbaigian, dove oltre a un grande Embolo ha convinto la cerniera difensiva, mentre ci si sarebbe decisamente aspettati qualcosa di più in fase di spinta dai vari Xhaka, Freuler e Shaqiri, nonché sotto porta da un Seferovic ancora troppo impreciso e a secco per l'undicesima partita consecutiva in rossocrociato (Gavranovic, in gol al primo pallone toccato anche se in fuorigioco, scalpita). E così mercoledì all’Olimpico oltre alla tensione per una partita comunque speciale, Schär e colleghi dovranno gestire anche quella di una classifica che a dipendenza anche del risultato di Turchia-Galles, potrebbe già diventare esageratamente brutta.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
asf euro2020 svizzera vladimir petkovic

EURO 2020: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
EURO 2020
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Hockey
15 ore
La Svizzera stende il Canada nello scontro al vertice!
Vittoria per 6 a 3, rossocrociati in testa al girone. Prima rete a un Mondiale per il ticinese Fora. Domani sfida con la Francia.
gallery
Hockey
1 gior
Dai pascoli di Heidi al record mondiale: questo è Ambühl
L’attaccante 38enne si appresta a superare oggi il record assoluto di partite a un Mondiale. Al quale prese parte per la prima volta nel 2004
Calcio
1 gior
Gilardi e l’Acb ‘volano’ in Challenge League
La società granata è l’unico club di Promotion League ad aver ricevuto la licenza per la lega cadetta, che ritrova dopo 9 anni
Calcio
1 gior
L’Acb è in Challenge League: licenza concessa in seconda istanza
L’accoglimento del ricorso, unito alla rinuncia del Breitenrain, vale di fatto la promozione a prescindere dai risultati sul campo
Calcio
1 gior
Per Michele Campana ‘più drammaticità e meno partite morte’
Il direttore operativo dell’Fc Lugano e membro di comitato della Sfl commenta la riforma della Super League, passata a larga maggioranza
Hockey
1 gior
Timo Meier: ‘La fondue appenzellese? Mi dà energia per segnare’
Incontro con la star di Nhl. La delusione per la finale di Coppa persa dal San Gallo di un ragazzo profondamente attaccato alle sue radici
Calcio
1 gior
‘Arrivare decimi e potersi giocare l’Europa non ha senso’
L’ex allenatore di, tra le altre, Lugano e Acb Davide Morandi saluta favorevolmente l’allargamento della Super League ma ne contesta la formula
Hockey
1 gior
Mikko Koskinen a difesa della porta del Lugano?
Il gigante finlandese (due metri d’altezza esatti) gioca attualmente in Nhl negli Edmonton Oilers, ma dovrebbe già aver firmato con i bianconeri
Calcio
1 gior
La Super League si allarga da 10 a 12 e aggiunge i playoff
Lo hanno deciso i 20 club della Swiss Football League durante l’Assemblea generale straordinaria di Ittigen. L’anno prossimo niente relegazione diretta
Hockey
1 gior
Angelo, il siciliano di Helsinki
Nei pressi della Ice Hall uno dei pochi emigrati italiani gestisce un ristorante e ci racconta la sua storia
© Regiopress, All rights reserved