laRegione
Marocco
0
Spagna
0
fine
(0-0 : 0-0 : 0-0 : 3-0)
GCK Lions
Langenthal
19:45
 
CALCIO
05.10.22 - 11:41
Aggiornamento: 16:19

Quel gol divorato al Maracanà, pesante come un macigno

Higuain sarà per sempre ricordato soprattutto per l’errore nella finale mondiale del 2014 fra Argentina e Germania

quel-gol-divorato-al-maracana-pesante-come-un-macigno

Ha giocato per alcune delle squadre più blasonate al mondo. Ha vinto 6 "scudetti", un’Europa League e 7 fra coppe nazionali e supercoppe. Ha segnato 333 gol in 705 partite e ha stabilito in Italia il record di reti per una stagione. Possiede tecnica sopraffina, doti acrobatiche, tiro al fulmicotone e piedi educatissimi. Eppure di Gonzalo Higuain milioni di appassionati ricorderanno prima di tutto il gol che non seppe segnare e che gli impedì di staccare la patente di autentico fuoriclasse. Sarà probabilmente perché, pur vincendo molto, gli è mancato un grande trofeo.

La vita a volte si decide in attimi. Se il 13 luglio 2014 al Maracanà invece di farsi ipnotizzare da Manuel Neuer, Gonzalo avesse infilato nella porta tedesca quella palla maledetta, avrebbe assicurato all’Argentina il terzo titolo Mondiale e a se stesso gloria imperitura. Invece la ciabattò sul fondo, e ad alzare la Coppa fu la Germania grazie a un gol confezionato da due riserve - Götze e Schürrle - che non posseggono nemmeno un terzo della classe di Higuain.

Troppo emotivo, si è sempre detto di lui, suffragati dai suoi fallimenti in diverse finali di Copa América e Coppacampioni, così come dai molti cartellini rossi collezionati. E dunque, quando al termine della stagione americana il trentacinquenne Pipita sfilerà per l’ultima volta scarpe bullonate e parastinchi, la sua carriera ci sembrerà in un certo senso incompiuta, e pensando a lui ci verranno in mente soprattutto i rigori sbagliati e la panza da giornalista che tanta fatica gli costava tenere a bada.

Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
QATAR 2022
19 min
I rigori mandano il Marocco in Paradiso e la Spagna a casa
Gli africani per la prima volta ai quarti di finale dopo una partita difensiva. Gli iberici deludenti e senza idee sbagliano tre volte dal dischetto
Angolo Bocce
3 ore
Alessandro Eichenberger e Aramis Gianinazzi vincono in Austria
La giovane coppia dell’Ideal di Coldrerio si è imposta nel torneo internazionale di Hard, contro i chiassesi Peschiera e Dalle Fratte
Hockey
3 ore
Qualche settimana d’assenza per Kostner e Kneubuehler
Contro il Rapperswil i due hanno subito una contusione alla spalla sinistra, rispettivamente un infortunio muscolare al torace
COSE DELL'ALTRO MONDO
4 ore
Mr. Irrilevant, anche gli ultimi hanno il loro giorno di gloria
Scelto quale 262° giocatore al draft 2022, Brock Purdy è salito agli onori della cronaca con San Francisco. Ma nella Nfl la carriera è molto breve
TIRI LIBERI
5 ore
I progetti del basket svizzero sembrano usciti da un incubo
Dall’assurdità di una fase a orologio basata sulla classifica della scorsa stagione a una Coppa Svizzera che produce palestre vuote
CALCIO
6 ore
Fissata la prima amichevole, sabato il Lugano ospita il Monza
La compagine di Serie A a Cornaredo dalle 14. Oggi l’inizio della prevendita (agibili solo tribuna principale e spalti)
Qatar 2022
21 ore
L’arte del pallone: il Brasile non dà scampo alla Corea
Primo tempo a passo di danza in un lunedì senza storia, con la selezione di Tite che liquida la pratica degli ottavi segnando quattro gol
HOCKEY
21 ore
L’ipocrisia dell’ibrido. Mottis: ‘Che formazione sia’
L’inverno rigido di una Swiss League che attende di conoscere il proprio destino dopo aver sopravvalutato se stessa. ‘Quei 400 mila franchi ora mancano’
Altri sport
22 ore
Riesaminate le provette dei Giochi 2012: 73 casi di doping
Immane lavoro dell’Ita su richiesta del Comitato olimpico internazionale: oltre 2700 campioni analizzati, trentun medaglie ritirate e 46 riassegnate
Qatar 2022
1 gior
Ai rigori vince la Croazia
I giapponesi non reggono la pressione e dal dischetto sbagliano 3 volte su 4
© Regiopress, All rights reserved