laRegione
Marocco
0
Spagna
0
fine
(0-0 : 0-0 : 0-0 : 3-0)
GCK Lions
Langenthal
19:45
 
CALCIO
02.10.22 - 19:37
Aggiornamento: 20:29

Bellinzona tradito dai dettagli, lo Sciaffusa ringrazia

Granata sconfitti al Comunale (e i tifosi contestano la gestione del club). Inutile la rete di Pollero, determinante l’espulsione di Izmirlioglu

di Matteo Giottonini
bellinzona-tradito-dai-dettagli-lo-sciaffusa-ringrazia

Dopo un primo tempo disordinato, ma equilibrato, nella ripresa i granata patiscono l’espulsione di Izmirlioglu e subiscono due reti in dieci minuti. Inutile l’assalto finale, che porta unicamente alla rete di Pollero.

Nel giorno della protesta di un gruppo di tifosi granata, espressa tramite un comunicato nel quale viene criticata la gestione del club (e con proteste anche a fine partita), a rendersi inizialmente più pericoloso è lo Sciaffusa: a farne le spese è Kiassumbua, rimasto a terra dopo un’uscita un po’ avventata e sostituito dal debuttante Muci. Gli uomini guidati da Hakan Yakan si rendono pericolosi soprattutto sulle palle ferme, con Muci che causa non pochi brividi ai tifosi di casa. I granata riescono raramente a costruire trame offensive degne di tale nome: quando riescono a farsi vedere dalle parti di Ruberto sono purtroppo vittima dei loro errori o, in almeno due casi, di decisioni arbitrali quantomeno dubbie (in particolare su alcuni tocchi di mano reputati involontari). Con il passare dei minuti il gioco rimane equilibrato, con Miranda che salva i suoi togliendo dai piedi di Bobadilla il pallone del vantaggio ospite; poco dopo la mezz’ora è invece Pollero ad avvicinarsi al classico gol dell’ex. Il Bellinzona stenta a ingranare, e nonostante l’incessante sgolarsi di un indiavolato mister Raineri a bordocampo (al suo debutto in Challenge) gli errori si moltiplicano, con il solo Mihajlovic a salvarsi nel caos generale. L’undici in campo sembra una pallida e triste copia di quello – tanto battagliero quanto ben organizzato – ammirato in Coppa contro il Lucerna, ma a onor del vero lo Sciaffusa non è messo molto meglio: la scelta più gettonata è la palla lunga, a cercare l’inossidabile Bobadilla. A inizio ripresa Izmirlioglu la combina grossa, lasciando i suoi in dieci a causa di due interventi fallosi in due minuti (!) che gli costano due gialli. Un attimo di follia che inizia a far colare a picco il vascello granata. La picconata successiva la assesta Muci poco dopo, uscendo a valanga sul lanciatissimo Luan e non dando altra possibilità all’arbitro Kanagasingam che quella di indicare il dischetto del rigore, dal quale il capitano Müller non sbaglia. Lo Sciaffusa capisce di aver fatto il grosso del lavoro e si accomoda ad aspettare che il raddoppio cada dal cielo: cosa che succede prontamente dieci minuti dopo, con Luan che parte sul filo del fuorigioco e supera un esitante Muci con un pregevole pallonetto. Mentre sulle tribune gli aficionados granata già sentenziano "Pori nüm!", ci pensa Pollero – su ottimo cross dell’inesauribile Mihajlovic – a rinvigorire le speranze di portare a casa almeno un punto, ma i tentativi di assedio conclusivo sono infruttuosi: è difatti lo Sciaffusa a chiuderla definitivamente nel recupero. A fine partita Baldo Raineri analizza così la sfida: «La partita è stata decisa dai dettagli. Nella fase offensiva dobbiamo ancora lavorare, non siamo stati brillanti. I ragazzi però ci hanno messo impegno. Peccato per il rosso di Izmirlioglu dato che è un giocatore molto importante per noi, ma d’altronde queste cose succedono anche ad altissimi livelli. Lo Sciaffusa è una squadra che ho sempre sofferto, che ti fa giocare male. È una squadra tosta, non per niente l’anno scorso è quasi salita in Super League. Il risultato dice che è un passo indietro, ma la prestazione secondo me no».

Bellinzona - Sciaffusa (0-0) 1-3

Reti: 63’ S. Müller 0-1, 73’ Luan 0-2, 83’ Pollero 1-2, 90+4’ Vogt

Bellinzona: Kiassumbua (12’ Muci), Izmirlioglu, G. Padula, Miranda, Mihajlovic, Centinaro (78’ Doldur), Romero, Morgado (78’ Tia), Souza, Samba (57’ Manis), Pollero

Sciaffusa: Ruberto, Lika, Hamdiu, S. Müller, Lurvink, Soldo (46’ A. Müller), Luan (78’ Vogt), Stevic (92’ Kalem), Gonzalez, Sliskovic (67’ Cherny), Bobadilla (92’ Rustemoski)

Arbitro: Kanagasingam

Note: 872 spettatori. Ammoniti: 34’ Pollero, 38’ Stevic, 52’ Izmirlioglu, 68’ Gonzalez, 78’ Morgado, 87’ Mihajlovic; Espulso: 54’ Izmirlioglu (doppia ammonizione). Bellinzona privo di Cortelezzi, A. Padula, Klein (infortunati), Monti (squalificato); Sciaffusa privo di Sahitaj, Krasniqi (infortunati), Rhyner (squalificato);

Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
QATAR 2022
24 min
I rigori mandano il Marocco in Paradiso e la Spagna a casa
Gli africani per la prima volta ai quarti di finale dopo una partita difensiva. Gli iberici deludenti e senza idee sbagliano tre volte dal dischetto
Angolo Bocce
3 ore
Alessandro Eichenberger e Aramis Gianinazzi vincono in Austria
La giovane coppia dell’Ideal di Coldrerio si è imposta nel torneo internazionale di Hard, contro i chiassesi Peschiera e Dalle Fratte
Hockey
4 ore
Qualche settimana d’assenza per Kostner e Kneubuehler
Contro il Rapperswil i due hanno subito una contusione alla spalla sinistra, rispettivamente un infortunio muscolare al torace
COSE DELL'ALTRO MONDO
4 ore
Mr. Irrilevant, anche gli ultimi hanno il loro giorno di gloria
Scelto quale 262° giocatore al draft 2022, Brock Purdy è salito agli onori della cronaca con San Francisco. Ma nella Nfl la carriera è molto breve
TIRI LIBERI
5 ore
I progetti del basket svizzero sembrano usciti da un incubo
Dall’assurdità di una fase a orologio basata sulla classifica della scorsa stagione a una Coppa Svizzera che produce palestre vuote
CALCIO
6 ore
Fissata la prima amichevole, sabato il Lugano ospita il Monza
La compagine di Serie A a Cornaredo dalle 14. Oggi l’inizio della prevendita (agibili solo tribuna principale e spalti)
Qatar 2022
21 ore
L’arte del pallone: il Brasile non dà scampo alla Corea
Primo tempo a passo di danza in un lunedì senza storia, con la selezione di Tite che liquida la pratica degli ottavi segnando quattro gol
HOCKEY
21 ore
L’ipocrisia dell’ibrido. Mottis: ‘Che formazione sia’
L’inverno rigido di una Swiss League che attende di conoscere il proprio destino dopo aver sopravvalutato se stessa. ‘Quei 400 mila franchi ora mancano’
Altri sport
22 ore
Riesaminate le provette dei Giochi 2012: 73 casi di doping
Immane lavoro dell’Ita su richiesta del Comitato olimpico internazionale: oltre 2700 campioni analizzati, trentun medaglie ritirate e 46 riassegnate
Qatar 2022
1 gior
Ai rigori vince la Croazia
I giapponesi non reggono la pressione e dal dischetto sbagliano 3 volte su 4
© Regiopress, All rights reserved