laRegione
CHALLENGE LEAGUE
11.09.22 - 16:55
Aggiornamento: 19:08

Amarissima trasferta per il Bellinzona

Granata rimontati e nettamente sconfitti dal Wil: 5-1, fin troppo severo il risultato finale

di Matteo Giottonini
amarissima-trasferta-per-il-bellinzona

Prima sconfitta in trasferta per il Bellinzona, che torna dal Canton San Gallo senza punti: all’iniziale rete di Pollero il Wil risponde con una prova solida, giustificando ampiamente la sua posizione nelle parti alte della classifica. I sangallesi sono abili a crearsi da subito alcune buone occasioni, mentre i granata sembrano inizialmente patire il sintetico della Lidl Arena; reagiscono tuttavia compostamente, lasciando agli avversari l’ingerenza di costruire il gioco. Una volta trovata maggior confidenza con l’erba finta, i granata scalano marcia e mettono la freccia: serie di passaggi sulla sinistra, traversone di Tosetti (già uomo-assist a Yverdon) e incornata vincente di Pollero. Punto nell’orgoglio e spinto dal pubblico amico, il Wil prova a riprendere il controllo della partita, tentando in tutti i modi di scardinare il collaudato quartetto difensivo bellinzonese. Per riuscirci ha però bisogno di un calcio di punizione, fischiato da Staubli per fallo di Pollero: palla in area, testa di Muntwiler e sfera che arriva sui piedi di Zali, lasciato colpevolmente solo soletto in area e rapido nel trovare il pareggio. I grigiovestiti sangallesi continuano a spingere, ansiosi di prolungare la loro imbattibilità casalinga, rendendosi pericolosi sia su palle ferme sia su azione: fortunatamente per l’Acb i giocatori del Wil peccano spesso di imprecisione o egoismo, con Lukembila che in un caso si intestardisce in un dribbling tanto spettacolare quanto non riuscito, divorandosi una nitida occasione in contropiede. I granata, molto fallosi, subiscono il pressing avversario e rimangono per lungo tempo lontani dalla porta di Keller; quando si avvicina il termine del primo tempo Manis va però vicino al nuovo vantaggio al termine di un caotico batti e ribatti ("prendila tu che la prendo io") in piena area di rigore, ma la sua conclusione si spegne a lato, sicché si arriva al canonico tè caldo della pausa con un salomonico pareggio. La ripresa vede il Wil spingere con entrambi i piedi sull’acceleratore: similmente al primo tempo, per passare hanno però bisogno di una palla ferma. Padula atterra Reichmuth al limite dell’area e Ndau cava dal cilindro una conclusione magistrale, con un sinistro chirurgico che beffa Kiassumbua. Passano 5 minuti e il Bellinzona va in panne: i sangallesi, scaltri come faine, recuperano palla in difesa e con due tocchi sono già davanti a Kiassumbua, con il brasiliano Silvio che insacca il 3-1. Cocimano prova a correre ai ripari, inserendo Centinaro e Izmirlioglu (oltre a Chacón, buttato nella mischia poco prima del 3-1), ma i proverbiali buoi sono ormai scappati dalla stalla e vagano per i campi del Toggenburgo. Assicuratosi il doppio vantaggio, il Wil consegna ai granata il controllo della palla e si ritira nella propria metà campo, mentre gli ospiti, assorbito il colpo doppio, ci mettono tutta la grinta possibile per provare a rientrare in partita approfittando del possesso palla loro concesso. Si mettono in evidenza soprattutto Romero, Izmirlioglu e Pollero (gli ultimi due con conclusioni ravvicinate, fuori di poco), ma gli arcigni sangallesi fanno buona guardia, trovando nel finale altre due reti, con il capitano Muntwiler che capitalizza un fulmineo contropiede, e con Maier. Punizione decisamente troppo severa per i granata, che dovranno recuperare energie – fisiche, ma soprattutto mentali – per la difficile ma affascinante sfida di Coppa di sabato prossimo contro il Lucerna.

Wil - Bellinzona: 5-1 (1-1)
Reti: 18’ Pollero 0-1, 30’ Zali 1-1, 55’ Ndau 2-1, 60’ Silvio 3-1, 88’ Muntwiler 4-1, 92’ Maier 5-1
Wil: Keller, Wallner, Zali (79’ Cueni), Montolio, Heule, Muntwiler (C), Bahloul (86’ Zumberi), Reichmuth (79’ Staubli), Ndau, Lukembila (70’ Maier), Silvio (70’ Muci)
Bellinzona: Kiassumbua, Mihajlovic (C), Monti (60’ Izmirlioglu), Guillermo Padula, Berardi, Souza, Tosetti (78’ Doldur), Romero, Manis (60’ Centinaro), Samba (56’ Chacón), Pollero
Arbitro: Staubli
Note: Lidl Arena, 1’230 spettatori. Ammoniti: 4’ Manis, 36’ Monti, 54’ Mihajlovic.
Wil privo di Dickenmann (squalificato), Bega, Brahimi (infortunati); Bellinzona privo di Cortelezzi (infortunato).

Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Qatar 2022
11 ore
Un missile di Fullkrug tiene in corsa i tedeschi
Finisce in parità la sfida più attesa tra una Spagna che dovrà stare attenta al Giappone e una Germania che si gioca tutto con il Costarica
Sci
13 ore
Wendy, il gran giorno è arrivato. Ma lo deve condividere
Sulle nevi del Vermont la svittese centra infine un trionfo nello slalom che inseguiva da una vita. A far festa con lei, però, c’è anche Larson
Qatar 2022
13 ore
Senza Neymar l’esame di maturità di Yakin
Il tecnico rossocrociato, che 15 mesi fa allenava ancora in Challenge League, contro il Brasile non disporrà di Okafor
Qatar 2022
14 ore
Davies illude il Canada, Kramaric lo elimina
La Croazia rimonta grazie soprattutto a una doppietta della punta dell’Hoffenheim
IL DOPOPARTITA
15 ore
Un weekend in bianco: ‘Restiamo positivi, meritavamo di più’
L’Ambrì rende nuovamente la vita dura allo Zurigo, che però trova il modo di spuntarla. ‘La fortuna? Non è stata dalla nostra, ma bisogna anche cercarla’
QATAR 2022
15 ore
Belgio sconfitto, a Bruxelles scoppiano disordini
La polizia è intervenuta con cannoni ad acqua per disperdere i tifosi facinorosi. Le autorità hanno chiesto alla popolazione di non recarsi in centro
QATAR 2022
16 ore
‘Battere il Brasile? Non mi stupirebbe’
Nestor Subiat fiducioso sulle qualità della Nazionale svizzera. ‘E per l’Argentina il Mondiale inizia adesso’. Il ricordo del 1994 e di Andres Escobar
Qatar 2022
17 ore
Marocco troppo forte per il Belgio
Dopo il pareggio coi croati vicecampioni del mondo, i magrebini colgono la posta piena coi Diavoli rossi
Qatar 2022
18 ore
Bandiera del Kosovo nello spogliatoio serbo: ‘Fifa ipocrita’
Criticata dal governo della Serbia la decisione di avviare un procedimento disciplinare contro la locale Federcalcio per il vessillo esposto ai Mondiali
Tennis
20 ore
Coppa Davis, nelle qualificazioni Svizzera-Germania
Trasferta impegnativa per i rossocrociati, che sfideranno Zverev e compagni all’inizio di febbraio
© Regiopress, All rights reserved