laRegione
calcio
29.07.22 - 20:32

‘Tutti possono farsi rispettare’

Il Lugano, confrontato con assenze e un inizio di stagione complicato, inizia a Winterthur un tour de force di cinque partite in due settimane

di Daniele Neri
tutti-possono-farsi-rispettare
Ti-Press/Bianchi
Anche Babic nella lista degli assenti

Con la partita di domani a Winterthur, inizia per il Lugano un importante tour de force. Sono cinque le partite da affrontare, nel giro di due settimane. Dapprima la neopromossa, poi le due sfide nella Conference League con la squadra israeliana dell’Hapoel Beer Sheva, intercalate con la sfida in casa con il Lucerna, per finire in trasferta con il Basilea. Sicuramente non avrà attualmente sogni molto tranquilli Mattia Croci-Torti, confrontato con un inizio di stagione balbettante (due sconfitte) e con una coperta non molto lunga. Ai già infortunati di lunga data, Aliseda, Facchinetti e Hajrizi e lo squalificato Daprelà, che sconta la sua seconda e ultima giornata di squalifica, in settimana si sono aggiunti anche altri due giocatori, Babic e Amoura. Quest’ultimo, che a Zurigo come subentrante era parso tra i migliori in campo, lamenta un piccolo risentimento muscolare.

«So di avere una coperta un po’ corta – precisa il tecnico –, a inizio stagione abbiamo avuto qualche defezione e adesso si sono aggiunti per questa partite anche i due giocatori offensivi. Evidentemente ci viene a mancare qualche cosa in fase offensiva, ma se penso a Bottani e a Mahou possono giostrare anche più in avanti. Qualche soluzione non ci manca. Non mi piacciono gli alibi, quindi è inutile cercare responsabilità da qualche parte. Non nascondo che le due ultime partite in confronto all’anno scorso le abbiamo giocate meglio, soprattutto per quanto concerne il possesso palla. Non abbiamo avuto quella solidità difensiva che ci contraddistingue. Dobbiamo essere solidi, da Saipi a Celar, abbiamo preso delle reti che non dovevamo prendere. Questa settimana abbiamo lavorato anche in maniera abbastanza dura e ossessiva, per cercare di ovviare a queste disattenzioni che ci sono costate punti nelle prime due uscite in campionato. Chiaramente avendo tante partite in pochi giorni, ci sarà una rotazione, chiaro l’obiettivo è di mettere in campo la squadra migliore. Quando ci sono rotazioni, perché il Mister pensa che qualcuno sia stanco, un giocatore fresco darà sicuramente un valido nuovo contributo, non abbiamo una rosa ampia, ma tutti possono farsi rispettare, sicuramente la quinta partita, quella del 14 agosto a Basilea sarà difficile».

Buone possibilità che il nuovo arrivato, il difensore Arigoni possa partire dal primo minuto come titolare al posto di Durrer? «Ha ancora pochi giorni di lavoro effettivo, chiaro che abbiamo bisogno anche di lui, nelle prossime gare ci darà una bella mano. Non so se già domani, oppure giovedì o domenica l’altra, posso dirlo con franchezza, ci sarà molto utile». Da un difensore, si passa a un attaccante, Haile-Selassie, sfortunato domenica con il Gc, una sua bella rete è stata annullata per un millimetrico fuorigioco (dopo consultazione con il Var) del suo compagno Celar. «Lui è un ragazzo speciale, lo scorso campionato ha fatto molto, ma molto bene a partita in corso. Ci ha risolto più partite, nei minuti finali, penso al match con il Lucerna, a Thun, con l’Yb e poi ha fatto un gol cruciale nella finale di Coppa. È un giocatore che nei minuti finali ci ha dato quella sterzata, ma non è mai riuscito ad avere quella continuità di rendimento dal primo minuto, arrivava dalla Challenge League, però al primo allenamento si è presentato in forma perfetta. Aveva voglia comunque di mettermi in difficoltà, di sorprendermi. Voleva farmi vedere che poteva giocare dal primo minuto. È stato impiegato in tutte le partite amichevoli, penso che in queste due prime uscite sia risultato uno dei più positivi».

‘Dovremo stanarli’

Il Winterhur è una squadra neopromossa, forse fragile in trasferta, ma che quando gioca in casa, davanti al suo pubblico, con lo stadio della Schützenwiese che ribolle non è facile affrontare: «Dovremo esser molto flessibili, come lo siamo stati nei due turni precedenti. L’impostazione tra una partita e l’altra era completamente diversa, cercheremo di giocarcela, chiaramente rimanendo solidi in difesa. Non c’è pressione, io voglio vincere ogni domenica, sappiamo che sarà difficilissimo, ho visto le gare che ha giocato il Winterthur, una squadra abbordabile, che però non concede spazi, gioca molto bassa ma ha delle ripartenze micidiali. Ha dei giocatori d’esperienza, vedi Di Giusto, Ramizi, Buess e Rodriguez. Gli ottomila che saranno presenti sulle tribune spingeranno moltissimo. Nella mia carriera ho vinto pochissime volte alla Schützenwiese. Sono sempre state grandi battaglie. Punti deboli? La qualità della mia squadra è migliore della loro. Dobbiamo stanarli, loro saranno molto guardinghi. Sarà un osso duro da battere. Dovremo sfruttare le nostre occasioni e assolutamente non andare in svantaggio».

In queste settimane si è parlato molto di Mattia Bottani, ce lo vede giocare a Chicago? «Assolutamente no – è la pronta risposta del coach ticinese –, lo vedo con me, finché sta a Lugano sono contentissimo. Non accendiamo polemiche, in queste settimane se ne è parlato anche fin troppo. Il ragazzo in questa settimana si è allenato al meglio. Sono consapevole che nella sua prima partita da titolare dopo due settimane d’allenamento non poteva essere al top. Un giocatore chiave per noi, bisogna dargli le sue responsabilità, un leader tecnico per noi. Io lo vedo domani alla Schützenwiese e non Oltreoceano».

Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Qatar 2022
10 ore
Un missile di Fullkrug tiene in corsa i tedeschi
Finisce in parità la sfida più attesa tra una Spagna che dovrà stare attenta al Giappone e una Germania che si gioca tutto con il Costarica
Sci
13 ore
Wendy, il gran giorno è arrivato. Ma lo deve condividere
Sulle nevi del Vermont la svittese centra infine un trionfo nello slalom che inseguiva da una vita. A far festa con lei, però, c’è anche Larson
Qatar 2022
13 ore
Senza Neymar l’esame di maturità di Yakin
Il tecnico rossocrociato, che 15 mesi fa allenava ancora in Challenge League, contro il Brasile non disporrà di Okafor
Qatar 2022
14 ore
Davies illude il Canada, Kramaric lo elimina
La Croazia rimonta grazie soprattutto a una doppietta della punta dell’Hoffenheim
IL DOPOPARTITA
15 ore
Un weekend in bianco: ‘Restiamo positivi, meritavamo di più’
L’Ambrì rende nuovamente la vita dura allo Zurigo, che però trova il modo di spuntarla. ‘La fortuna? Non è stata dalla nostra, ma bisogna anche cercarla’
QATAR 2022
15 ore
Belgio sconfitto, a Bruxelles scoppiano disordini
La polizia è intervenuta con cannoni ad acqua per disperdere i tifosi facinorosi. Le autorità hanno chiesto alla popolazione di non recarsi in centro
QATAR 2022
16 ore
‘Battere il Brasile? Non mi stupirebbe’
Nestor Subiat fiducioso sulle qualità della Nazionale svizzera. ‘E per l’Argentina il Mondiale inizia adesso’. Il ricordo del 1994 e di Andres Escobar
Qatar 2022
17 ore
Marocco troppo forte per il Belgio
Dopo il pareggio coi croati vicecampioni del mondo, i magrebini colgono la posta piena coi Diavoli rossi
Qatar 2022
18 ore
Bandiera del Kosovo nello spogliatoio serbo: ‘Fifa ipocrita’
Criticata dal governo della Serbia la decisione di avviare un procedimento disciplinare contro la locale Federcalcio per il vessillo esposto ai Mondiali
Tennis
20 ore
Coppa Davis, nelle qualificazioni Svizzera-Germania
Trasferta impegnativa per i rossocrociati, che sfideranno Zverev e compagni all’inizio di febbraio
© Regiopress, All rights reserved