laRegione
calcio
22.07.22 - 18:52

‘Per battere una squadra con tali qualità dovremo essere umili’

Il Lugano di Mattia Croci-Torti va a caccia del primo successo stagionale sul campo del Grasshopper, con Bottani titolare e Valenzuela terzino

di Daniele Neri
per-battere-una-squadra-con-tali-qualita-dovremo-essere-umili

Dopo la sconfitta casalinga di domenica con il Sion, domenica pomeriggio al Letzigrund con il Grasshopper il Lugano di Mattia Croci-Torti è subito chiamato a cancellare il passo falso interno. La settimana è trascorsa all’insegna del grande caldo, ma ha permesso al mister di ampliare la rosa: Bottani a tempo pieno «partirà sicuramente titolare» come preannunciato dal tecnico, poi anche Arigoni si è allenato regolarmente, mentre Belhadj ha scontato la sua giornata di squalifica e da metà settimana è a disposizione anche il 22enne centrocampista Uran Bislimi, ex Sciaffusa («è un bel giocatore che già domenica potrà farci comodo» dice l’allenatore dell’ultimo arrivato). Gli assenti saranno lo squalificato Daprelà, gli infortunati di lungo corso Aliseda, Macek, Facchinetti e Hajrizi. In forse Amoura, che a causa di un leggero risentimento ha dovuto interrompere l’allenamento mattutino.

L’allenatore bianconero, prima di parlare della partita con le Cavallette, durante la conferenza stampa ha voluto togliersi qualche sassolino dalle scarpe: «Ultimamente ho la sensazione, soprattutto dalla semifinale di Coppa in poi, che l’arbitro fischi sempre bene, mentre il Var ci metta il bastone fra le ruote. Gli episodi non sono isolati, danno l’impressione che il lavoro dell’arbitro non venga sempre coadiuvato dal video. Torno sull’episodio di domenica scorsa, l’espulsione di Daprelà: sono sempre dell’avviso che non fosse un fallo da espulsione. Non voglio in questa sede piangere ancora per l’arbitraggio, è un capitolo chiuso, però mi ha fatto specie che tutte le volte siamo un po’ traditi da chi non è presente e non capisce le dinamiche della partita».

L’avversario di domenica è al debutto stagionale: «Con il nostro potenziale siamo in grado di vincere con qualsiasi avversario, ma allo stesso tempo possiamo perdere contro tutti. Andiamo a Zurigo per affrontare una squadra che ha cambiato pochissimo e che nell’ultimo turno dello scorso campionato ha fatto molto bene, ha perso solo un forte attaccante, Sanè, sarà una partita difficilissima. Si tratta di una squadra nota per le grandi qualità di cui dispone. Non dobbiamo essere spavaldi e pensare che siamo più forti di loro. Dobbiamo bensì essere umili, ci vorrà tanta sofferenza per portare a casa più punti possibili».

Parlando dei singoli il coach si è soffermato su Milton Valenzuela, «un giocatore che da tanto tempo ha alzato l’asticella delle sue prestazioni. Anche in finale a Berna con le sue giocate ci aveva aiutato parecchio, negli ultimi mesi ha giocato su ottimi livelli, nonostante arrivasse da un lungo periodo durante il quale non aveva giocato molto. A me piace in modo particolare perché è un giocatore polivalente, penso lo abbia dimostrato domenica contro il Sion, giocando in una posizione non sua. È dotato di una grande volontà e vede certe situazioni che altri non vedono. Darà a tutta la squadra una grossa mano, tornando a fare il terzino. A centrocampo abbiamo recuperato qualche giocatore quindi non stravolgeremo la squadra».

Da Valenzuela, uno dei migliori con il Sion, al portiere Amir Saipi: «Questa settimana si è allenato molto bene, è un ragazzo intelligente. Sa che poteva fare meglio, però l’ho visto molto positivo. Non dimentichiamo che è un ragazzo giovane a cui bisogna concedere "momenti non esaltanti" come si è visto nelle ultime partite e che va sostenuto e aiutato. Ma ha grandi risorse e qualità, nonostante qualche alto e basso come tutti i portieri, domenica avrà tanta voglia di rivincita che deve trascinarlo, non si abbatte sugli errori e riflette molto. L’importante è che non si fermi, che abbia la voglia e la costanza di migliorarsi ogni giorno».

Infine si è anche parlato delle voci di un possibile interessamento del Sion per Bottani: «Quando si parla di Mattia bisogna avere solo rispetto. È un giocatore che al Lugano ha dato moltissimo, stiamo parlando di un’icona della nostra società, queste voci lasciano il tempo che trovano. Troppo facile parlare di lui, interessa a tutte le squadre in Svizzera, ma qui ha lasciato il segno. Ogni giorno si allena al massimo, con questa maglia vuole vincere ancora tante partite, inoltre negli anni si è migliorato tanto. Per cui queste voci non mi hanno toccato e anche lui è serenissimo», conclude il tecnico.

Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Qatar 2022
2 ore
Elvedi e Sommer non si sono allenati
Entrambi raffreddati alla vigilia di Svizzera - Serbia, hanno saltato la seduta di giovedì
I mondiali dal divano
8 ore
I segreti dei suoi occhi
Le Coppe del mondo passano, i ricordi restano. Poi diventano tesori nelle nostre memorie
QATAR
15 ore
In campo c’è solo l’Argentina, avanti con Mac Allister e Alvarez
Szczesny il migliore di una Polonia che passa per il rotto della cuffia. Al Messico non basta il 2-1 sull’Arabia Saudita
FREESTYLE
19 ore
Marco Tadé infortunato in Finlandia durante un allenamento
Il 26enne ticinese, già rimpatriato e ospedalizzato a Lugano, ha subito la rottura di quattro costole, di una clavicola e la perforazione di un polmone
QATAR 2022
19 ore
L’Australia raggiunge la Francia negli ottavi di finale
I ‘socceroos’ superano una deludentissima Danimarca con un gol di Leckie. Nell’altra partita, vittoria inutile della Tunisia
Calcio
20 ore
Pelé di nuovo ricoverato
O’Rey, che è malato di cancro, sarebbe in condizioni critiche
CICLISMO
21 ore
Morto Davide Rebellin, investito in bicicletta da un camion
Il dramma nel comune di Montebello Vicentino. Il 51enne italiano aveva chiuso la carriera nel 2022, dopo aver vinto Freccia (3 volte), Liegi e Amstel
Qatar 2022
22 ore
In silenzio Xhaka e Shaqiri
L’Asf, per evitare qualsiasi polemica coi serbi, impedisce di parlare ai due protagonisti della sfida di quattro anni fa
SCI ALPINO
22 ore
La lotta di Eliasch sui diritti tv potrebbe sfociare in crisi
Il nuovo presidente Fis intende centralizzarli, ma deve lottare contro l’opposizione di federazioni potenti come quelle svizzera, austriaca e tedesca
Calcio
23 ore
Il futuro della Juve fra rischi, Agnelli ed ex bandiere
Dopo le dimissioni del presidente e dell’intero CdA, per il club bianconero si apre un’era fitta di interrogativi
© Regiopress, All rights reserved