laRegione
09.06.22 - 14:52

Catenaccio di Platini e Blatter: accuse respinte in blocco

Il primo: ‘Ciò che ha fatto la Fifa è uno scandalo. L’obiettivo era che non ne diventassi presidente’. Il secondo: ‘Già punito per 7 anni’

Ats, a cura de laRegione
catenaccio-di-platini-e-blatter-accuse-respinte-in-blocco
Ti-Press
Accuse respinte al mittente

L’ex presidente della Fifa Joseph Blatter e Michel Platini hanno respinto in blocco tutte le accuse mosse contro di loro davanti al Tribunale penale federale (Tpf) di Bellinzona. L’ex stella del calcio francese ha dichiarato di non essere mai stato interessato al denaro.

Michel Platini, già presidente dell’Unione delle federazioni calcistiche europee (Uefa), ha raccontato come è iniziata la sua collaborazione con l’allora presidente della Fifa: "Mi chiese quanto volevo" per diventare suo consigliere "e io risposi ‘un milione’". Secondo lui, non era specificato se si trattasse di pesetas, lire o altra valuta. Solo in seguito si è capito che si trattava di franchi svizzeri. Sulla base di questo accordo orale, Platini ha iniziato a lavorare per la Fifa nel 1998.

Gentlemen’s agreement

In precedenza, anche Sepp Blatter aveva riferito di un ‘gentlemen’s agreement’ concluso verbalmente con il tre volte vincitore del Pallone d’Oro. Michel "Platini mi ha detto: ‘Valgo un milione all’anno’ e io ho detto di sì", ha spiegato.

Un anno dopo, è emerso che era necessario un contratto ufficiale. Blatter, in un incontro privato, ha riferito all’ex calciatore di non poter pagare uno stipendio di un milione di franchi perché la federazione calcistica internazionale si trovava in una brutta situazione finanziaria. "Nel 2002 eravamo praticamente in bancarotta", ha spiegato. È stato concordato che avrebbe ricevuto 300’000 franchi, come segretario generale della Fifa, e il resto sarebbe stato versato in seguito.

Platini, dal canto suo, ha ripetuto più volte di non essere interessato al denaro. "Ho iniziato a guadagnarmi bene da vivere a 17 anni", ha detto. Ma per lui contava la parola di Sepp Blatter. Il motivo per cui ha reclamato lo stipendio concordato solo nel 2011 è che la Fifa aveva liquidato altre richieste di risarcimento per altri dipendenti.

Il francese ha ammesso di essersi sbagliato su una cosa: ha chiesto 500’000 franchi annuali alla Fifa – invece di 700’000 – perché non ha controllato quanto aveva già ricevuto in precedenza. "Ho commesso un errore", ha ammesso mentre in aula scoppiava una risata. "Me ne sono reso conto quando il procuratore mi ha mostrato il contratto del 1999 durante l’interrogatorio".

Un ‘salario dovuto’

Blatter ha negato di aver versato illegalmente due milioni di franchi, più gli oneri sociali, a Michel Platini nel 2011. Era lo "stipendio dovuto", ha dichiarato. "Non capisco perché ci troviamo in un’udienza penale, per una procedura amministrativa interna di un’associazione come la Fifa", ha aggiunto.

Il vallesano non ha saputo spiegare perché le richieste di Platini di arretrati per servizi resi tra il 1998 e il 2002 siano arrivate solo nel 2011. Ha però negato che la fattura del francese trovata nel suo ufficio fosse un "pegno" per impedirgli di diventare presidente della Fifa.

Blatter non ha risposto neppure a una domanda dell’avvocato della Fifa, che voleva sapere perché il pagamento dei due milioni di franchi non fosse menzionato nei documenti e nei verbali, anche se secondo Blatter era stato approvato da tutti gli organi della federazione. L’attuale presidente della Fifa "Gianni Infantino non mi risponde dal 2016, quindi non rispondo nemmeno alle domande della Fifa", ha detto.

Processo mediatico

Platini si è scagliato contro il Ministero pubblico della Confederazione (Mpc) e la Fifa: "Quello che la Fifa ha fatto a me e al suo ex presidente è uno scandalo. L’obiettivo, come tutti sanno, era che non diventassi presidente della Fifa". Come personalità di fama mondiale, è pesante essere accusati in questo modo: "Ma la verità verrà fuori. La giustizia trionferà", ha detto il francese.

Anche Sepp Blatter ha criticato il processo mediatico contro di lui dopo l’azione promossa dall’Mpc nel 2015, quando non aveva fatto altro che compiere il suo dovere. "Sono già stato punito, e per sette anni", si è lamentato.

La sua famiglia ha sofferto. Anche sua nipote è stata vittima di mobbing, ha detto, aggiungendo di essere felice che il caso sia ora davanti a un tribunale.

Alla domanda sulla sua situazione personale, Blatter ha detto di avere un appartamento a Visp (Vs), ma che la sua vita sociale si svolge a Zurigo. Vive grazie all’Avs e ai suoi risparmi, che non ha quantificato. Il suo fabbisogno finanziario ammonta a 25’000 franchi al mese.

Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Hockey
4 ore
Tre punti d’oro per un affarone: l’Ambrì espugna Langnau
I biancoblù colgono un importantissimo successo nell’Emmental e fanno 4 su 4 contro i Tigrotti in stagione. Decisivo l’apporto della prima linea
CALCIO
6 ore
Aliseda all’ultimo respiro, il Lugano strappa un punto al Gc
Partita senza grosse emozioni che si chiude con un pareggio tutto sommato giusto e accettabile da entrambe le squadre
Basket
8 ore
Domati i Leoni ginevrini, Sam all’ultimo atto
A Montreux il Massagno di Robbi Gubitosa non stecca e si qualifica per l’ultimo atto di Coppa della Lega
Sci
13 ore
Shiffrin ancora davanti a tutte: 85esima vittoria per lei
La statunitense vince anche fra i paletti stretti di Spindleruv Mlyn e ora tallona Stenmark. Terzo posto per Wendy Holdener.
Tennis
14 ore
È Aryna Sabalenka la regina d’Australia
La bielorussa fa suo il primo Slam dell’anno. Battuta in finale, in tre set, Elena Rybakina al termine di una sfida durata due ore e mezza
Sci
14 ore
Rientro riuscito: Odermatt fa suo il primo superG di Cortina
Il nidvaldese non lascia scampo alla concorrenza. Ad accompagnarlo sul podio il norvegese Kilde (secondo a 35 centesimi) e l’italiano Casse
Calcio
21 ore
‘Carmelo Bene, male tutti gli altri’
In un libro di recente pubblicazione vengono raccolti alcuni degli scritti a sfondo sportivo firmati da un maestro del teatro italiano del Novecento
IL DOPOPARTITA
1 gior
Il Lugano ci prende gusto. ‘Però cerchiamo di badare al sodo’
Quarto successo filato per i bianconeri di Gianinazzi, che si confermano anche contro l’Ajoie. Il coach. ‘A me, però, la prima mezz’ora è piaciuta meno”
Altri sport
1 gior
Pattinaggio artistico, bronzo europeo per Lukas Britschgi
Lo sciaffusano grazie al miglior programma libero della carriera sale sul podio di Helsinki, alle spalle del francese Siao Him Fa e dell’italiano Rizzo
Hockey
1 gior
Il Lugano non si ferma e liquida anche l’Ajoie
I bianconeri, ora a 55 punti, non hanno lasciato scampo ai giurassiani, piegati 5-2 alla Cornèr Arena.
© Regiopress, All rights reserved