laRegione
arriviamo-a-berna-nel-momento-giusto-e-con-lo-spirito-giusto
Allenamwnto di rifinitura in uno stadio che domani accoglierà 9’500 tifosi bianconeri
CALCIO
14.05.22 - 14:54
Aggiornamento: 16:25

‘Arriviamo a Berna nel momento giusto e con lo spirito giusto’

Mattia Croci-Torti sereno a 24 ore dalla finale di Coppa Svizzera. Contro il San Gallo non ci sarà Maric, mentre Saipi per ora riamane a disposizione

Il Lugano è pronto. Mentalmente e fisicamente pronto per affrontare, tra poco meno di 24 ore, l’impegno più importante della stagione. Lo ha confermato Mattia Croci-Torti nella conferenza stampa prepartita organizzata al Wankdorf dall’Associazione svizzera di calcio. Prima di passare alle parole del tecnico bianconero e di capitan Jonathan Sabbatini, due segnalazioni sulla situazione di Mijat Maric e Amir Saipi. Partiamo dal portiere: il Lugano non ha per ora ricevuto la decisione dell’istanza di ricorso in merito alla squalifica di due giornate per il fallo di reazione commesso contro lo Young Boys. In considerazione del fatto che in passato le istanze preposte mai si sono pronunciate durante il weekend, è fortemente probabile che domani pomeriggio Saipi possa difendere i pali della porta bianconera.

Per quanto riguarda Maric, il difensore negli ultimi giorni si è sottoposto a un lavoro individuale nel tentativo di recuperare dall’infortunio al tallone. Venerdì sera ha raggiunto la squadra a Berna per sottoporsi all’ultima visita, ma lo staff medico non ha potuto far altro che constatare il mancato recupero del giocatore. Maric, dunque, non sarà a disposizione di Croci-Torti e dovrà accomodarsi in tribuna.

Un forfait subito commentato da Sabbatini: «Per noi Mijat è un leader, sia dentro, sia fuori dal campo. Va però detto che la sua assenza non ci coglie di sorpresa. Eravamo consapevoli dell’improbabilità di un pieno recupero e nel contempo sappiamo che gli altri giocatori daranno il massimo per sopperire all’assenza. E sicuramente lui saprà fornirci la carica giusta anche senza essere personalmente in campo».

Le ore scorrono e il fischio d’inizio della finale si avvicina a grandi passi. La tensione monta, ma Croci-Torti ostenta sicurezza... «Ho vissuto questi ultimi giorni con grande tranquillità e serenità. Nutro molta fiducia nella mia squadra, nel percorso fatto in questi mesi. Domani a sostenerci avremo 9’500 tifosi in arrivo da tutto il Ticino e questo è un dato che mi riempie d’orgoglio e che infonde in tutti noi una pressione molto positiva. Un grande entusiasmo rappresenta la premessa per disputare una grande prestazione. A Berna contro un San Gallo sorretto da una marea di tifosi non sarà per nulla facile: avevamo bisogno di un segnale da parte dei nostri sostenitori e questo segnale è giunto puntuale».

Negli ultimi mesi la Coppa Svizzera è stata il chiodo fisso di tutti i tifosi e ha ovviamente occupato anche il pensiero del tecnico bianconero... «Preparo questo appuntamento dalla partita con il Sion, con una serie di rotazioni che ci ha permesso di arrivare oggi nelle migliori condizioni. Abbiamo pianificato ogni mossa e negli ultimi giorni ci siamo concentrati sulla ricerca di quel dettaglio in più capace di mettere in difficoltà l’avversario. Queste sfide si vincono sui dettagli».

Al di là di una possibile decisione dell’ultimissima ora su Saipi, Croci-Torti non ha dubbi sulla formazione... «L’ho già decisa. Sarà quella che reputo la migliore da schierare contro il San Gallo. Siamo pronti e preparati, in questi giorni ci siamo concentrati su noi stessi e su cosa dovremo fare in campo. Sarà ovviamente una sfida molto equilibrata, entrambe le squadre hanno le stesse chance di vittoria, tuttavia nei ragazzi ho visto spirito giusto e tanta fame. Quando c’è la fame, un allenatore può essere sereno. E io sono sereno: siamo pronti per scatenare l’inferno in campo».

Nella speranza che la squadra non si sgonfi proprio sul più bello, schiacciata dall‘enorme attesa costruita attorno alla possibile vittoria in Coppa Svizzera... «Non penso sia un’ipotesi reale. Abbiamo chiaro in mente qual è il nostro obiettivo e come fare per raggiungerlo. Quando in una competizione come questa ti accorgi che sono uscite squadre del calibro di Young Boys, Basilea e Zurigo, non puoi più nasconderti. Non ci siamo lasciati irretire da Thun e Lucerna e arriviamo all’appuntamento nelle migliori condizioni psicofisiche. Domani si deciderà tutto in 90’-120’, ci saranno in ballo mille emozioni con le quali di norma in campionato non si è confrontati. Era importante esserci e potersela giocare guardando l’avversario negli occhi, senza paura. Arriviamo a Berna nel momento giusto e con lo spirito giusto».

Per Jonathan Sabbatini si tratterà della seconda finale dopo quella persa nel 2016. Di quella squadra rimangono soltanto l’uruguaiano e Mattia Bottani... «Percepiamo lo spirito della rivincita, per quanto l’avversario non sarà lo stesso. Sette anni fa avevamo entrambi vissuto momenti speciali: Mattia per il rigore sbagliato del quale tanto si era discusso, io per il colpo subito una settimana prima a Vaduz e che aveva penalizzato la mia prestazione. Domani sarà comunque un’altra storia, sono passati tanti anni, noi siamo diversi come giocatori e pure la rosa è cambiata. Quel che posso dire è che sarà una bellissima finale».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
berna coppa svizzera fc lugano jonathan sabbatini mattia croci-torti
Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Calcio
3 min
Tra David Sesa e il Bellinzona è già divorzio
L’amichevole col Lugano U21 è stata l’ultima da allenatore dei granata: due mesi dopo il suo arrivo, il 48enne tecnico lascia la panchina dell’Acb
Hockey
15 min
Canada troppo forte: fine della corsa per la U20
Non basta una doppietta di Attilio Biasca: la Svizzera di Marco Bayer si ferma ai quarti di finale, inchinandosi ai nordamericani
STRONGMAN
2 ore
Fabio Guglielmini, davvero un tipo forte!
Vita, record e progetti di un ragazzo dai molti interessi e talenti, diviso fra Svizzera e Brasile
atletica
9 ore
Ricky Petrucciani ‘vola’ all’argento
Splendido secondo posto sui 400 m dell’onsernonese agli Europei di Monaco di Baviera, con l’ottimo tempo di 45”03
nuoto
12 ore
Antonio Djakovic si regala l’argento nei 400 stile libero
Seconda medaglia individuale per lo zurighese, mentre Mityukov e Desplanches devono accontentarsi del quarto posto nei 100 dorso e nei 200 misti
Altri sport
12 ore
La Baviera è degli Stefan: festa svizzera a cronometro
Bissegger precede Küng in una gara memorabile
ciclismo
15 ore
Nairo Quintana squalificato a posteriori dal Tour
Il colombiano si vede togliere il sesto posto conquistato a luglio sulle strade francesi a causa di un irregolarità nell’utilizzo del tramadolo
ciclismo
16 ore
Marlen Reusser ripete il titolo continentale a cronometro
L’elvetica bissa a Monaco il successo dell’anno scorso di Trento, precedendo l’olandese Van Dijk
Hockey
16 ore
Goran Bezina si ritira a 42 anni
Il difensore vallesano dice basta dopo oltre mille partite giocate
Calcio
19 ore
Elon Musk vuole acquistare lo United, ma è solo uno scherzo
In un tweet il miliardario si era detto interessato, ma poco dopo ha smentito
© Regiopress, All rights reserved