laRegione
Cameroon
1
Serbia
2
1. tempo
(1-2)
01.05.22 - 21:12
Aggiornamento: 21:39

A Cornaredo si vede il bicchiere mezzo pieno

Il punto conquistato in rimonta con il Grasshopper ha messo fine alla striscia di tre sconfitte consecutive in campionato del Lugano.

di Daniele Neri
a-cornaredo-si-vede-il-bicchiere-mezzo-pieno

È stato un Lugano "double face" quello ammirato sabato nel tardo pomeriggio a Cornaredo e che alla fine dei 90 minuti ha dovuto accontentarsi di un pareggio in rimonta contro un Grasshopper volenteroso ma non certo trascendentale, riuscendo perlomeno a interrompere la striscia di tre sconfitte consecutive in campionato, anche se la vittoria manca ormai a Sabbatini e compagni da cinque incontri.

Dopo primo tempo decisamente incolore e che ha regalato poco più che qualche sbadiglio agli spettatori presenti in tribuna – una rete delle Cavallette si è anche vista, quella segnata di testa dal ticinese Arigoni (che in chiave mercato piace molto proprio al Lugano), ma è stata annullata dall’arbitro Esther Staubli per un fallo dello stesso giocatore su Ziegler –, i bianconeri sono decisamente cresciuti nella ripresa, tanto che avrebbero pure meritato di portare a casa la posta piena.

«Potevamo fare sicuramente molto meglio – afferma convinto proprio capitan Sabbatini, autore del gol pareggio, trovato al 75’ su assist del compagno e amico Mattia Bottani (entrato in campo una decina di minuti prima) –. Dopo un inizio un po’ difficile, poi le cose sono decisamente migliorate, anche grazie ai cambi giusti effettuati dal mister. Ci siamo procurati delle belle opportunità, peccato che non siamo riusciti a sfruttarle».

In particolare il 34enne si riferisce al palo colpito da Amoura (complice anche un intervento non perfetto del portiere ospite Moreira) e alla clamorosa opportunità non sfruttata da Reto Ziegler, ritrovatosi tutto solo davanti alla porta avversaria dopo un calcio d’angolo ma non abbastanza freddo per trafiggere Moreira. Senza poi dimenticare altri due episodi molto significativi: la rete annullata a Celar per presunto fuorigioco che dalle immagini televisive sembrava non esserci) e anche un mani di Abrashi non sanzionato dal giudice di gara e nemmeno dal Var... «L’unica cosa strana – ha rivelato Sabbatini a proposito di quest’ultimo episodio – è che dopo pochi secondi dall’accaduto l’arbitro mi ha detto che il Var non sarebbe intervenuto, una decisione presa molto rapidamente. Ma alla fine siamo contenti per questo punto, dopo tre sconfitte consecutive in campionato era importante muovere nuovamente la classifica. Senza dimenticare che il nostro avversario veniva da ottimi risultati. Chiaro, l’uscita di Maric ci ha un destabilizzato, ma sono cose che durante una partita di calcio possono capitare. Lui per noi è molto importante, ma dobbiamo subito voltare pagina».

La partita dell’esperto difensore centrale è difatti finita poco prima della mezz’ora di gioco a causa del riacutizzarsi di un fastidio al tallone. Il pensiero corre inevitabilmente alla finale di Coppa Svizzera con il San Gallo, alla quale mancano due settimane. Riuscirà il 38enne difensore a recuperare in tempo? La sua sarebbe senza dubbio un’assenza pesante, come dimostrato anche dalla rete subita con il Gc, nata da un’incertezza difensiva dopo la sua uscita dal campo. Nonostante tutto mister Croci-Torti dopo il fischio di chiusura del match è apparso positivo... «Venivamo da tre sconfitte e soprattutto da primi tempi nei quali avevamo subito molte reti. Oggi non volevo andare sotto prima della pausa e ci siamo riusciti, cercando poi con i nostri cambi di cambiare la partita. Sapevo che Bottani, che nelle gambe non aveva più di 25 minuti, e Amoura erano in crescita. Quest’ultimo ha spaccato la partita. Un altro punto positivo da considerare, è che siamo riusciti a rimontare un risultato sfavorevole. E alla fine se l’avessimo portata a casa non avremmo rubato niente».

A proposito della finale di Coppa in programma a Berna il 15 maggio, la prevendita è iniziata (è possibile acquistare biglietti unicamente presso il segretariato del club a Cornaredo) e sono stati già stati venduti oltre 6000 biglietti. Come dire che il popolo bianconero ci sarà, ora si tratta solo di arrivarci nel migliore dei modi anche per la squadra.

Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Calcio
1 ora
Heiko Vogel direttore sportivo del Basilea
Ritorno sulle rive del Reno per il 47enne ex allenatore
Qatar 2022
13 ore
Un missile di Fullkrug tiene in corsa i tedeschi
Finisce in parità la sfida più attesa tra una Spagna che dovrà stare attenta al Giappone e una Germania che si gioca tutto con il Costarica
Sci
15 ore
Wendy, il gran giorno è arrivato. Ma lo deve condividere
Sulle nevi del Vermont la svittese centra infine un trionfo nello slalom che inseguiva da una vita. A far festa con lei, però, c’è anche Larson
Qatar 2022
15 ore
Senza Neymar l’esame di maturità di Yakin
Il tecnico rossocrociato, che 15 mesi fa allenava ancora in Challenge League, contro il Brasile non disporrà di Okafor
Qatar 2022
16 ore
Davies illude il Canada, Kramaric lo elimina
La Croazia rimonta grazie soprattutto a una doppietta della punta dell’Hoffenheim
IL DOPOPARTITA
17 ore
Un weekend in bianco: ‘Restiamo positivi, meritavamo di più’
L’Ambrì rende nuovamente la vita dura allo Zurigo, che però trova il modo di spuntarla. ‘La fortuna? Non è stata dalla nostra, ma bisogna anche cercarla’
QATAR 2022
18 ore
Belgio sconfitto, a Bruxelles scoppiano disordini
La polizia è intervenuta con cannoni ad acqua per disperdere i tifosi facinorosi. Le autorità hanno chiesto alla popolazione di non recarsi in centro
QATAR 2022
19 ore
‘Battere il Brasile? Non mi stupirebbe’
Nestor Subiat fiducioso sulle qualità della Nazionale svizzera. ‘E per l’Argentina il Mondiale inizia adesso’. Il ricordo del 1994 e di Andres Escobar
Qatar 2022
19 ore
Marocco troppo forte per il Belgio
Dopo il pareggio coi croati vicecampioni del mondo, i magrebini colgono la posta piena coi Diavoli rossi
Qatar 2022
21 ore
Bandiera del Kosovo nello spogliatoio serbo: ‘Fifa ipocrita’
Criticata dal governo della Serbia la decisione di avviare un procedimento disciplinare contro la locale Federcalcio per il vessillo esposto ai Mondiali
© Regiopress, All rights reserved