laRegione
13.04.22 - 20:32
Aggiornamento: 22:16

Due (o tre) passi indietro per farne uno avanti

È l’auspicio dell’Fc Lugano femminile (e della Sa bianconera) che dopo la rinuncia alla Women’s Super League ripartirà dalla Prima o Seconda Lega.

di Claudio Paronitti
due-o-tre-passi-indietro-per-farne-uno-avanti

La data cerchiata sul calendario del Football Club Lugano Femminile è il prossimo 24 aprile. Quella domenica, sul terreno dell’Espenmoos di San Gallo, si chiuderà infatti l’avventura nell’élite del pallone femminile rossocrociato della squadra bianconera, tuttora al decimo e ultimo posto in AXA Women’s Super League con due soli punti conquistati in quindici partite, ma con la possibilità di scavalcare l’Yverdon nello scontro diretto di sabato pomeriggio.

Attraverso una conferenza stampa indetta nella pancia dello Stadio di Cornaredo nel primo pomeriggio di oggi, sono stati enunciati i motivi principali riguardanti la decisione di non disputare i playout malgrado le ragazze ticinesi si stessero preparando a ciò da diverso tempo, la conseguente accettazione della retrocessione automatica in Lega Nazionale B (dove però la compagine bianconera non si fermerà, anche per questioni del budget necessario, suppergiù lo stesso della massima serie) e gli scenari che si prospettano per un futuro che, al momento, è tutto fuorché roseo.

A spiegare la decisione è stato il presidente dell’Associazione Fc Lugano Femminile, Gianfranco Rusca, il quale ha affermato che «il primo tema da affrontare è perché non disputare i playout. Economicamente ci sono problemi seri e vi è un’incertezza sul presente e sul futuro. Per la parte sportiva, è d’obbligo per la Super League avere una formazione U19, cosa a oggi impossibile (a causa del bacino troppo limitato, ndr). In aggiunta vi è anche una questione etica. Non ci sembrava infatti logico prendere parte al torneo contro la retrocessione, sapendo già che, anche in caso di salvezza sul campo, non avremmo potuto conservare il posto nella massima serie».

Il discorso si sposta poi sulla questione economica, che non lascia molte speranze di vedere una squadra nemmeno in Lega Nazionale B... «Il budget per una squadra d’élite come la nostra supera il mezzo milione di franchi. A oggi, abbiamo un finanziatore privato che ci sostiene, così come alcuni sponsor che ringraziamo sin d’ora. Quello che è accaduto negli ultimi mesi, con la questione relativa all’oramai noto addio forzato delle giocatrici statunitensi (in Ticino in qualità di studenti e dunque sprovviste del permesso di lavoro necessario per giocare in una lega professionistica, ndr), ci ha messo ancora più in difficoltà. Occorre sottolineare, inoltre, che le prime due categorie femminili sono alla stessa stregua». Tradotto: il prossimo campionato, la squadra ripartirà dalla Prima Lega, se non addirittura dalla Seconda, dove già milita una formazione bianconera.

Un progetto comune che dia priorità alla formazione

Il vocabolo più utilizzato dagli altri due relatori di giornata, ossia Martin Blaser e Michele Campana, rispettivamente Ceo e Coo dell’Fc Lugano SA, è «inclusione». Stando all’amministratore delegato, «tutte le società di calcio devono dare una minima possibilità a ogni ragazza che si avvicina al mondo del pallone. Come sappiamo, la realtà ticinese è limitata e le possibilità di finanziamento non sono presenti in questo momento e non lo saranno nei prossimi cinque anni. La ripartenza sarà dalla terza divisione, uscendo dal calcio professionistico».

Il "capo" delle operazioni del sodalizio ha chiarito numerosi aspetti sul calcio femminile luganese, asserendo che «chiudendo un’associazione e creando ex-novo una nuova compagine, non è conseguente ripartire dalla medesima categoria. Bisogna valutare da dove conviene ripartire, perché tra la massima serie e la categoria cadetta non c’è molta differenza. Occorre tuttavia preservare la formazione, a partire dal settore giovanile. Le condizioni quadro per migliorare ci sono, come l’interesse verso il calcio femminile».

Come dire che se nell’immediato l’Fc Lugano non intende investire per mantenere un’onerosa compagine femminile nell’élite elvetica, il club bianconero intende comunque sostenere il movimento, con l’augurio che Federazione ticinese, Team Ticino femminile e le tre società attive nel nostro cantone (lo stesso Lugano, Gambarogno e Balerna) possano collaborare per creare un progetto condiviso e spingere anche a livello cantonale un calcio femminile in grande ascesa sul piano internazionale.

Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
il dopopartita
12 ore
È un Lugano poco cinico: ‘Abbiamo fatto tutto da soli’
A Bienne i bianconeri partono bene ma poi calano. Gianinazzi: ‘È mancata concretezza, ma a volte bisogna accettare che le partite girino in questo modo’.
il dopopartita
12 ore
I due volti dell’Ambrì: ‘Vinto con le nostre forze e col gruppo’
Successo biancoblù con il Rappi nonostante le assenze e il brutto inizio. Mentre si avvicina la Spengler: ‘Atmosfera che non vediamo l’ora di rivivere’.
Qatar 2022
14 ore
Tre gol al Senegal, l’Inghilterra brinda ai quarti
Dopo mezz’ora di difficoltà, la selezoine dei Tre Leoni sblocca la partita e poi tira dritta per la propria strada, mentre gli africani sparicono di scena
Sci
16 ore
La domenica incorona Corine Suter. Per due centesimi
Terza gara nel weekend canadese, terzo podio per la ventottenne svittese. Poca fortuna invece per Lara, fuori dai giochi proprio mentre stava spingendo
Sci
17 ore
Il duello Kilde-Odermatt va di nuovo al norvegese
Nel SuperG di Beaver Creek i due sono separati da 20 centesimi. Terzo a 30 centesimi Pinturault, buon quarto Gino Caviezel.
Basket
17 ore
La Sam e un weekend che è un bell’affare
Spinelli sempre più leader, con quattro punti di margine grazie alla sconfitta del Vevey a opera del Boncourt. Il Lugano, invece, s’arrende a Ginevra
QATAR 2020
17 ore
Mbappé incontenibile, la Francia annienta la Polonia
Doppietta per il fenomeno del Psg, ma la selezione di Deschamps concede troppe occasioni a una Polonia finalmente propositiva
Volley
18 ore
Düdingen troppo forte, luganesi costrette alla resa
Dopo sette vittorie filate le bianconere cadono in casa propria, con le friborghesi che chiudono il match vincendo tutti e tre i set
Ciclismo
18 ore
Ciclocross, ad Anversa domina Van der Poel
All’esordio in Coppa del mondo l’attesissimo belga Wout van Aert si deve arrendere allo strapotere dell’olandese
Formula 1
20 ore
Il Circus piange la morte di Patrick Tambay
Ex pilota parigino di Ferrari, McLaren e Renault soffriva da tempo del morbo di Parkinson. Nel 1982 vinse il suo primo Gp, dedicandolo a Gilles Villeneuve
© Regiopress, All rights reserved