laRegione
CALCIO
09.02.22 - 19:14

È ufficiale, Xherdan Shaqiri approda ai Chicago Fire

Il nazionale rossocrociato lascia il Lione dopo appena sei mesi e sottoscrive un contratto di tre anni con il club dell’Illinois

e-ufficiale-xherdan-shaqiri-approda-ai-chicago-fire

È ufficiale: Xherdn Shaqiri (30 anni) lascia il Lione e proseguirà la carriera con i Chicago Fire della Major League Soccer. Il basilese ha sottoscritto un contratto valido per i prossimi tre anni con la “casa madre” dell’Fc Lugano. Dopo quelle di Bayern Monaco, Inter, Stoke City, Liverpool e Lione, la maglia dei Fire sarà la sesta indossata da XS dal 2012, anno in cui aveva lasciato il Basilea e la Super League.

Per riscattare il nazionale rossocrociato dal club francese e da un contratto valido fino al 2024, Chicago ha sborsato otto milioni di dollari (era giunto in Francia dal Liverpool per sei milioni di euro). Shaqiri raggiunge la Mls a pochi giorni dall’inizio della stagione: la sua nuova squadra si trova attualmente in Florida per preparare l’esordio in campionato, previsto il 26 febbraio contro l’Inter Miami.

In quella che si è rivelata la sua ultima partita con il Lione, settimana scorsa, il centrocampista elvetico aveva disputato una delle sue migliori prestazioni, firmando il primo gol e fornendo l’assist per il decisivo 2-1 nella vittoria contro il Marsiglia. Ma si era trattato del canto del cigno in una stagione nella quale nulla ha funzionato come il basilese si sarebbe aspettato. In 16 partite Shaqiri ha segnato due reti e fornito tre assist, un contributo sicuramente inferiore alle aspettative, sue e del club.

Lo sbarco negli Stati Uniti è strettamente legato alla fase finale della Coppa del mondo in programma tra novembre e dicembre in Qatar e per la quale la Svizzera si è brillantemente qualificata. Shaqiri ha bisogno di aumentare il minutaggio di gioco, soprattutto dopo le ultime due stagioni ad Anfield, durante le quali, tra infortuni vari, non aveva mai visto il campo se non in rarissime occasioni. Gli Usa dovrebbero garantirgli la possibilità di giocare in maniera costante. A Chicago, inoltre, avrà l’occasione di ritrovare una vecchia conoscenza, Georg Heitz, ex direttore sportivo a Basilea negli anni in cui XS vestiva in rossoblù e attualmente diesse dei Fire.

Nell’Illinois, Shaqiri guadagnerà sette milioni di dollari (6,47 milioni di franchi), una somma che ne fa il giocatore più pagato della Mls. Almeno fino all’estate, perché poi nel campionato statunitense approderà Lorenzo Insigne, in partenza da Napoli alla volta di Toronto, il quale intascherà qualcosa come 15 milioni di dollari all’anno.

Shaqiri non è il primo calciatore svizzero a emigrare negli States. Prima di lui, Blerim Dzemaili aveva lasciato Bologna alla volta di Montréal, per poi rientrare in Italia dopo 22 partite.

Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Qatar 2022
10 ore
Un missile di Fullkrug tiene in corsa i tedeschi
Finisce in parità la sfida più attesa tra una Spagna che dovrà stare attenta al Giappone e una Germania che si gioca tutto con il Costarica
Sci
12 ore
Wendy, il gran giorno è arrivato. Ma lo deve condividere
Sulle nevi del Vermont la svittese centra infine un trionfo nello slalom che inseguiva da una vita. A far festa con lei, però, c’è anche Larson
Qatar 2022
12 ore
Senza Neymar l’esame di maturità di Yakin
Il tecnico rossocrociato, che 15 mesi fa allenava ancora in Challenge League, contro il Brasile non disporrà di Okafor
Qatar 2022
13 ore
Davies illude il Canada, Kramaric lo elimina
La Croazia rimonta grazie soprattutto a una doppietta della punta dell’Hoffenheim
IL DOPOPARTITA
14 ore
Un weekend in bianco: ‘Restiamo positivi, meritavamo di più’
L’Ambrì rende nuovamente la vita dura allo Zurigo, che però trova il modo di spuntarla. ‘La fortuna? Non è stata dalla nostra, ma bisogna anche cercarla’
QATAR 2022
14 ore
Belgio sconfitto, a Bruxelles scoppiano disordini
La polizia è intervenuta con cannoni ad acqua per disperdere i tifosi facinorosi. Le autorità hanno chiesto alla popolazione di non recarsi in centro
QATAR 2022
15 ore
‘Battere il Brasile? Non mi stupirebbe’
Nestor Subiat fiducioso sulle qualità della Nazionale svizzera. ‘E per l’Argentina il Mondiale inizia adesso’. Il ricordo del 1994 e di Andres Escobar
Qatar 2022
16 ore
Marocco troppo forte per il Belgio
Dopo il pareggio coi croati vicecampioni del mondo, i magrebini colgono la posta piena coi Diavoli rossi
Qatar 2022
17 ore
Bandiera del Kosovo nello spogliatoio serbo: ‘Fifa ipocrita’
Criticata dal governo della Serbia la decisione di avviare un procedimento disciplinare contro la locale Federcalcio per il vessillo esposto ai Mondiali
Tennis
19 ore
Coppa Davis, nelle qualificazioni Svizzera-Germania
Trasferta impegnativa per i rossocrociati, che sfideranno Zverev e compagni all’inizio di febbraio
© Regiopress, All rights reserved