laRegione
davanti-a-me-c-e-un-periodo-sicuramente-eccitante
Un punto di riferimento per i Gunners (e per la Nazionale) (Keystone)
30.12.21 - 15:15
Aggiornamento: 15:34
di Sven Koch/Ats

‘Davanti a me c’è un periodo sicuramente eccitante’

Voltata pagina dopo il brutto infortunio al ginocchio, Granit Xhaka torna a scalpitare. E sogna il traguardo delle cento presenze in Nazionale

Granit Xhaka è pronto a voltare pagina. Il brutto infortunio al legamento del ginocchio destro rimediato quella domenica di fine settembre (il 27, nel derby londinese contro il Tottenham vinto 3-1 dai Gunners) è ormai un solo un (brutto) ricordo. Tre mesi dopo, il centrocampista nonché capitano della Nazionale sembra essere rinato a nuova vita, con una forma ritrovata proprio nei giorni in cui l’Arsenal riprende a sua volta la piena attività. «Sono davvero stato sfortunato in quella partita contro il Tottenham; è stato il mio primo infortunio serio in sei anni di Premier League – osserva lo tesso Xhaka –. Ma fortunatamente so trovare il lato positivo anche nei momenti difficili». E il momento difficile è appunto arrivato quando i medici hanno formulato la loro prognosi: tre mesi di stop e indisponibilità dunque fino a Natale. Ma Xhaka – che proprio in quei giorni era reduce dall’infezione da coronavirus – non si è lasciato scoraggiare da quelle parole, riuscendo anzi a rimettersi prima del previsto, per far ritorno sui campi da gioco già il 6 dicembre in occasione della trasferta a Everton. Quella volta terminò con una sconfitta, certo, ma le quattro successive partite i Gunners le hanno poi vinte. «Fin dal mio primo giorno di rieducazione la sensazione che avevo era quella che mi sarei ristabilito prima del previsto. E così è infatti stato: a inizio dicembre ho informato lo staff che mi sentivo pronto per rientrare. Non volevo più attendere, ma tornare a giocare per dare una mano alla squadra. I miei pensieri erano concentrati unicamente sul gioco, non più focalizzati sul ginocchio».

Quattro vittorie nelle ultime quattro partite, per un bilancio di quattordici reti segnate e una sola incassata sono il biglietto da visita ideale per il big-match che si profila all’orizzonte per sabato, contro il leader Manchester City. «Questa striscia positiva non è semplicemente frutto del caso. Ci stiamo allenando duramente, e la squadra è parecchio maturata, ritrovando la capacità di risolvere in suo favore le partite combattute».

Sollecitato a proposito della pandemia, che in Premier League è un tema con cui è quotidianamente confrontato, Xhaka mette l’accendo sulla salute, «che deve sempre venire prima di qualsiasi altra cosa. Noi sportivi non possiamo alleviare la sofferenza delle persone. Ma forse, almeno per un momento, possiamo regalare loro un sorriso».

‘Non devo piacere a tutti i costi’

Per quanto ‘duro’ e intransigente possa apparire in campo, fuori dal campo Xhaka rivela il suo carattere di persona riflessiva. Sa che la sua personalità si polarizza, che a volte viene fraintesa. «Di persone a cui non vai a genio ne troverai sempre, e questo vale per l’Inghilterra, come pure per la Germania o la Svizzera. È inutile cercare di piacere a tutti i costi; ciò che conta è che l’allenatore, la squadra e le persone intorno a me siano felici».

L’ultima sua apparizione con la maglia della Nazionale risale a sei mesi fa, a quel famoso (e pure storico) ottavo di finale dell’Europeo vinto a spese della Francia: la bella qualificazione alla fase finale della Coppa del mondo in Qatar l’ha infatti dovuta seguire a distanza: «La qualificazione diretta francamente non mi ha sorpreso più di tanto. Yakin può contare su una rosa veramente ampia da cui attingere i suoi giocatori, e i giovani hanno ‘fame’. È una selezione dallo spirito straordinario, e sono certo che nel prossimo futuro faremo ancora altri passi avanti: chi cerca di coprirsi di gloria dovrà fare i conti anche con noi». Fermo a quota 98 selezioni, Granit non vede l’ora di entrare a far parte della ristretta cerchia del ‘club dei 100’: «Avrei voluto arrivarci già a Basilea, nella sfida con l’Italia, ma le cose sono andate diversamente... Ma non rimpiango il passato: preferisco guardare avanti, visto che mi attende un periodo sicuramente eccitante».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
arsenal calcio granit xhaka premier league
Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
CICLISMO
1 ora
Presentato il GP Ticino Banca Stato
L’unica gara ticinese aperta a tutte le categorie si disputerà domenica 17 luglio
Calcio
9 ore
Pandemia, 10 milioni in indennizzi di troppo
Secondo la radio Srf alcuni club hanno ricevuto soldi da due programmi diversi. L’Ufspo: non risulta però che le società abbiano dato informazioni errate
ATLETICA
18 ore
Niente Mondiali per la stella dell’asta Sam Kendricks
Il californiano, che era già stato costretto a rinunciare ai Giochi a causa del Covid, sempre alle prese con problemi al ginocchio a una settimana dal via
Calcio
18 ore
S’alza il sipario sull’Euro con un successo inglese
Un gol di Mead decide la sfida inaugurale contro l’Austria. Le ragazze rossocrociate debutteranno sabato pomeriggio sfidando la selezione portoghese
Tennis
21 ore
Una folle maratona di oltre quattr’ore: Nadal in semifinale
Encomiabile lo spagnolo in campo nonostante dolori agli addominali, ma Taylor Fritz spreca la chance. Ora il maiorchino se la vedrà con il focoso Kyrgios
BOCCE
1 gior
Il campionato ticinese sorride ancora a Laura Riso
Quarto oro cantonale per l’esponente della Gerla, che in finale al bocciodromo di Lugano ha prevalso sulla locarnese Rosaria Cadei
AUTOMOBILISMO
1 gior
Dopo Misano Alex e Ivan restano in lotta per il titolo
I due piloti ticinesi in lizza nelle Gt4 European series sono al giro di boa della loro stagione, sempre con in linea di mira il successo in classe Pro-Am
Calcio
1 gior
Liga, il quarantenne Joaquin prolunga fino al 2023
Ennesima stagione da professionista per il capitano del Betis
Hockey
1 gior
Draft Nhl, Lian Bichsel sarà chiamato al primo turno?
Da qualche anno nessuno svizzero viene più scelto fra i migliori
Calcio
1 gior
Beloko dallo Xamax al Lucerna
Per il centrocampista contratto fino al 2025
© Regiopress, All rights reserved