laRegione
perde-5-0-e-com-e-il-crus-frustrato-ma-anche-orgoglioso
19.12.21 - 17:43
Aggiornamento : 18:05

Perde 5-0 e com’è il Crus? ‘Frustrato, ma anche orgoglioso’

Nonostante la pesante sconfitta contro lo Young Boys, Mattia Croci-Torti ha solo belle parole per il suo Lugano: ‘Non ho visto un’attitudine sbagliata’

Nonostante la pesante sconfitta con lo Young Boys, Mattia Croci-Torti ha solo belle parole per il suo Lugano… «Sono frustrato e triste, non può essere altrimenti dopo aver preso cinque gol, ma sono comunque orgoglioso dei miei ragazzi – ha affermato il tecnico bianconero al termine della partita –. Quando perdi 5-0, solitamente vuol dire che c’è stata l’attitudine sbagliata, che qualche giocatore non è entrato in campo con la testa giusta o ha mollato, invece non è stato così. Anzi, noi abbiamo giocato a calcio mentre i nostri avversari si sono affidati alle palle lunghe, solo che loro si sono rivelati estremamente efficienti. Non direi nemmeno che ci hanno sovrastato, semplicemente come detto nel primo tempo hanno segnato tre gol con tre occasioni. Poi nella ripresa effettivamente sì, dopo il 4-0 su rigore ci sono stati superiori, ma a quel punto la partita era già chiusa».

A proposito del tiro dagli undici metri assegnato agli ospiti, l’allenatore ticinese puntualizza come «il Var nelle ultime due partite contro di loro non è stato dalla nostra (già in occasione della sconfitta a Berna di inizio dicembre era stato fischiato un rigore simile a Sabbatini, ndr), ma onestamente non credo che sarebbe cambiato molto, eravamo già sotto 3-0 e, anzi, speravo che la mia squadra non prendesse un’imbarcata e così è stato. Per cui direi che non è la giornata per attaccarci a possibili errori arbitrali».

Meglio guardare avanti, ossia a un girone di ritorno che per il Lugano si aprirà sempre con l’Yb (ma a Berna) e che vedrà i bianconeri scattare dalla quarta posizione… «L’obiettivo sarà arrivare il prima possibile a quota 40 punti e fare bene in Coppa Svizzera. Poi si vedrà, posto che vogliamo sempre fare il meglio possibile. Lo Zurigo fin qui ha fatto qualcosa di fantastico, vedremo ora che sono favoriti. Poi il Basilea e lo Young Boys (in particolare i bernesi senza la Coppa) hanno qualcosa in più, non ho mai affermato che possediamo una rosa come la loro, ma non ci sarà mai una partita nella quale non ce la giocheremo».

Maric: ‘Dobbiamo continuare a lasciare tutto in campo’

A tal proposito Mjiat Maric, uno dei veterani della squadra, ha fatto notare come «negli ultimi anni abbiamo fatto davvero ottime cose e creato una bella base, tanto che ora le aspettative sono alte. E ci sta, ma non bisogna nemmeno dimenticare chi siamo e qual è la nostra realtà. Anche ora che abbiamo iniziato a costruire qualcosa di importante, dobbiamo essere consci che siamo solo all’inizio e che ci vorrà del tempo, seppur la strada è quella giusta. Lo dimostra il fatto che in una stagione psicologicamente complicata per tutti, con anche il cambio di proprietà, siamo dove siamo. È davvero una grande soddisfazione, ma ciò non toglie che come squadra sappiamo che dobbiamo sempre dare il massimo e anche nel girone di ritorno lasceremo tutto in campo come fatto finora».

Quanto alla partita con l’Yb, il difensore 37enne ha spiegato che «abbiamo provato un senso di impotenza, perché in campo avevamo la sensazione di controllare il match, ma poi ci siamo ritrovati sotto 3-0 senza nemmeno sapere bene come. In altre partite avevamo sofferto molto di più ma poi avevamo portato a casa un punto o anche una vittoria, oggi invece non abbiamo sentito particolarmente la pressione o la superiorità avversaria, ma è andata male. Bravi loro».

Leggi anche:

Uno Young Boys in versione Grinch rovina la festa al Lugano

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
fc lugano mattia croci-torti mijat maric super league

CALCIO: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
HOCKEY
6 ore
Dario Simion e il formato Nhl. ‘Ma adesso la mia testa è qui’
Il ticinese si gode il momento in un finale di stagione travolgente, oltre alla stima di Patrick Fischer. ‘A Zugo Dan Tangnes non mi dava pace’.
Tennis
6 ore
La maledizione di Thiem: ancora fuori al primo turno
Di ritorno dopo 9 mesi di stop, l’austriaco ex numero 3 al mondo non riesce più a vincere: a Ginevra è stato battuto in due set dall’italiano Cecchinato
Calcio
7 ore
Fc Lugano, ora spetta al club la giocata vincente
Dopo il capolavoro di staff e giocatori capaci di conquistare la Coppa, tocca ai nuovi dirigenti trovare il mondo giusto per cavalcare l’entusiasmo.
Hockey
9 ore
L’ultima volta di René Matte. ‘Dopo questa lascio’
Vice di Bozon sulla panchina della Francia ai Mondiali e assistente di Cereda in campionato su quella dell‘Ambrì. ‘Luca è il mio capo, ma anche un amico’
Hockey
9 ore
La spedita marcia canadese: ai Mondiali è tre su tre
Dopo tedeschi e italiani la selezione di Julien sconfigge anche la Slovacchia, mentre la Germania conquista tre punti pesanti contro una buona Francia
Hockey
11 ore
Nazionale, Fischer conta anche su Miranda e Riat
Dopo i forfait (obbligati) di Fiala e Niederreiter, il selezionatore completa il contingente rossocrociato al Mondiale alla vigilia della terza uscita
HOCKEY
11 ore
Conferenza di Cereda prima, partita sullo schermo gigante poi
Martedì alle 18.15 l’allenatore dell’Ambrì parlerà sul tema ‘La creazione di uno spirito vincente. Dove va l’hockey moderno?’. Poi Svizzera-Kazakistan
Hockey
11 ore
Il Mondiale di Davide Fadani: ‘La salvezza a ogni costo’
Il 21enne portiere del Lugano morde il freno alla vigilia della sfida con i danesi. ‘Ora mi sento bene e voglio giocare. Ma già essere qui è incredibile’
BASKET
13 ore
Il muro è vicino, o si vince o ci si schianta
La Spinelli Massagno (sotto 2-1) impegnata a Neuchâtel in gara 4 delle semifinali. Coach Gubitosa: ‘Assieme è più facile imporsi’
hockey
1 gior
La Svizzera s’impone in scioltezza
Anche la seconda uscita mondiale sorride a Thürkauf e soci. Danimarca sconfitta 6 a 0. Un gol e tre assist di Malgin
© Regiopress, All rights reserved