laRegione
Sciaffusa
0
Thun
0
fine
KOZLOV S. (USA)
1
STRICKER D. (SUI)
2
fine
(6-4 : 4-6 : 3-6)
Sciaffusa
0
Thun
0
fine
KOZLOV S. (USA)
1
STRICKER D. (SUI)
2
fine
(6-4 : 4-6 : 3-6)
croci-torti-con-pazienza-possiamo-venire-a-capo-del-sion
+3
Calcio
03.12.21 - 16:090
Aggiornamento : 16:50

Croci-Torti: ‘Con pazienza possiamo venire a capo del Sion’

Domenica contro i vallesani dell’ex mister bianconero Tramezzani mancheranno Celar e il portiere Saipi. Il tecnico del Lugano: ‘Baumann è pronto’

Due i cambi forzati per Mattia Croci-Torti nell’undici titolare rispetto alla partita di mercoledì contro lo Young Boys. L’attaccante Celar lamenta problemi alla caviglia, il portiere Saipi soffre di un forte affaticamento muscolare. «Contro il Grasshopper Amoura era partito titolare contro il Gc, di lui abbiamo grande considerazione. Purtroppo a Berna non c’era Abubakar, influenzato. Lo sto tenendo su di giri perché sono convinto che possa essere la sua partita. Ho a disposizione attaccanti che reputo ottimi, quindi riusciremo sicuramente a fare a meno di Celar, facendo qualcosa di diverso».

Baumann è pronto a tornare tra i pali. «Di Noam mi sono sempre fidato – spiega il tecnico bianconero – e sono convinto che tante vittorie che abbiamo conquistato negli anni scorsi siano state anche merito suo. Penso soprattutto alla qualificazione in Europa League con Celestini. Baumann diede un grosso contributo nei sette risultati utili consecutivi. Anche Osigwe ha recuperato e sarà in panchina».

Allo Stade de Suisse ha parlato di mancanza di concentrazione sui due gol incassati nel finale. «Mi sono arrabbiato perché sia contro l’Yb sia a Basilea abbiamo disputato spezzoni di partita importanti, ma non siamo riusciti a restare concentrati nelle ripartenze che avrebbero potuto mettere ko i bernesi nei minuti in cui nei loro ranghi serpeggiava un po’ di nervosismo. Nei minuti finali ci vuole maggior concentrazione, bisogna valutare e dare il peso giusto a ogni pallone. Non l’abbiamo fatto nella maniera migliore. Sono errori dai quali trarre insegnamenti per il futuro».

La battuta d’arresto ha interrotto la striscia positiva (quattro vittorie filate). Teme contraccolpi? «Al fischio finale c’era tanta amarezza, come succede dopo le sconfitte. I giocatori sono esseri umani che vivono di emozioni. Tenevamo tantissimo a portare a casa un punto, fino all’82’ ci stavamo riuscendo. La delusione, in casi così, può anche sfociare in frustrazione, io l’ho avvertita. Però alla ripresa degli allenamenti si lavora. Questo è un gruppo che sa che può vincere tutte le partite ma che può anche andare a Berna a perdere. Sono ragazzi intelligenti che non fanno drammi».

Tramezzani era allo Stade de Suisse. «È un allenatore che fa giocare male la squadra avversaria. Ricordo che tutti dicevano che il Lugano della coppia Alioski-Sadiku difendeva basso. In realtà quando voleva la squadra andava a prendere alto gli avversari. Il Sion fa lo stesso, ha cambiato quattro volte il modulo di gioco perché Tramezzani è un tecnico estremamente intelligente che sa benissimo quando difendere basso e quando venire a prenderti anche a metà campo. Conosce il valore dei suoi giocatori, sulle fasce ha a disposizione delle schegge (Itaitinga e Wesley) che sfrutta per fare male sulle ripartenze».

Il Sion ha ottenuto fuori casa due delle tre ultime vittorie. Però non ha mai vinto due partite di fila. «Non baderò tanto agli avversari. A noi servirà tanta pazienza. Stanare i vallesani non sarà facile. Difendono bene, stretti. In tante cose mi ricordano il Lugano di questi ultimi anni. Non possiamo permetterci di andare all’arrembaggio perché in contropiede possono farci male».

CALCIO: Risultati e classifiche

Guarda tutte le 7 immagini
Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Hockey
1 ora
Lugano, Schlegel si deve fermare. Fino a marzo
Niente derby per il portiere bianconero: lesione agli adduttori della coscia. McSorley dovrà scegliere se puntare sul canadese Irving o su Fatton
Hockey
3 ore
Le ragazze svizzere ai Giochi senza la loro stella. Per ora
Valori limite per entrare in Cina: Alina Müller e Sinjia Leemann incrociano le dita e vanno in isolamento. Weibel: ‘Fiduciosi della strategia adottata’
Tennis
3 ore
Medvedev firma l’impresa a Melbourne: è semifinale
Sotto di due set contro Aguer-Aliassine, il russo ribalta la partita e stacca il biglietto per il penultimo atto degli Australian Open
Hockey
5 ore
Hedlund e il suo staff non si muovono da Rapperswil
Confermata in blocco la guida tecnica dei sangallesi. Che resterà (almeno) fino al termine della stagione 2023/24
Sci
7 ore
Michelle Gisin dice no a Garmisch-Partenkirchen
Terza defezione di lusso, nel clan rossocrociato, per le ultime gare di Coppa del mondo prima della partenza per Pechino
Calcio
8 ore
L’Fc Lugano ha di nuovo un presidente, sarà Philippe Regazzoni
Classe ‘69, Regazzoni è attinente di Balerna ma residente a Küssnacht e da 25 anni è attivo nell’ambito assicurativo.
Calcio
13 ore
Da Lima a Yaoundé, quante tragedie legate al calcio
Disordini tra tifosi, strutture fatiscenti, sicurezza e forze dell’ordine inadeguate, fatalità: il dramma in Camerun è solo l’ultimo di una lunga lista
Hockey
20 ore
Ambrì sconfitto a Zurigo con onore e ripreso dal Berna
I Lions fanno la differenza nell’ultimo periodo dopo l’1-1 al termine dei primi due tempi. In classifica i leventinesi cedono agli Orsi il decimo posto.
Hockey
21 ore
A Zugo un martedì pazzo, che al Lugano frutta un punto
Serata incredibile alla BossardArena, in cui succede di tutto, decisa da Hansson al supplementare. Con i bianconeri che, però, perdono Schlegel
Sci
21 ore
A Schladming 7 elvetici a punti, ma lontani da Linus Strasser
Il tedesco si impone nello slalom sulla Planai precedendo il norvegese McGrath e l’austriaco Feller. Tanguy Nef (decimo) miglior rossocrociato.
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile