laRegione
KOZLOV S. (USA)
1
STRICKER D. (SUI)
1
3 set
(6-4 : 4-6 : 3-2)
KOZLOV S. (USA)
1
STRICKER D. (SUI)
1
3 set
(6-4 : 4-6 : 3-2)
lugano-a-zurigo-senza-paura-e-senza-fare-calcoli
26.11.21 - 18:320
Aggiornamento : 18:55

Lugano a Zurigo senza paura e senza fare calcoli

Domani sera al Letzigrund i bianconeri cercano punti per consolidare il terzo posto contro un Gc che li aveva messi in difficoltà alla prima del ‘Crus’

Una settimana quella trascorsa dal Lugano dopo la bella vittoria sul Lucerna (3-1) piuttosto intensa e particolare, orfana fino a giovedì del suo allenatore Mattia Croci-Torti, impegnato a Macolin per il corso allenatori e sostituito sul campo dal vice Cao Ortelli e dal suo staff tecnico, ma assai “piena” per il carico voluto proprio dal mister... «Era importante mettere l’accento sulla condizione fisica, perché poi entriamo in un momento abbastanza caldo nel quale ci sarà poco tempo per farlo e soprattutto per ricaricare le batterie – ha spiegato il 39enne momò, la cui squadra è attesa da tre partite in otto giorni, a cominciare dalla sfida di domani sera in trasferta contro il Grasshopper –. La prossima settimana sarà veramente impegnativa con la trasferta a Berna per il recupero con l’Yb (mercoledì, ndr) e la partita in casa contro il Sion (domenica, ndr). E poi ci saranno le ultime due partite (a San Gallo e ancora in casa con lo Young Boys, ndr), che si sa sono quelle della stanchezza, per cui era giusto affrontare questa preparandoci fisicamente al rush finale».

Visto il calendario così fitto, ci potrebbe anche essere del turnover – da notare come nella città sulla Limmat il tecnico bianconero avrà a disposizione tutta la rosa a parte l’infortunato Beladj e del convalescente Osigwe, mentre Hajrizi ha potuto allenarsi solo venerdi ma verrà convocato –? «Per la sfida con il Gc assolutamente no, andremo a Zurigo cercando di fare la partita migliore possibile con gli uomini migliori che potremo schierare. Anche perché l’ultima prestazione al Letzigrund (sconfitta 1-0 con lo Zurigo a metà ottobre, ndr) non mi era piaciuta a livello tecnico, abbiamo parlato più volte di quella gara e stavolta mi aspetto una squadra che provi a giocare e non si limiti a subire».

A caccia di riscatto dopo una prima sfida sofferta ma ‘rivelatrice’

Le Cavallette stanno disputando un buon campionato (attualmente sono quinte con 18 punti) e nella prima partita di Croci-Torti da allenatore (prima ne aveva dirette due a interim, una in campionato e una in Coppa) aveva dato parecchio filo da torcere ai bianconeri strappando un 1-1 a Cornaredo... «Quella partita mi ha fatto capire che quando gli avversari si mettono a specchio contro di noi e non abbiamo in squadra Mattia Bottani, facciamo fatica. E da quando siedo sulla panchina del Lugano mi è mancato diverse volte, cosa che però mi ha anche costretto a “svegliarmi” e a trovare alternative tattiche. In ogni caso a Zurigo dopo la giornata di squalifica, torna a disposizione ed è una buona notizia, perché con lui che crea spazi e sa dove stare, possiamo giocare come vogliamo».

È possibile che vedremo il numero dieci e Amoura subito insieme in campo? «Amoura è un giocatore importante quando entra in partita in corso, però anche quando è partito titolare è riuscito a segnare. Nel calcio conta soprattutto quello, ma in tutti casi quello che mi piace di lui è l’attitudine e l’atteggiamento di un giocatore che ha voglia di lottare per la squadra. Una cosa per me fondamentale».

Dalla parte opposta dello schieramento, in porta, dovrebbe continuare Saipi, ma con Baumann e Osigwe vicino al rientro (martedì potrebbe tornare in gruppo dopo un ultimo controllo alla spalla) il Lugano è decisamente ben coperto... «Per la squadra è importantissimo sapere che se al primo succede qualcosa, chi lo rimpiazza è alla sua altezza. Poi analizzando la questione, i problemi in questo momento sono solo miei, nella gestione. Tutti e tre meritano di giocare».

Contro le squadre di Contini, il Lugano negli ultimi anni ha sempre fatto fatica... «La spiegazione è molto semplice: Contini è un ottimo allenatore, che fa giocare sempre bene le sue squadre e in maniera molto offensiva. Ritengo che lui forse è al momento l’allenatore più preparato in Svizzera. Non dimentichiamo però che qualche partita contro di lui l’abbiamo vinta. Nel caso dell’ultimo duello (sempre l’1-1 dello scorso 23 settembre, ndr) non avevo di certo sottovalutato la compagine zurighese, che ha parecchi nazionali. Ero a conoscenza della loro forza, ma non eravamo stati abbastanza bravi per contrastarla e in particolare a centrocampo nel secondo tempo ci avevano fatto veramente male».

Domenica un’altra partita importante ma alle urne

Non solo a Zurigo si giocherà una partita importante per il Lugano, con la votazione di domenica sul Polo Sportivo degli Eventi (che comprende anche il nuovo stadio di calcio) che definirà il futuro della società bianconera... «La vigilia del voto può essere paragonata a quella di una finale di Coppa Svizzera – ha dichiarato Eugenio Jelmini, da sempre vicino all’Fcl e a capo dei promotori del Pse –. La pressione è tanta, ma spero e confido nella saggezza della popolazione luganese. È probabile che avremo una grande affluenza alle urne, come quando si vota per le elezioni comunali. Una cosa mai successa fino a oggi».

CALCIO: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Hockey
41 min
Lugano, Schlegel si deve fermare. Fino a marzo
Niente derby per il portiere bianconero: lesione agli adduttori della coscia. McSorley dovrà scegliere se puntare sul canadese Irving o su Fatton
Hockey
1 ora
Le ragazze svizzere ai Giochi senza la loro stella. Per ora
Valori limite per entrare in Cina: Alina Müller e Sinjia Leemann incrociano le dita e vanno in isolamento. Weibel: ‘Fiduciosi della strategia adottata’
Tennis
2 ore
Medvedev firma l’impresa a Melbourne: è semifinale
Sotto di due set contro Aguer-Aliassine, il russo ribalta la partita e stacca il biglietto per il penultimo atto degli Australian Open
Hockey
3 ore
Hedlund e il suo staff non si muovono da Rapperswil
Confermata in blocco la guida tecnica dei sangallesi. Che resterà (almeno) fino al termine della stagione 2023/24
Sci
5 ore
Michelle Gisin dice no a Garmisch-Partenkirchen
Terza defezione di lusso, nel clan rossocrociato, per le ultime gare di Coppa del mondo prima della partenza per Pechino
Calcio
7 ore
L’Fc Lugano ha di nuovo un presidente, sarà Philippe Regazzoni
Classe ‘69, Regazzoni è attinente di Balerna ma residente a Küssnacht e da 25 anni è attivo nell’ambito assicurativo.
Calcio
12 ore
Da Lima a Yaoundé, quante tragedie legate al calcio
Disordini tra tifosi, strutture fatiscenti, sicurezza e forze dell’ordine inadeguate, fatalità: il dramma in Camerun è solo l’ultimo di una lunga lista
Hockey
19 ore
Ambrì sconfitto a Zurigo con onore e ripreso dal Berna
I Lions fanno la differenza nell’ultimo periodo dopo l’1-1 al termine dei primi due tempi. In classifica i leventinesi cedono agli Orsi il decimo posto.
Hockey
19 ore
A Zugo un martedì pazzo, che al Lugano frutta un punto
Serata incredibile alla BossardArena, in cui succede di tutto, decisa da Hansson al supplementare. Con i bianconeri che, però, perdono Schlegel
Sci
19 ore
A Schladming 7 elvetici a punti, ma lontani da Linus Strasser
Il tedesco si impone nello slalom sulla Planai precedendo il norvegese McGrath e l’austriaco Feller. Tanguy Nef (decimo) miglior rossocrociato.
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile