laRegione
roberto-mancini-e-la-partita-piu-importante-dell-anno
CALCIO
11.11.21 - 15:050
Aggiornamento : 16:52

Roberto Mancini: ‘È la partita più importante dell’anno’

Il tecnico italiano sa che la sua squadra è più forte, ma mette tutti in guardia: ‘Contro la Svizzera sono sempre sfide molto difficili’

Centoquarantatré giorni dopo il 3-0 nel turno preliminare di Euro 2020, l’Italia accoglie di nuovo la Svizzera a Roma. I campioni d’Europa assumono il ruolo di favoriti nella partita decisiva delle qualificazioni alla Coppa del mondo, ma a poco più di 24 ore dalla partita, l’allenatore Roberto Mancini ricorda a tutti come «le partite contro la Svizzera sono sempre molto difficili».

La sfida d’andata di due mesi fa a Basilea aveva dimostrato che non ha torto. Gli italiani erano stati superiori, ma siccome Yann Sommer aveva parato un rigore di Jorginho, la partita era finita 0-0.

Se Jorginho avesse segnato, adesso l’Italia potrebbe affrontare la sfida di ritorno con maggiore tranquillità. Ma alla luce dell’attuale classifica, Mancini parla di Italia - Svizzera come della «partita più importante dell’anno». Più importante della finale del campionato europeo? «I presupposti di partenza sono completamente diversi. In ballo c’è la partecipazione alla Coppa del mondo».

Quattro anni fa, l’Italia aveva dubito lo smacco dell’eliminazione ai playoff contro la Svezia. Mancini ha saputo risollevare le sorti del calcio azzurro, ma adesso non può permettere che l’Italia perda un secondo appuntamento mondiale consecutivo, nemmeno con un titolo europeo cucito sul petto... «Ma non dobbiamo giocare con paura, dobbiamo mostrare gioia, allora otterremo il giusto sostegno dal pubblico. L’Olimpico ci darà una grande mano, sarà una bella partita e faremo bene. Una partita importante, certo, ma se facciamo quello che sappiamo, abbiamo molte possibilità». E non è un caso che come sede di questa partita sia stato scelto l’Olimpico: a Roma l’Italia non perde una partita con punti in palio dal lontano 1953...

Il Mancio dovrà risolvere il rebus dell’attacco. Senza Immobile, gli viene a mancare quello che è stato un punto di riferimento di tutta la sua gestione. Per sostituire il laziale, in pole position c’è il torinista Andrea Belotti... «Potrebbe non avere nelle gambe i 90’ visto che arriva da un infortunio serio, ma se segna nei primi 60-65 minuti, sarò felice».

CALCIO: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Tennis
23 min
Murray l’inossidabile batte Basilashvili in cinque set
Il britannico è di ritorno a Melbourne a tre anni di distanza da quella che avrebbe dovuto essere l’ultima partita della carriera
Basket
42 min
Senza alcun senso la formula della Coppa
Domani in campionato Sam Massagno a Monthey, Tigers ospiti di Swiss Central
Tennis
7 ore
Niente impresa per Henri Laaksonen, battuto da Medvedev
Il russo, numero 2 al mondo, mette fine ai sogni di gloria dello sciaffusano agli Australian Open. Eliminate anche Vögele e Golubic
Hockey
8 ore
Storica quintina di Timo Meier sulle piste di Nhl
L’appenzellese degli San José Sharks diventa il primo giocatore svizzero a realizzare cinque gol nella medesima partita di Nhl
Tennis
9 ore
‘Djokovic era sereno, gli australiani un po’ meno’
Tristan Schoolkate, sparring partner di Nole durante il suo breve soggiorno australiano, racconta a laRegione l’incontro con il campione serbo
Gallery
Calcio
18 ore
Petkovic, dall’altare di Bucarest alla polvere della Gironda
Il pesante 6-0 rimediato a Rennes pone l’ex ct della Svizzera a serio rischio esonero. Il suo Bordeaux è penultimo con la peggior differenza reti
CALCIO
18 ore
Per la Fifa, Lewandowski è il giocatore dell’anno
Il polacco del Bayern Monaco premiato con il ‘Best Player’. Ha preceduto Leo Messi e Mohamed Salah. Tra le donne vittoria di Alexia Putellas (Barcellona)
Sci
20 ore
Beat Feuz di nuovo papà: è nata Luisa
Con un tempismo perfetto, la secondogenita dello sciatore rossocrociato è venuta al mondo dopo le gare di Wengen e prima di quelle di Kitzbühel
CALCIO
21 ore
Inghilterra e Kosovo per le amichevoli di marzo
Reso noto il programma 2022 della Nazionale svizzera. Nel mese di giugno quattro partite di Nations League in dieci giorni. E in novembre i Mondiali
HOCKEY
22 ore
‘Playoff lontani, ma provarci rimane un dovere’
Santeri Alatalo e il difficile momento del Lugano: ‘Le ultime sconfitte ci sono costate molto sul piano emotivo, ma abbiamo i mezzi per riprenderci’
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile