laRegione
Calcio
10.11.21 - 17:46
Aggiornamento: 18:42

Remo Freuler: ‘Alle parole preferisco i fatti’

Il centrocampista dell’Atalanta partita dopo partita si è conquistato i galloni di leader della Nazionale rossocrociata: ‘Quando serve mi faccio sentire’

remo-freuler-alle-parole-preferisco-i-fatti
+1

Con i suoi 29 anni e la maglia da titolare dell’Atalanta delle meraviglie indossata con continuità in serie A e in Champions League, Remo Freuler è uno dei pilastri della Nazionale rossocrociata, da qualche mese a questa parte. Un riconoscimento che il vicecapitano della Dea si è guadagnato facendosi largo a suon di prestazioni e partendo da abbastanza lontano, nelle gerarchie del centrocampo elvetico nel quale è diventato la spalla ideale di Granit Xhaka. In assenza del capitano, è Freuler il puntello attorno al quale costruire l’impianto di gioco elvetico con il quale contrastare l’Italia campione d’Europa in carica.

Come definirebbe il suo ruolo all’interno del gruppo rossocrociato e la sua crescita personale in seno alla Nazionale? «La mia posizione è mutata molto, nell’ultimo anno e mezzo. Da molto tempo a questa parte ci sono sempre e sono titolare. La mia ferma volontà di non mollare mai è stata ripagata dalla fiducia dello staff tecnico. Oggi, in seno alla Nazionale, la mia parola ha un peso».

Capitano a Bergamo

Lo stesso peso che sembra avere a Bergamo. Nelle ultime otto partite tra serie A e Champions ha indossato la fascia di capitano. «Se non gradisco qualcosa, lo dico e vengo ascoltato. Non gradisco particolarmente il basso profilo. Con il tempo ho imparato a impormi e farmi sentire. Prediligo però che le questioni vengano risolte in campo. Preferisco i fatti alle parole».

Due parole sulla stagione con l’Atalanta. «Sono felice che ottobre sia passato. Come già nella passata stagione, abbiamo lasciato troppi punti per strada. Mi auguro che la nostra fase migliore possa coincidere con le prossime settimane, anche grazie al recupero dei tanti infortunati che ci hanno condizionato non poco. Abbiamo disputato incontri con quattro o cinque titolari assenti, tutti nel reparto arretrato».

Che beffa in Champions

È stata particolarmente dolorosa la doppia rimonta subìta contro il Manchester United: da 2-0 a 2-3 all’Old Trafford, dal vantaggio 2-0 al 2-2 firmato Cristiano Ronaldo a Bergamo. C’è il rischio di aver compromesso il cammino in Champions League. «Eravamo arrabbiatissimi, dopo quelle due partite. A un certo punto abbiamo spento il motore, non sarebbe dovuto accadere. L’Atalanta vive di brio, movimento, qualità, gioco d’attacco contro ogni avversaria».

Tornando alla Nazionale, la figura di riferimento è Granit Xhaka, il capitano e leader carismatico del gruppo. La sua assenza è un fattore. «Per colmare una lacuna di quel peso, serve l’apporto di tutta la squadra. Non c’è un singolo elemento in grado di sostituire Granit. Ciascuno di noi deve dare qualcosa di più, per compensare la sua assenza. Finora l’operazione ci è riuscita piuttosto bene. Detto ciò, mi auguro che Xhaka possa rientrare al più presto».

Dal punto di vista privilegiato di chi il calcio italiano lo vive quotidianamente, gli Azzurri sono ancora condizionati dalla mancata qualificazione ai Mondiali del 2018 o il titolo continentale ha davvero dato vita a un nuovo corso che prende le distanze dal recente passato? «L’atmosfera generale è buona, sono tornate autostima e fiducia, dubbi ce ne sono pochi. Come per noi, anche per gli italiani è chiaro soprattutto un aspetto: hanno il destino in mano».

Quanti progressi da quello 0-3

L’Italia ha superato il trauma “venturiano”. La Svizzera ha cancellato dalla testa lo 0-3 dello scorso giugno a Roma? «Da quell’incontro abbiamo fatto progressi in tutti gli ambiti. Non vedo punti comuni tra la situazione attuale e quella prestazione negativa. Per contro, dalla prospettiva degli Azzurri quel precedente potrebbe anche avere delle ripercussioni. A quella partita sono legati da ricordi molto felici. Roberto Mancini stesso ha dichiarato che «se disputiamo una grande partita, battiamo la Svizzera».

Con quali aspettative Freuler, ormai “adottato” dal massimo campionato italiano, affronta l’incontro di venerdì contro una squadra composta da colleghi che conosce molto bene da tanti anni? «Conosco ogni angolo della serie A, i giocatori che ritroverò a Roma li ho tutti affrontati più volte. La ritengo una sfida personale molto speciale, con una posta in palio il cui valore enorme è ben chiaro ad ambo le contendenti».

Yakin, idee e visione chiare

Concretamente, cosa è cambiato nelle file rossocrociate dopo il disastro di Roma? Quale peso ha avuto per la Nazionale la qualificazione ai quarti di finale con tanto di vittime illustri lungo il cammino e la consapevolezza di potersela giocare anche con le squadre più forti? «La vittoria a spese della Francia ci ha confermato che la Svizzera è in grado di battersi allo stesso livello delle grandi squadre, a condizione di essere focalizzata sull’impegno nel modo giusto. Lo sport è pieno di esempi di imprese mirabolanti, quando tutti i protagonisti remano nella stessa direzione con un obiettivo ben preciso in testa».

La linea di condotta la indica il tecnico. Come giudica l’operato di Murat Yakin dal suo insediamento al posto di Vladimir Petkovic? «In modo molto positivo. Ha un’idea chiara di come debba svilupparsi il nostro futuro. Il suo piano di gioco mi piace, prevede tanta strategia. In passato non lo avevo mai incrociato. L’interazione con noi giocatori è molto convincente, l’avvio della sua gestione promette bene. Petkovic era sempre pronto ad ascoltare i giocatori, da questo punto di vista i due tecnici sono simili. Murat è forse più “aperto” verso l’esterno».

Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Calcio
1 ora
Un mese di stop per Allan Arigoni
Il terzino del Lugano ha subito una lussazione acromion-clavicolare di secondo grado della spalla sinistra
IL DOPOPARTITA
12 ore
Sono le situazioni a rendere speciale il ‘Rappi’
Un ottimo Lugano costretto alla resa dal powerplay sangallese. Gianinazzi: ‘Dobbiamo crescere in boxplay e stare alla larga dalla panchina’.
HOCKEY
14 ore
Il powerplay del Rapperswil è micidiale, Lugano battuto
La trasferta sangallese ha interrotto la striscia positiva dei bianconeri, sconfitti per 5-2 dagli uomini allenati da Stefan Hedlund
VOLLEY
15 ore
Sconfitto in campionato, il Lugano si rifà in Coppa
Le bianconere cedono strada all’Aesch Pfeffingen, prima di conquistare il biglietto per le semifinali nell’inedito derby con le ragazze di Bellinzona
BASKET
18 ore
La Coppa della Lega è della Spinelli Massagno
A Montreux si è imposta 73-69 contro il Vevey, grazie a una grande prova di Marko Mladjan, Williams e Galloway. Infortunio per Sefolosha
IL DOPOPARTITA
18 ore
L’Ambrì oltre i tre punti. ‘Abbiamo ritrovato la costanza’
I biancoblù rientrano da Langnau con tre punti d’oro sulla strada verso i preplayoff. ‘Ma restano altre 11 battaglie. Rüfenacht? Fisicamente è messo bene’
Calcio
19 ore
Acb, anno nuovo e problemi vecchi
Prestazione davvero deludente dei granata, sconfitti senza appello in casa dall’Yverdon (0-2)
Tennis
19 ore
Doppio colpo per Novak Djokovic
Il serbo a Melbourne fa suo il primo Slam dell’anno e riconquista la vetta dell’Atp. Fra le donne vince la bielorussa Sabalenka
Bob
20 ore
Bronzo mondiale per Vogt e Michel
A Sankt Moritz, nel bob a due, arriva la prima medaglia iridata per la Svizzera dal 2016
SCI ALPINO
22 ore
Mikaela Shiffrin si ferma a sei centesimi dal record di Stenmark
Nella Repubblica Ceca la statunitense chiude lo slalom alle spalle della tedesca Lena Dürr. Migliore elvetica, Michelle Gisin con il nono posto
© Regiopress, All rights reserved