laRegione
AUGER-ALIASSIME F. (CAN)
0
KRAJINOVIC F. (SRB)
0
1 set
(0-0)
DJOKOVIC N. (SRB)
BEDENE A. (SLO)
15:10
 
VAN DE ZANDSCHULP B. (NED)
NADAL R. (ESP)
15:25
 
BENCIC B. (SUI)
1
FERNANDEZ L. A. (CAN)
1
3 set
(5-7 : 6-3 : 3-4)
al-letzigrund-il-lugano-non-ha-tenuto-botta
Calcio
laR
 
17.10.21 - 19:07
Aggiornamento : 19:27

Al Letzigrund il Lugano non ha tenuto Botta

Contro lo Zurigo ai bianconeri privi del loro numero 10 sono mancate le idee e forse anche un po’ di coraggio. A Croci-Torti di trovare soluzioni...

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Tabù Zurigo e spauracchio Antonio Marchesano? Tutto vero, per il povero Lugano. Costretto al Letzigrund nello scontro d’alta classifica della decima giornata di Super League a inchinarsi 1-0 alla nuova provvisoria (per una notte) capolista e a incassare così il quinto ko consecutivo (senza oltretutto mai segnare) contro i tigurini, che Sabbatini e compagni non battono dal 22 luglio 2020 (1-0 a Cornaredo). Poi un pareggio e appunto cinque sconfitte in “bianco”, l’ultima delle quali firmata sabato sera dalla bestia nera dei sottocenerini, quel numero 10 venuto proprio dal Ticino che nelle precedenti cinque occasioni in cui si era ritrovato sulla sua strada il Lugano, era andato a segno in altrettante occasioni. Stavolta niente gol, ma il 30enne bellinzonese autore già di sei reti e tre assist in questo campionato e che gli ospiti sono riusciti a limitare solo in parte, è comunque risultato decisivo inventandosi il passaggio che ha permesso all’ex bianconero Assan Ceesay di siglare l’unico gol del confronto, il decimo per lui in questa stagione tra campionato (8) e Coppa Svizzera (2). Decidendo così una partita sulla quale oltre allo stesso attaccante gambiano e a Marchesano, ha pesato fortemente un altro giocatore, assente però sul manto erboso dell’impianto zurighese.

Uno zero che parla da solo

Già perché stavolta più che mai è apparso chiaro come la squadra di Mattia Croci-Torti, proprio non possa fare a meno del “suo” Marchesano, quel Mattia Bottani sabato sera non presente in quanto infortunato (al pari di Maric e Baumann) ma decisivo in più occasioni in stagione, se non a suon di gol (2 fin qui in campionato, a cui si aggiunge la tripletta nel primo turno di Coppa) perlomeno a livello di impulsi, di movimenti, di pericolosità, di fantasia e chi più ne ha più ne metta. Senza di lui a girare attorno al perno Celar, a dialogare con gli esterni alti Abubakar e Lavanchy, a creare spazi per gli inserimenti dei vari Lovric e Sabbatini, a tenere occupati più difensori avversari (senza dimenticare le palle ferme), la squadra bianconera perde un buon cinquanta per cento del suo potenziale offensivo e lo zero alla casella tiri in porta con cui i ticinesi hanno tristemente concluso il match del “Letzi”, ne è la prova più eloquente.

Abubakar ci ha provato a inizio ripresa con un paio di spunti interessanti e con un assist per la botta da fuori di Sabbatini che non è andata lontana dall’incrocio della porta difesa da Brecher, ma in sostanza quest’ultimo non ha dovuto effettuare una sola parata in tutta la partita. Il suo dirimpettaio, Osigwe, oltre a qualche intervento di normale amministrazione ha invece dovuto compiere due mezzi miracoli sulla punizione sempre di Marchesano al 36’ e sul destro basso del neoentrato Coric attorno al 70’, ma nulla ha potuto quando al 77’ Ceesay ha eluso la marcatura (per la verità tutto fuorché attenta) di Hajrizi e Daprelà, raccolto il lancio da metà campo del suo numero dieci e incrociato con precisione di sinistro, trovando il gol-partita che in fondo ha premiato la squadra migliore.

Scelte non incisive e poca intraprendenza

E forse anche quella più coraggiosa. L’impressione è infatti che a prescindere dalla pesante assenza del “Botta”, il Lugano a inizio di entrambe le frazioni abbia provato a prendere in mano la situazione e a sviluppare trame offensive, ma troppo timidamente, rinunciandovi non appena lo Zurigo rispondeva e guadagnava a sua volta qualche metro. In questo senso anche le scelte di Croci-Torti – difesa a quattro, Amoura in panchina, con quest’ultimo che va detto stavolta non è riuscito a incidere una volta entrato in campo al 64’ – non hanno forse dato quegli impulsi offensivi che lo stesso tecnico si aspettava, avendoci anche lavorato durante la pausa dedicata alle nazionali. Pena, il primo dispiacere da quando il 39enne momò – il quale a fine gara non ha cercato scuse parlando di «gol da non prendere in una situazione che conoscevamo» e di «troppi errori in fase di impostazione» – siede sulla panchina luganese.

Che ci può anche stare, dopo cinque risultati utili (Coppa compresa) e considerando che la sua squadra, oltretutto con una partita da recuperare, occupa pur sempre il quarto posto alla stessa distanza (otto punti) tanto dalla vetta riconquistata dal Basilea con la vittoria in extremis a Sion, quanto sull’ultima piazza occupata dal Lucerna. Ma la voglia del neoallenatore di lasciare la propria impronta sulla squadra anche in fase offensiva dovrà concretizzarsi al più presto, perché se contro Basilea (domenica) e Young Boys (mercoledì 27 in Coppa) a servire saranno forse più la solidità e il carattere, nei match successivi ci vorrà decisamente più coraggio di quello dimostrato al Letzigrund indossando la terza maglia (color blu-violetto-rosa) e soprattutto più idee e intraprendenza. Con o senza Bottani.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
fc lugano super league

CALCIO: Risultati e classifiche

Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Hockey
1 ora
La Svizzera e quelle scelte per il futuro pagate nel presente
Al Mondiale in Finlandia chiusosi in modo deludente, i vertici elvetici hanno preferito elementi come Riat ed Egli agli esperti Brunner e Diaz
Hockey
1 ora
Mondiali, nel 2026 appuntamento in Svizzera
Sfumata, causa Covid-19, l’edizione 2020, il nostro Paese ospiterà la rassegna iridata tra quattro anni. A Zurigo e Friborgo
Calcio
2 ore
Dopo il derby con il Chiasso la festa granata per la promozione
Sabato al termine della sfida con i rossoblù (che inizierà alle 16), l’Acb attende dalle 18 i propri tifosi per festeggiare il ritorno in Challenge League
Hockey
16 ore
Giovedì nero in salsa rossocrociata: si torna a casa
Dopo sette vittorie, al Mondiale in Finlandia la Nazionale di Fischer incassa la sua prima sconfitta. Ma è decisiva: in semifinale vanno gli Stati Uniti
Ciclismo
19 ore
Il belga De Bondt beffa gli sprinter a Treviso
Nell’ultima tappa (la 18ª) piatta del Giro d’Italia 2022 il corridore dell’Apecin ha battuto allo sprint i tre compagni di fuga. Carapaz sempre in rosa
calcio
20 ore
‘È stato un lungo percorso, ora mi godo ogni momento’
Mattia Bottani è arrivato al ritiro della Nazionale, dove ha già ricevuto le lodi di Pier Tami: ‘Ha fatto un grosso passo in avanti di personalità’
Hockey
20 ore
Ai Mondiali sono canadesi e cechi i primi semifinalisti
In Finlandia cadono i primi due verdetti: Svezia e Germania debbono fare le valigie. Mentre alle 19.20 la Nazionale di ‘Fischi’ si gioca tutto con gli Usa
Formula 1
21 ore
Ecclestone fermato: in volo per la Svizzera con una pistola
Il novantunenne ex patron della Formula 1 arrestato all’aeroporto di San Paolo dopo essere stato trovato in possesso di una LW Seecamp 32
CALCIO
1 gior
‘La Coppa Svizzera deve essere soltanto l’antipasto’
Joe Mansueto per la prima volta in Ticino: ‘Il nostro è un impegno a lungo termine, il trofeo è uno stimolo in più. Lugano e Chicago sullo stesso piano’
Motociclismo
1 gior
Ritardi al KymiRing, e salta il Gp della Finlandia
Il protrarsi di lavori e pratiche per l’omologazione fanno slittare al 2023 il ritorno finnico del Motomondiale
© Regiopress, All rights reserved