laRegione
svizzera-il-successo-c-e-e-i-gol-sono-quattro
Calcio
12.10.21 - 22:42

Svizzera, il successo c’è, e i gol sono quattro

Doppietta di Embolo e gol di Steffen e Gavranovic per il 4-0 dei rossocrociati contro la Lituania. Tutto nel primo tempo, ripresa soporifera

Il successo era d‘obbligo, ed è puntualmente arrivato, seppur non al termine di un confronto esaltante. L’operazione differenza reti, inoltre, è parzialmente riuscita, per la Svizzera: il 4-0 alla Lituania è più del minimo sindacale che andava profilandosi prima che Gavranovic a tempo scaduto mettesse a segno il quarto gol, il 16esimo in 36 presenze in rossocrociato. Ora gli elvetici accusano un ritardo di due reti nei confronti dell’Italia, con ancora gli Azzurri e la Bulgaria da affrontare. Non disprezzabile, questo scenario, per una squadra che a Vilnius ha fatto tutto nel primo tempo, per poi spegnersi nella ripresa, sul comodo cuscino del vantaggio delle tre reti messe a segno prima del 45’

È a partire dalla mezz’ora che la Svizzera ha espresso il meglio di sé, dopo qualche verticalizzazione vanificata dall’imprecisione degli affondi, affidati soprattutto all’estro di Shaqiri, tradottosi prima in un bel pallonetto ma poi, fortunatamente, in due calci d’angolo dai quali è scaturita la doppietta di Embolo. Laddove non è arrivata la classe del trequartista ex Liverpool oggi al Lione, è salito in cattedra Fabian Schär, difensore centrale dal piede delicato, non sempre concreto in retrovia ma utile in veste di regista arretrato. In grado, per tecnica e visione di gioco, di sostituirsi alla regia di capitan Xhaka, con lanci illuminanti degni del collega, il grande assente in casa elvetica. Uno su tutti, quello che ha messo Steffen davanti al portiere, superato con un pallonetto per quello che è stata la seconda rete della serata.

La sblocca Embolo

Il ct rossocrociato Murat Yakin ha optato per tre novità nell’undici titolare rispetto alla partita di sabato contro l’Irlanda del Nord: Silvan Widmer, Fabian Schär e Djibril Sow hanno infatti rimpiazzato gli infortunati Kevin Mbabu e Manuel Akanji e lo squalificato Denis Zakaria. Confermato, per contro, Renato Steffen, protagonista di un buon primo tempo che lo ha visto andare a segno per la prima volta con la maglia rossocrociata, alla 18esima presenza. Una rete propiziata da un invito di Fabian Schär - il regista arretrato dell’undici elvetico, riferimento iniziale per le trame di gioco, in assenza di capitan Xhaka - sul quale il giocatore del Wolfsburg si è fiondato per farsi beffe della distratta retroguardia di casa e superare il portiere con un pallonetto delicato quanto “comodo”.

Un gol che si è inserito a cavallo delle due reti di Breel Embolo (al 50esimo gettone rossocrociato, salito a quota 8 reti). Con la prima - una bella capocciata prepotente - l’attaccante del Borussia Mönchengladbach ha sbloccato una partita dai ritmi blandi e dalle contenutissime emozioni, complice l’atteggiamento non esattamente corsaro degli elvetici e l’attendismo - nonché la pochezza - della Lituania, schierata a ridosso della propria area e impegnata esclusivamente nell’opera di contenimento.

Così, ci è voluta una palla inattiva, segnatamente un angolo molto ben calciato da Shaqiri, per sbloccare il risultato e consentire alla Nazionale di Yakin di liberarsi dal peso di uno 0-0 un po’ inquietante, trasformato nel breve volgere di pochi minuti in un rotondo 3-0 per effetto del citato pallonetto di Steffen e del secondo sigillo di Embolo (ancora una volta sugli sviluppi di un angolo), opportunista a due passi dalla porta lituana, come si compete a un centravanti di razza, lui che... centravanti autentico non è.

Ritmo basso e... Supermario

La ripresa si è aperta con la novità Garcia al posto di Rodriguez (acciaccato) e con una Svizzera rinfrancata dalle tre reti che l‘hanno posta - una volta assicuratasi la vittoria - nella condizione di poter pensare alla differenza reti, in chiave primo posto di girone. L’ingresso in campo nelle fasi finali di Fassnacht e Vargas prima e di Gavranovic poi ha “rivoluzionato” il terzetto offensivo che ha agito alle spalle di Embolo, il quale dopo l’ingresso del ticinese - lui sì prima punta di ruolo - si è piazzato in una posizione a lui pu consona. Tentativi lodevoli e legittimi di riaccendere il fuoco sacro di una Nazionale accomodatasi un po’ troppo sul bottino messo in cassaforte entro il 45’. La verve di Vargas, uno che quando entra lascia sempre il segno, ha prodotto un palo pieno nell’unica occasione in cui la Svizzera è andata per davvero vicina alla quarta realizzazione, quella trovata nei minuti di recupero da Mario Gavranovic. Un gol ininfluente nell’economia della partita, che potrebbe però rivelarsi pesantissimo in chiave qualificazione diretta.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
breel embolo mario gavranovic murat yakin nazionale rossocrociata svizzera

CALCIO: Risultati e classifiche

Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
ATLETICA
6 ore
Anche i 200 metri respingono Sha’Carri Richardson
Ai trials statunitensi la 22enne sprinter dopo aver fallito nei 100 (i batteria) è stata eliminata in semifinale anche sulla distanza doppia
CORSA D'ORIENTAMENTO
9 ore
Staffetta amara per la Svizzera ai Mondiali in Danimarca
Un clamoroso errore di Joy Hadorn in seconda frazione impedisce agli elvetici di salire sul podio e li costringe a un amaro quarto posto. Oro alla Svezia
CICLISMO
9 ore
Robin Froidevaux e Caroline Baur nuovi campioni svizzeri
A Steinmaur il vodese ha preceduto Reichenbach, Stüssi e Schmid. In campo femminile, argento per la ticinese Linda Zanetti nelle U23
BOXE
1 gior
Il giorno che Mike sbranò le orecchie a Holyfield
25 anni fa su un ring del Nevada Mike Tyson si rese protagonista di un episodio davvero clamoroso
atletica
2 gior
Us Ascona protagonista nella prima giornata degli Svizzeri
Oro di Gian Vetterli nel lancio del disco, argento di Ajla Del Ponte sui 100 m, bronzo di Emma Piffaretti nel lungo. Mujinga Kambundji da record
nuoto
2 gior
Noè Ponti chiude ottavo nella finale dei 100 delfino
Vince Kristof Milak, mentre Noè crolla nel finale ed è ultimo
CALCIO
2 gior
‘A Lugano per ultimare il mio apprendistato’
Lukas Mai, nuovo difensore centrale dei bianconeri, chiamato a sostituire Maric: ‘La dirigenza mi ha fatto capire di essere davvero interessata a me’
TENNIS
2 gior
A Wimbledon Wawrinka pesca l’italiano Sinner
Subito un pezzo grosso per il vodese, presente a Londra grazie a una wild card. In campo femminile, Golubic contro Petkovic, Bencic contro Wang
NUOTO
2 gior
Sasha Touretski eliminata, resta solo Noè Ponti
La ginevrina non ha superato le batterie dei 50 stile libero e ha chiuso con il 21° tempo. Il ticinese ultimo svizzero ancora impegnato ai Mondiali
CALCIO
3 gior
Roman Hangarter e Mijat Maric, nuovi acquisti del Team Ticino
Lo zurighese prenderà il posto di Immersi quale responsabile tecnico, mentre l’ex difensore bianconero rivestirà il ruolo di talent manager
© Regiopress, All rights reserved