laRegione
Sciaffusa
0
Thun
0
fine
KOZLOV S. (USA)
1
STRICKER D. (SUI)
2
fine
(6-4 : 4-6 : 3-6)
Sciaffusa
0
Thun
0
fine
KOZLOV S. (USA)
1
STRICKER D. (SUI)
2
fine
(6-4 : 4-6 : 3-6)
svizzera-il-successo-c-e-e-i-gol-sono-quattro
Calcio
12.10.21 - 22:420

Svizzera, il successo c’è, e i gol sono quattro

Doppietta di Embolo e gol di Steffen e Gavranovic per il 4-0 dei rossocrociati contro la Lituania. Tutto nel primo tempo, ripresa soporifera

Il successo era d‘obbligo, ed è puntualmente arrivato, seppur non al termine di un confronto esaltante. L’operazione differenza reti, inoltre, è parzialmente riuscita, per la Svizzera: il 4-0 alla Lituania è più del minimo sindacale che andava profilandosi prima che Gavranovic a tempo scaduto mettesse a segno il quarto gol, il 16esimo in 36 presenze in rossocrociato. Ora gli elvetici accusano un ritardo di due reti nei confronti dell’Italia, con ancora gli Azzurri e la Bulgaria da affrontare. Non disprezzabile, questo scenario, per una squadra che a Vilnius ha fatto tutto nel primo tempo, per poi spegnersi nella ripresa, sul comodo cuscino del vantaggio delle tre reti messe a segno prima del 45’

È a partire dalla mezz’ora che la Svizzera ha espresso il meglio di sé, dopo qualche verticalizzazione vanificata dall’imprecisione degli affondi, affidati soprattutto all’estro di Shaqiri, tradottosi prima in un bel pallonetto ma poi, fortunatamente, in due calci d’angolo dai quali è scaturita la doppietta di Embolo. Laddove non è arrivata la classe del trequartista ex Liverpool oggi al Lione, è salito in cattedra Fabian Schär, difensore centrale dal piede delicato, non sempre concreto in retrovia ma utile in veste di regista arretrato. In grado, per tecnica e visione di gioco, di sostituirsi alla regia di capitan Xhaka, con lanci illuminanti degni del collega, il grande assente in casa elvetica. Uno su tutti, quello che ha messo Steffen davanti al portiere, superato con un pallonetto per quello che è stata la seconda rete della serata.

La sblocca Embolo

Il ct rossocrociato Murat Yakin ha optato per tre novità nell’undici titolare rispetto alla partita di sabato contro l’Irlanda del Nord: Silvan Widmer, Fabian Schär e Djibril Sow hanno infatti rimpiazzato gli infortunati Kevin Mbabu e Manuel Akanji e lo squalificato Denis Zakaria. Confermato, per contro, Renato Steffen, protagonista di un buon primo tempo che lo ha visto andare a segno per la prima volta con la maglia rossocrociata, alla 18esima presenza. Una rete propiziata da un invito di Fabian Schär - il regista arretrato dell’undici elvetico, riferimento iniziale per le trame di gioco, in assenza di capitan Xhaka - sul quale il giocatore del Wolfsburg si è fiondato per farsi beffe della distratta retroguardia di casa e superare il portiere con un pallonetto delicato quanto “comodo”.

Un gol che si è inserito a cavallo delle due reti di Breel Embolo (al 50esimo gettone rossocrociato, salito a quota 8 reti). Con la prima - una bella capocciata prepotente - l’attaccante del Borussia Mönchengladbach ha sbloccato una partita dai ritmi blandi e dalle contenutissime emozioni, complice l’atteggiamento non esattamente corsaro degli elvetici e l’attendismo - nonché la pochezza - della Lituania, schierata a ridosso della propria area e impegnata esclusivamente nell’opera di contenimento.

Così, ci è voluta una palla inattiva, segnatamente un angolo molto ben calciato da Shaqiri, per sbloccare il risultato e consentire alla Nazionale di Yakin di liberarsi dal peso di uno 0-0 un po’ inquietante, trasformato nel breve volgere di pochi minuti in un rotondo 3-0 per effetto del citato pallonetto di Steffen e del secondo sigillo di Embolo (ancora una volta sugli sviluppi di un angolo), opportunista a due passi dalla porta lituana, come si compete a un centravanti di razza, lui che... centravanti autentico non è.

Ritmo basso e... Supermario

La ripresa si è aperta con la novità Garcia al posto di Rodriguez (acciaccato) e con una Svizzera rinfrancata dalle tre reti che l‘hanno posta - una volta assicuratasi la vittoria - nella condizione di poter pensare alla differenza reti, in chiave primo posto di girone. L’ingresso in campo nelle fasi finali di Fassnacht e Vargas prima e di Gavranovic poi ha “rivoluzionato” il terzetto offensivo che ha agito alle spalle di Embolo, il quale dopo l’ingresso del ticinese - lui sì prima punta di ruolo - si è piazzato in una posizione a lui pu consona. Tentativi lodevoli e legittimi di riaccendere il fuoco sacro di una Nazionale accomodatasi un po’ troppo sul bottino messo in cassaforte entro il 45’. La verve di Vargas, uno che quando entra lascia sempre il segno, ha prodotto un palo pieno nell’unica occasione in cui la Svizzera è andata per davvero vicina alla quarta realizzazione, quella trovata nei minuti di recupero da Mario Gavranovic. Un gol ininfluente nell’economia della partita, che potrebbe però rivelarsi pesantissimo in chiave qualificazione diretta.

CALCIO: Risultati e classifiche

Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Hockey
1 ora
Lugano, Schlegel si deve fermare. Fino a marzo
Niente derby per il portiere bianconero: lesione agli adduttori della coscia. McSorley dovrà scegliere se puntare sul canadese Irving o su Fatton
Hockey
2 ore
Le ragazze svizzere ai Giochi senza la loro stella. Per ora
Valori limite per entrare in Cina: Alina Müller e Sinjia Leemann incrociano le dita e vanno in isolamento. Weibel: ‘Fiduciosi della strategia adottata’
Tennis
3 ore
Medvedev firma l’impresa a Melbourne: è semifinale
Sotto di due set contro Aguer-Aliassine, il russo ribalta la partita e stacca il biglietto per il penultimo atto degli Australian Open
Hockey
4 ore
Hedlund e il suo staff non si muovono da Rapperswil
Confermata in blocco la guida tecnica dei sangallesi. Che resterà (almeno) fino al termine della stagione 2023/24
Sci
6 ore
Michelle Gisin dice no a Garmisch-Partenkirchen
Terza defezione di lusso, nel clan rossocrociato, per le ultime gare di Coppa del mondo prima della partenza per Pechino
Calcio
8 ore
L’Fc Lugano ha di nuovo un presidente, sarà Philippe Regazzoni
Classe ‘69, Regazzoni è attinente di Balerna ma residente a Küssnacht e da 25 anni è attivo nell’ambito assicurativo.
Calcio
13 ore
Da Lima a Yaoundé, quante tragedie legate al calcio
Disordini tra tifosi, strutture fatiscenti, sicurezza e forze dell’ordine inadeguate, fatalità: il dramma in Camerun è solo l’ultimo di una lunga lista
Hockey
20 ore
Ambrì sconfitto a Zurigo con onore e ripreso dal Berna
I Lions fanno la differenza nell’ultimo periodo dopo l’1-1 al termine dei primi due tempi. In classifica i leventinesi cedono agli Orsi il decimo posto.
Hockey
20 ore
A Zugo un martedì pazzo, che al Lugano frutta un punto
Serata incredibile alla BossardArena, in cui succede di tutto, decisa da Hansson al supplementare. Con i bianconeri che, però, perdono Schlegel
Sci
20 ore
A Schladming 7 elvetici a punti, ma lontani da Linus Strasser
Il tedesco si impone nello slalom sulla Planai precedendo il norvegese McGrath e l’austriaco Feller. Tanguy Nef (decimo) miglior rossocrociato.
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile