laRegione
AUGER-ALIASSIME F. (CAN)
KRAJINOVIC F. (SRB)
14:40
 
DJOKOVIC N. (SRB)
BEDENE A. (SLO)
14:55
 
BENCIC B. (SUI)
1
FERNANDEZ L. A. (CAN)
1
3 set
(5-7 : 6-3 : 2-2)
segnare-all-irlanda-del-nord-non-e-uno-scherzo
CALCIO
07.10.21 - 17:19
Aggiornamento : 17:49

Segnare all’Irlanda del Nord non è uno scherzo

La Svizzera non va in gol su azione da 512’ e l’unica rete nelle ultime 5 sfide è giunta su rigore inventato. Ma a Ginevra gli elvetici non possono sbagliare

Se nel calcio ai dati statistici si potesse attribuire una qualsivoglia capacità di preveggenza, la Nazionale svizzera dovrebbe preoccuparsi – e parecchio – a poche ore dalla sfida di Ginevra con l’Irlanda del Nord, crocevia fondamentale per le speranze elvetiche di raggiungere i Mondiali 2022 in Qatar senza dover passare dalle forche caudine dello spareggio. Dovrebbe preoccuparsi, perché i numeri non confermano quella che, ranking Fifa alla mano, sembrerebbe essere una chiara supremazia, certificata dalle 32 posizioni che separano le due squadre (15esimi gli elvetici, 47esimi i nordirlandesi). Per il momento, le due Nazionali si sono affrontate sette volte, con tre pareggi (tutti 0-0) e due successi per parte. E in 7 partite, la Svizzera è riuscita ad andare in gol la miseria di 3 volte. A dire il vero, è da ben 512’ che la porta nordirlandese rimane inviolata, per lo meno su azione, visto che il 9 novembre 2017, nell’andata dello spareggio per i Mondiali in Russia, Ricardo Rodriguez era andato in gol su rigore, per altro inventato di sana pianta dall’arbitro romeno Hategan.

Alla luce dei precedenti, il fatto che la Svizzera non possa contare sul suo centravanti di riferimento (l’infortunato Haris Seferovic), per altro poco in palla (eufemismo) sia contro l’Italia, sia nella sfida di Belfast (sbagliò pure un rigore), qualche apprensione la può destare. Murat Yakin è ancora alla ricerca del primo gol “ufficiale” della sua gestione dopo il doppio 0-0 di settembre. Un gol che sabato dovrà arrivare, in un modo o nell’altro. Perché lasciare Ginevra senza i tre punti in saccoccia potrebbe voler dire cedere all’Italia senza combattere la qualificazione diretta e giocarsi tutto nei 180’ di spareggio contro un avversario che, alla luce delle attuali classifiche di gruppo, potrebbe chiamarsi Serbia, Russia, Norvegia o, tanto per cambiare, Svezia. Avversari invero non impossibili, ma che, per un motivo o per un altro, sarebbe meglio evitare. Per riuscirci, però, la Svizzera dovrà vincere le prossime quattro partite: Irlanda del Nord, Lituania, Italia a Roma e Bulgaria a Lucerna. Il pareggio del mese scorso a Belfast ha complicato, e di brutto, le cose.

Le assenze di Seferovic e Xhaka costringeranno Yakin a inventarsi qualche soluzione alternativa. Davanti, il coach basilese dovrebbe affidarsi a due suoi conterranei nel tentativo di scardinare una difesa che ritroverà Jonny Evans, suo leader naturale e assente per infortunio a Belfast. Breel Embolo e Xherdan Shaqiri, entrambi assenti in settembre, dovrebbero occupare i due posti d’attacco in un classico 4-4-2. Embolo è reduce da una splendida prestazione contro il Wolfsburg, con una rete e un assist, grazie alla quale è finito nell’undici ideale del settimanale Kicker. Shaqiri, dal canto suo, dopo il passaggio dal Liverpool al Lione è in ripresa, sia fisica, sia mentale. Non ha ancora ritrovato il suo abituale standard di rendimento, ma arriva da sette titolarizzazioni consecutive e “Muri” dovrebbe garantirgli maggiore libertà d’azione rispetto a quanta ne ha ricevuta in queste settimane in Francia, dove è stato spesso costretto a stazionare sul fianco destro dell’attacco. Yakin potrà comunque contare pure sul rientro di Mario Gavranovic, elemento in grado di garantire un apporto di spessore, come ha saputo dimostrare durante Euro 2020.

Rigori, una spina nel fianco

La Svizzera fatica ad andare in rete, non soltanto su azione, ma pure dagli undici metri, tanto da aver fallito gli ultimi quattro tentativi all’interno di tempi regolamentari e supplementari, tre volte con Rodriguez (Eire, Stati Uniti e Francia) e una con Seferovic (a Belfast). Murat Yakin ha deciso che, nel caso in cui la Svizzera dovesse avere a disposizione una nuova opportunità, a incaricarsi della battuta sarà Xherdan Shaqiri. Scelta quanto meno insolita, visto che nelle 96 apparizioni in rossocrociato, XS è andato sul dischetto una sola volta, nella serie di rigori degli ottavi di finale di Euro 2016 contro la Polonia (per altro con successo). In carriera il basilese ha calciato sei volte dal dischetto con un solo errore ed è di fatto colui che può vantare la migliore media tra i 23 convocati, eccezion fatta per Rodriguez (22 segnati e 6 sbagliati). Il nuovo coach rossocrociato vuole evidentemente che sia proprio il più estroso dei giocatori svizzeri – per altro gratificato con la fascia di capitano in essenza di Xhaka – a caricarsi sulle spalle le sorti della Nazionale. Una vittoria servirà pure a scacciare sul nascere le possibili polemiche per la mancata convocazione di Michael Frey, in questo inizio di stagione autore di 12 reti nel campionato belga con la maglia dell’Anversa. Bottino ben diverso rispetto a quelli di Cedric Itten (un gol con il Greuther Fürth, al quale è stato ceduto in prestito dai Glasgow Rangers) e Albian Ajeti (tre reti tra campionato ed Europa League con i Celtic Glasgow).

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ginevra irlanda del nord murat yakin qatar 2022 svizzera

CALCIO: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Hockey
1 ora
La Svizzera e quelle scelte per il futuro pagate nel presente
Al Mondiale in Finlandia chiusosi in modo deludente, i vertici elvetici hanno preferito elementi come Riat ed Egli agli esperti Brunner e Diaz
Hockey
1 ora
Mondiali, nel 2026 appuntamento in Svizzera
Sfumata, causa Covid-19, l’edizione 2020, il nostro Paese ospiterà la rassegna iridata tra quattro anni. A Zurigo e Friborgo
Calcio
1 ora
Dopo il derby con il Chiasso la festa granata per la promozione
Sabato al termine della sfida con i rossoblù (che inizierà alle 16), l’Acb attende dalle 18 i propri tifosi per festeggiare il ritorno in Challenge League
Hockey
16 ore
Giovedì nero in salsa rossocrociata: si torna a casa
Dopo sette vittorie, al Mondiale in Finlandia la Nazionale di Fischer incassa la sua prima sconfitta. Ma è decisiva: in semifinale vanno gli Stati Uniti
Ciclismo
19 ore
Il belga De Bondt beffa gli sprinter a Treviso
Nell’ultima tappa (la 18ª) piatta del Giro d’Italia 2022 il corridore dell’Apecin ha battuto allo sprint i tre compagni di fuga. Carapaz sempre in rosa
calcio
19 ore
‘È stato un lungo percorso, ora mi godo ogni momento’
Mattia Bottani è arrivato al ritiro della Nazionale, dove ha già ricevuto le lodi di Pier Tami: ‘Ha fatto un grosso passo in avanti di personalità’
Hockey
20 ore
Ai Mondiali sono canadesi e cechi i primi semifinalisti
In Finlandia cadono i primi due verdetti: Svezia e Germania debbono fare le valigie. Mentre alle 19.20 la Nazionale di ‘Fischi’ si gioca tutto con gli Usa
Formula 1
21 ore
Ecclestone fermato: in volo per la Svizzera con una pistola
Il novantunenne ex patron della Formula 1 arrestato all’aeroporto di San Paolo dopo essere stato trovato in possesso di una LW Seecamp 32
CALCIO
1 gior
‘La Coppa Svizzera deve essere soltanto l’antipasto’
Joe Mansueto per la prima volta in Ticino: ‘Il nostro è un impegno a lungo termine, il trofeo è uno stimolo in più. Lugano e Chicago sullo stesso piano’
Motociclismo
1 gior
Ritardi al KymiRing, e salta il Gp della Finlandia
Il protrarsi di lavori e pratiche per l’omologazione fanno slittare al 2023 il ritorno finnico del Motomondiale
© Regiopress, All rights reserved