laRegione
DJOKOVIC N. (SRB)
2
NISHIOKA Y. (JPN)
0
3 set
(6-3 : 6-1 : 3-0)
Austria
5
Gran Bretagna
3
fine
(0-1 : 0-1 : 5-1)
lugano-ci-e-voluto-un-po-ma-e-un-successo-meritato
Calcio
02.10.21 - 22:31
Aggiornamento : 03.10.21 - 15:12

Lugano, ci è voluto un po’, ma è un successo meritato

I bianconeri battono 2-0 il Losanna con il rigore di Ziegler e il gol di Amoura allo scadere. Clamoroso palo di un ottimo Bottani al 36’

Quarto successo stagionale per il Lugano, salito in quello che momentaneamente è il secondo posto, in coabitazione con lo Young Boys a 14 punti. Davvero bella la classifica dei bianconeri, per effetto del successo 2-0 ai danni del Losanna, l‘unica compagine di Super League ancora a secco di vittorie dopo un intero quarto di campionato (quattro pareggi e cinque sconfitte sul conto dei vodesi). Di Reto Ziegler dal dischetto (fallo ai danni ai Amoura al 76’) la rete del vantaggio bianconero, dell’algerino subentrato nella ripresa il punto della sicurezza, sigillo su un successo invero meritato anche se un tantino laborioso, ma solo perché maturato tardi.

Come una formichina diligente e applicata, la squadra di Croci Torti ha lavorato e seminato con pazienza, per poi raccogliere i frutti dei propri costanti sforzi quando si stava profilando un pareggio ingeneroso, contabilità delle opportunità da rete alla mano. Fermo restando che gli ospiti a loro volta si sono resi pericolosi, pur essendo nel complesso una compagine di basso cabotaggio, come del resto indica la classifica.

Bottani fermato dal montante

L’occasione più clamorosa di un primo tempo dominato dal punto di vista delle occasioni da rete è senza dubbio il palo interno colto da Mattia Bottani, messo davanti al portiere Diaw da una pennellata di Sabbatini: splendido il controllo di destro, preciso (ma non abbastanza) l’appoggio del “Botta”, con il pallone respinto dal montante e scivolato lontano lungo la linea di porta, privando il “dieci” di casa della terza rete stagionale, la terza realizzata contro una compagine romanda, lui che era andato a segno contro il Servette e il Sion. Ma non è stata l’unica possibilità che la squadra di Croci Torti si è costruito per chiudere in vantaggio la prima metà di gara. Lo stesso Bottani ci aveva provato in avvio, imitato da Lavanchy, tra i più propositivi nella prima mezz’ora. Un colpo di testa di Lovric ha poi costretto Diaw all’intervento a terra, prima che lo stesso mediano bianconero mandasse la sfera di poco a lato della porta vodese concludendo con un piattone a giro un’azione nata da un recupero dell’indiavolato Bottani. È poi toccato ad Abubakar, un po’ troppo fuori dalle trame offensive dei compagni, dare un segnale di vita, con una conclusione ben intercettata dal portiere vodese, parecchio sollecitato. Al contrario del suo omologo bianconero Osigwe, battuto dal pallonetto di Ouattara (che però era in evidente posizione di fuorigioco) e allertato dalla conclusione acrobatica dello stesso centravanti ospite che per una volta aveva avuto la meglio su Maric.

Netto, quindi, ancorché non confortato dal risultato rimasto inchiodato sullo 0-0, il predominio del Lugano, per quanto attiene il computo delle occasioni.

Prima Ziegler poi Amoura

Di tenore un po’ diverso l’avvio di ripresa, segnata dal dominio territoriale del Lugano, ma dalle occasioni di fare male occorse al Losanna, vicino al gol con Ouattara e soprattutto Suzuki, ai quali si è opposto con bravura Osigwe, decisivo sul nipponico presentatosi a tu per tu con lui.

Attorno al 66’, poi, due clamorose opportunità di sbloccare il punteggio, una per parte: il pubblico di Cornaredo si interroga ancora adesso sul motivo per il quale Abubakar è riuscito a spedire a lato un pallone servitogli al bacio da Bottani, solo da spingere in fondo al sacco. Pericolo scampato, per gli ospiti, presentatisi trenta secondi dopo con Amdouni davanti a Osigwe, senza però riuscire a fare centro, neppure stavolta.

Un capovolgimento di fronte che ha dinamitato la ripresa, restituendo un po’ di coraggio anche al Losanna, castigato però dall’intervento scellerato di Sow ai danni di Amoura, steso in area: di Ziegler al 78’ (per l’ex nazionale è il secondo timbro stagionale) il rigore che ha regalato il meritato vantaggio al Lugano, in gol per il definitivo 2-0 nel finale grazie allo stesso algerino (al primo sigillo in campionato).

Lugano - Losanna (0-0) 2-0

Reti: 78’ Ziegler (rigore) 1-0. 94’ Amoura 2-0

Lugano: Osigwe; Hajrizi (66’ Amoura), Maric, Daprelà, Ziegler; Sabbatini, Lovric (86’ Facchinetti); Lavanchy, Bottani (81’ Custodio), Abubakar (81’ Mahmoud); Celar (86’ Guidotti)

Losanna: Diaw; Sow (79’ George), Grippo, Bares; Chafik, Thomas, Kukuruzovic (64’ N’Guessan), Suzuki; Mahou (46’ Puertas), Amdouni; Ouattara

Arbitro: Schärer

Note: 2’075 spettatori. Ammoniti: 23’ Amdouni. 78’ Ziegler. 83’ Custodio. Lugano senza N. Muci (squalificato), A. Muci e Baumann (infortunati). Losanna senza Husic (squalificato), Castella, Brown, Koyalipou, Kapo, Tsoungui, Sanches e Turkes (infortunati)

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
fc lugano losanna mattia bottani super league

CALCIO: Risultati e classifiche

Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
CICLISMO
2 ore
Ellen van Dijk, l’ora al femminile ha un nuovo nome
Sulla pista del velodromo solettese di Grenchen, la trentacinquenne olandese ha battuto il primato della britannica Lowden: 49,254 metri
Calcio
4 ore
L’Fcl e una squadra da (ri)costruire, con il Crus e per l’Europa
Il giorno dopo la conclusione di una trionfale stagione, la società bianconera ha voluto fare il punto gettando già lo sguardo alla prossima annata
CALCIO
4 ore
Alex Frei è il nuovo allenatore del Basilea
L’ex attaccante rossoblù, fresco di promozione in Super League con il Winterthur, ha firmato un contratto di due anni con il club che lo ha lanciato
Tennis
4 ore
Stan Wawrinka deve già salutare il Roland Garros
Il 37enne vodese, rientrato sul circuito solo a fine marzo dopo oltre un anno di stop, è stato sconfitto al primo turno in quattro set dal francese Moutet
Hockey
4 ore
Nico Hischier, tutta la stoffa del capitano
Terzo elvetico ad avere la ‘C’ sulla maglia in Nhl dopo Streit e Josi, il ventitreenne vallesano si gode il ruolo di leader. ‘Ma non sono certo l’unico’
Hockey
4 ore
Helsinki, capolinea Italia (e miracolo Danimarca)
La selezione di Ireland e Huras perde il posto nell’élite, battuta 5-2 dal Kazakistan. Gli scandinavi, invece, battono nientemeno che il Canada
basket
5 ore
Il Riva è terzo. ‘E dire che per alcuni non avevamo stimoli’
Buona stagione della squadra di Valter Montini, nonostante le tante giovani in campo e qualche infortunio di troppo
Formula 1
1 gior
Verstappen e una serenità figlia (anche) della cura dei dettagli
Con la doppietta in Spagna le Red Bull hanno ripreso il comando del Mondiale ai danni di una Ferrari che ha tradito Leclerc sul più bello
Hockey
1 gior
La Svizzera e la rimonta della domenica: fanno sei su sei
Primo tempo pessimo, poi gli elvetici escono alla distanza e vincono 5-2. Ma perdono per strada Scherwey: per l’attaccante del Berna il Mondiale è finito
Calcio
1 gior
Acb, un bel successo per festeggiare la promozione
I granata, ormai certi della salita in Challenge League, battono 3-2 l’Étoile Carouge con un gol di Souza nel recupero.
© Regiopress, All rights reserved