laRegione
21.09.21 - 17:53

Razzismo: multa e partita a porte chiuse per l’Ungheria

La Fifa sanziona la federazione ‘per il comportamento di buona parte dei tifosi’ nel match di qualificazione ai Mondiali contro l’Inghilterra

razzismo-multa-e-partita-a-porte-chiuse-per-l-ungheria
Keystone

La Fifa ha inflitto alla Federazione ungherese di calcio (Mlsz) una multa e l’obbligo di giocare una partita a porte chiuse. La decisione è stata adottata in seguito “al comportamento razzista di buona parte dei tifosi ungheresi” contro i giocatori inglesi, a inizio settembre a Budapest.

In occasione della vittoria della Nazionale dei Tre Leoni (4-0) sull’Ungheria nell’ambito delle qualificazioni al Mondiale 2022, alcuni media britannici avevano riportato che dagli spalti si erano levati cori razzisti, in particolare versi di scimmia, che prendevano di mira il centrocampista Jude Bellingham e l’attaccante Raheem Sterling.

La commissione disciplinare della Fifa, che il 3 settembre aveva aperto un’inchiesta, ha condannato la Federazione ungherese a una multa di duecentomila franchi svizzeri e a una partita senza pubblico. In caso di recidiva, gli ungheresi rischiano un secondo match a porte chiuse, con “la condizionale di due anni”.

La giustizia interna della Fifa – spiega in un comunicato – ha preso in considerazione di conto “la gravità degli incidenti constatati”; cui si aggiungono le “parole e i comportamenti razzisti”, il “lancio di oggetti”, l’utilizzo di materiale pirotecnico e il “blocco delle scale”.

Invitata anche dal governo inglese a prendere misure atte a reprimere questi comportamenti, la Fifa dice di condannare “ogni forma di razzismo e violenza, così come ogni altra forma di discriminazione e abuso”; e promette una “tolleranza zero, di fronte a comportamenti deplorevoli nel mondo del calcio”.

Già a luglio la Mlsz era stata sanzionata con tre incontri a porte chiuse (di cui uno sospeso), ma dalla Uefa; per “comportamento discriminatorio dei suoi tifosi” durante i tre match giocati dalla Nazionale a Euro 2020.

Durante l’Europeo, il 19 giugno dalla tribuna dove si trovavano gli ultrà ungheresi erano partiti cori razzisti contro i giocatori di colore della Francia. L’Uefa aveva indagato anche su bandierine e cartelloni omofobi esibiti sempre dai supporter ungheresi nelle altre due partite del primo turno, contro Portogallo e Germania.

Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Qatar 2022
7 ore
L’arte del pallone: il Brasile non dà scampo alla Corea
Primo tempo a passo di danza in un lunedì senza storia, con la selezione di Tite che liquida la pratica degli ottavi segnando quattro gol
HOCKEY
7 ore
L’ipocrisia dell’ibrido. Mottis: ‘Che formazione sia’
L’inverno rigido di una Swiss League che attende di conoscere il proprio destino dopo aver sopravvalutato se stessa. ‘Quei 400 mila franchi ora mancano’
Altri sport
8 ore
Riesaminate le provette dei Giochi 2012: 73 casi di doping
Immane lavoro dell’Ita su richiesta del Comitato olimpico internazionale: oltre 2700 campioni analizzati, trentun medaglie ritirate e 46 riassegnate
Qatar 2022
10 ore
Ai rigori vince la Croazia
I giapponesi non reggono la pressione e dal dischetto sbagliano 3 volte su 4
QATAR 2022
10 ore
Tutti i numeri di Kylian Mbappé
Il 24enne francese sta riscrivendo una parte dei libri di storia del calcio. È il primo giocatore ad aver totalizzato 9 reti mondiali ad appena 23 anni
QATAR 2022
11 ore
Santos non si sbilancia, mezz’ora di parole senza concetti
Il tecnico del Portogallo non fornisce indicazioni sullo status di Cristiano Ronaldo, che molti lusitani vorrebbero vedere in panchina
QATAR 2022
13 ore
Achraf Hakimi e un derby tra calcio e politica
Il laterale del Psg e del Marocco è nato a Getafe ed è cresciuto al Real Madrid: ‘Ma giocare per il Marocco non ha prezzo’
Nuoto
13 ore
Anche a Coira il Ticino c’è, e non teme confronti
Ai Campionati giovanili nazionali a squadre le formazioni della Svizzera italiana fanno incetta di podi, facendo addirittura ‘en-plein’ al maschile
Qatar 2022
13 ore
La Spagna non deve sottovalutare il Marocco
Fra le favorite per il successo finale, le Furie rosse agli ottavi trovano un avversario fastidioso
Qatar 2022
15 ore
Col Portogallo quinto assalto ai quarti di finale
Rossocrociati sempre sconfitti agli ottavi contro Spagna (1994), Ucraina (2006), Argentina (2014) e Svezia (2018): che questa sia la volta buona?
© Regiopress, All rights reserved