laRegione
Venezia
0
Fiorentina
0
1. tempo
(0-0)
Venezia
0
Fiorentina
0
1. tempo
(0-0)
la-prima-del-crus-porta-in-dote-un-punto
CALCIO
12.09.21 - 18:350
Aggiornamento : 19:04

La prima del ‘Crus’ porta in dote un punto

Buon Lugano per l'esordio di Croci-Torti in panchina. Abubakar risponde a Cabral per un 1-1 che può accontentare entrambe le squadre

Un punto a testa e tutti sono contenti. La prima partita di Croci-Torti sulla panchina del Lugano ha portato in dote un pareggio in rimonta contro il Basilea. Un risultato senza dubbio da sottoscrivere, anche per come è andato il confronto, con i bianconeri subito privi di un uomo importante e andati alla pausa sotto di un gol.

Già nei primi minuti, il Lugano ha perso quella che nelle prime settimane della stagione era stata l’arma offensiva più pericolosa. L’infortunio a Mattia Bottani dopo appena 10’ ha condizionato la manovra e l’inventiva di una squadra che si è di fatto trovata a giostrare con un solo attaccante di ruolo (Abubakar) e con Lovric a sostegno (al posto di Bottani, Croci-Torti ha inserito Guidotti in mezzo al campo). Ai bianconeri è così venuto a mancare quel tocco di imprevedibilità che le qualità del numero 10 nell’uno contro uno erano in grado di garantire. Non è probabilmente un caso che da quel momento in poi l’inerzia della partita sia mutata, passando in mani rossoblù. Anche se poi, va detto, il gol del vantaggio è stato un gollonzo confezionato da Osigwe (in campo per l’infortunato Baumann) il quale si è lasciato sfuggire un pallone non particolarmente impegnativo, in uscita bassa sui piedi di Cabral, pallone che il brasiliano ha poi depositato nella porta sguarnita.

Una volta in ritardo (29’), il Lugano ha provato a riprendere in mano le redini della sfida e in qualche maniera ci è pure riuscito, ma privo della fantasia di Bottani ha palesato grande imbarazzo nel riuscire a rendersi pericoloso dalle parti di Lindner. Manca – e questa non è certo una novità – un terminale offensivo in grado di fare da catalizzatore per tutti quei palloni che vagano nei pressi (o dentro) dell'area di rigore. Abubakar, gran lavoratore, non possiede (ancora) l’istinto del killer, anche se ieri ha concretizzato il 50% delle occasioni avute: al 45’ non è riuscito a battere nella porta sguarnita dopo aver superato anche Lindner, al 59’ ha finalizzato un contropiede da lui stesso innescato, insaccando di testa il punto del pareggio su centro di Sabbatini. Un po’ poco per una prima punta, ma va altresì detto che solo di rado i bianconeri sono riusciti a mettere Abubakar (o qualcuno inseritosi da dietro) nelle condizioni di battere a rete. Custodio e Sabbatini si sono dati un gran da fare per cercare di cucire il gioco tra i reparti, ma se il primo pallone passa giustamente dai loro piedi, non dovrebbero essere loro a incaricarsi di garantire fosforo al fuoco offensivo, per quanto il capitano sia stato all’origine di entrambe le occasioni di Abubakar.

La partita è cambiata, per una quindicina di minuti, dopo l’inserimento di Lungoyi (67’). Il ginevrino ha garantito al Lugano maggiore velocità, in un momento della partita nel quale si è potuto disimpegnare in contropiede, di fronte a un Basilea tornato a essere più offensivo. Non a caso le occasioni migliori sono capitate proprio nella seconda metà del confronto sull’asse Lovric - Lungoyi (con i consueti inserimenti dell'infaticabile Lavanchy). Una fiammata durata una quindicina di minuti, prima che i basilesi capissero come frenarlo e la verve dell'attaccante bianconero andasse velocemente spegnendosi. Così, nel finale il Basilea è tornato a farsi pericoloso e dapprima Ziegler si è dovuto immolare su una conclusione di Cabral, poi all'88’ Osigwe si è fatto trovare pronto sulla battuta dello stesso brasiliano.

Per come è nato, un punto contro il Basilea non lo si butta mai via. Anzi...

Lugano - Basilea (0-1) 1-1

Reti: 29’ Cabral 0-1. 59’ Abubakar 1-1

Lugano: Osigwe; Daprelà, Maric, Ziegler; Lavanchy, Custodio, Sabbatini, Lovric (78’ Celar), Facchinetti (78’ Yuri); Abubakar (67’ Lungoyi), Bottani (11’ Guidotti)

Basilea: Lindner; Lang (63’ Tavares), Frei, Pelmard, Petretta; Kasami (79’ Wouter), Xhaka; Ndoye (63’ Millar), Palacios, Stocker (63’ Males); Cabral

Arbitro: Fähndrich

Note: 3’050 spettatori. Lugano privo di Baumann (infortunato), Amoura e Mahmoud (in attesa di permesso di lavoro). Basilea senza Cömert, Djiga, Padula, Quiltilla, Zhegrova, Esposito, Lopez (infortunati). Ammoniti: 7’ Bottani. 41’ Maric. 57’ Custodio. 61’ Kasami. 86’ Daprelà

CALCIO: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Tennis
42 min
Di male in meglio: la stagione ‘folle’ di Rémy Bertola
Il ticinese di 23 anni racconta il suo anno a più facce: una prima parte ‘tutta storta’, la ripresa, la classifica più alta mai raggiunta, l’infortunio
Hockey
3 ore
‘Ora sì che mi sento nuovamente parte del gruppo’
Un gol e un assist nel weekend del ‘comeback’ in National League dopo un anno di stop. D’Agostini: ‘È stata lunga, ma il peggio è dietro di me’
Hockey
5 ore
È Lauri Korpikoski il quinto straniero del Bienne
Il 35enne attaccante finlandese, che nel 2019 aveva vinto il titolo con i Lions, giocherà con i Seeländer fino al termine della stagione
Corsa d’orientamento
8 ore
Nel Mendrisiotto conferme e sorprese
A Rovio Noemy Cerny batte la nazionale Elena Pezzati, che però si rifà nello sprint. Tobia Pezzati firma invece la doppietta in campo maschile
Bouldering
10 ore
Ha iniziato ad arrampicare per gioco, ora sogna le Olimpiadi
Incontro con Davide Torroni, quattordicenne di Gordola campione svizzero U14 e U16: ‘Prediligo corda e boulder, perché le vie sono sempre diverse’
Calcio
23 ore
In Olanda cede una tribuna: ‘Sono senza parole’
A Nijmegen crolla parte della struttura mentre i tifosi ospiti festeggiano il successo del Vitesse Arnhem sul Nec. Il sindaco: ‘Subito un’indagine’
CICLISMO
23 ore
In Italia esce il film su Pantani. ‘La gente capirà chi era’
Parla Tonina, la madre del ciclista trovato morto 17 anni fa in un residence di Rimini. ‘Rabbia? Le promesse non mantenute. Promesse, solo promesse’
VOLLEY
1 gior
Il Lugano ci prova, ma a far festa è lo Cheseaux
Se prive della forte attaccante argentina Camila Hiruela, le ragazze di Salomoni sfiorano il successo dopo un’entrata in materia difficoltosa
MOTOCICLISMO
1 gior
Supersport, il nuovo campione è Dominique Aegerter
Con due gare d’anticipo, in Argentina il bernese mette le mani sul titolo. È il secondo pilota elvetico a riuscirci, dopo Randy Krummenacher nel 2019
Calcio
1 gior
Al Letzigrund il Lugano non ha tenuto Botta
Contro lo Zurigo ai bianconeri privi del loro numero 10 sono mancate le idee e forse anche un po’ di coraggio. A Croci-Torti di trovare soluzioni...
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile