laRegione
CALCIO
05.09.21 - 13:24
Aggiornamento: 14:09

Primo passo falso per il Chiasso

Al Riva IV, rossoblù battuti a sorpresa dal Bienne. Raineri: ‘Né fenomeni prima, né brocchi ora. Adesso pensiamo al Basilea II’

di Emiliano Rossi
primo-passo-falso-per-il-chiasso
La rete dello 0-1

Una sconfitta per 3-0 in casa: un brusco risveglio per il Chiasso? Sicuramente, una serata storta, cominciata male già nel riscaldamento quando un risentimento al polpaccio ha fermato Pavlovic. «Siamo consapevoli che serve la condizione fisica ottimale. Invece in settimana abbiamo avuto giocatori che abbiamo dovuto gestire a causa di infortuni: non è la situazione ideale, e nel pre gara si è fatto male anche Daniel», analizza il tecnico Raineri, comunque sereno dopo la prima sconfitta.

I rossoblù perdono la testa della classifica a causa della vittoria del Breitenrain. «Ma se vincevamo eravamo fenomeni e ora siamo brocchi? No, dobbiamo essere consapevoli che bisogna continuare a lavorare serenamente. Sappiamo di aver fatto una brutta partita. Cosa salvo? La classifica, che ci regala un piccolo sorriso: continua a essere, direi, simpatica», commenta il mister, che dà merito al Bienne di essere stato più bravo.

Sin da subito gli ospiti sono stati più presenti e già dopo 11’ sono passati in vantaggio con la rete di Mourelle. Il Chiasso non ha saputo reagire in modo deciso, lasciando il pallino del gioco in mano agli avversari. Solo Correia si è reso pericoloso, troppo poco per pensare di impensierire severamente il Bienne. Nella ripresa, i ragazzi di Raineri sono tornati in campo con un altro piglio, con Nivokazi che ha avuto un’ottima occasione per il pari, non sfruttata. Poteva delinearsi un secondo tempo di pressing (anche se il Bienne ha fatto tremare Mitrovic), però l’espulsione di Alshick al 55’ ha tagliato le gambe al Chiasso. «Giocare contro una squadra che è in vantaggio, ha entusiasmo e vuole fare risultato non è semplice. All’inizio del secondo tempo stavamo facendo bene, poi quando ci è venuto a mancare un uomo è diventato ancora più difficile, serviva uno sforzo maggiore», concorda Raineri.

E il Bienne ha trovato modo di dilagare, con Garcia, a segno dopo una travolgente azione personale, e ancora con Bayer. Il Chiasso così per la prima volta perde in questa stagione, che era cominciata con un filotto di vittorie sia in campionato, sia in Coppa. Dopo un po’ di fortuna (e cinismo) nelle primissime sfide, le prestazioni erano andate in crescendo. Ora, la serata storta. Per archiviarla, squadra già in campo questa mattina (domenica) e testa al Basilea II: «Sarà un’altra battaglia, dobbiamo cercare di portare a casa il bottino pieno», carica Raineri. Vincere, si sa, è una bella abitudine.

Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Qatar 2022
1 ora
Elvedi e Sommer non si sono allenati
Entrambi raffreddati alla vigilia di Svizzera - Serbia, hanno saltato la seduta di giovedì
I mondiali dal divano
8 ore
I segreti dei suoi occhi
Le Coppe del mondo passano, i ricordi restano. Poi diventano tesori nelle nostre memorie
QATAR
15 ore
In campo c’è solo l’Argentina, avanti con Mac Allister e Alvarez
Szczesny il migliore di una Polonia che passa per il rotto della cuffia. Al Messico non basta il 2-1 sull’Arabia Saudita
FREESTYLE
18 ore
Marco Tadé infortunato in Finlandia durante un allenamento
Il 26enne ticinese, già rimpatriato e ospedalizzato a Lugano, ha subito la rottura di quattro costole, di una clavicola e la perforazione di un polmone
QATAR 2022
19 ore
L’Australia raggiunge la Francia negli ottavi di finale
I ‘socceroos’ superano una deludentissima Danimarca con un gol di Leckie. Nell’altra partita, vittoria inutile della Tunisia
Calcio
20 ore
Pelé di nuovo ricoverato
O’Rey, che è malato di cancro, sarebbe in condizioni critiche
CICLISMO
21 ore
Morto Davide Rebellin, investito in bicicletta da un camion
Il dramma nel comune di Montebello Vicentino. Il 51enne italiano aveva chiuso la carriera nel 2022, dopo aver vinto Freccia (3 volte), Liegi e Amstel
Qatar 2022
21 ore
In silenzio Xhaka e Shaqiri
L’Asf, per evitare qualsiasi polemica coi serbi, impedisce di parlare ai due protagonisti della sfida di quattro anni fa
SCI ALPINO
22 ore
La lotta di Eliasch sui diritti tv potrebbe sfociare in crisi
Il nuovo presidente Fis intende centralizzarli, ma deve lottare contro l’opposizione di federazioni potenti come quelle svizzera, austriaca e tedesca
Calcio
23 ore
Il futuro della Juve fra rischi, Agnelli ed ex bandiere
Dopo le dimissioni del presidente e dell’intero CdA, per il club bianconero si apre un’era fitta di interrogativi
© Regiopress, All rights reserved