laRegione
Venezia
1
Fiorentina
0
2. tempo
(1-0)
Venezia
1
Fiorentina
0
2. tempo
(1-0)
l-amarezza-di-abel-braga-mi-sembra-impossibile
La permanenza a Cornaredo è durata poco
CALCIO
01.09.21 - 18:210
Aggiornamento : 19:12

L'amarezza di Abel Braga: ‘Mi sembra impossibile’

Poche parole da parte del tecnico brasiliano per esternare l'amarezza: ‘Quando me l'hanno comunicato sono caduto dalle nuvole’

Il Lugano ieri mattina si è allenato sotto la guida di Mattia Croci-Torti, l’assistente di lunghissimo corso al quale la società ha affidato temporaneamente la squadra in quanto sa che su di lui può sempre fare affidamento. È molto legato allo zoccolo duro del gruppo e ai suoi senatori più rappresentativi. Tutto sommato serena l’atmosfera a Cornaredo, al netto della delusione per la mancata conferma di Covilo, l’àncora per ogni occasione, utile al gruppo anche se quasi sempre a partita in corso. È come se la decisione fosse nell’aria (Un presagio? Il benservito a Hugo Moura, calciatore validissimo, voluto a Lugano dallo stesso Braga). Come se non fosse una sorpresa - perché non lo è - che la nuova proprietà decidesse di togliere a Braga un incarico affidatogli da altri, a prescindere da come lo stava svolgendo.

L’arrivo in città da Chicago di Sebastian Pelzer, incaricato di individuare il successore, ha dato la spallata definitiva al tecnico brasiliano, portando alla luce la precarietà di un progetto tecnico dal quale la nuova proprietà ha preso le distanze. In fondo, nessuno si meraviglia più di tanto, nell'ambiente bianconero. Semmai qualcuno potrà iniziare a chiedersi “che cosa ne sarà di me?”.

Il tecnico carioca: ‘Fatico a crederci, non era il momento giusto’

A quanto pare, a non porsi la domanda era stato proprio lo stesso Braga, anche se a metà della scorsa settimana circolavano voci in merito a un possibile colpo di scena da parte del tecnico carioca nella conferenza stampa pre Sion (voci che, a rileggerle con il senno di poi, assumono una valenza assai più precisa). A sentire il diretto interessato, il suo allontanamento è stato il classico fulmine a ciel sereno: «Assolutamente. Quando ne sono stato informato, in mattinata direttamente a Cornaredo, sono caduto dalle nuvole, mi sembrava impossibile, continuo a faticare a crederci. Anche perché sin qui i risultati sono stati positivi, con un gioco perfezionabile, ma che si stava sviluppando nella giusta direzione».

Sembrava che tra il tecnico sudamericano e il popolo bianconero (e la città tutta) fosse nato immediatamente un feeling molto forte, tant’è che i commenti apparsi sui social subito dopo la comunicazione dell’esonero, erano tutti molto critici nei confronti della nuova proprietà e solidali nei confronti di Braga… «Mi ero espresso più volte durante le conferenze stampa: Lugano era un bel posto nel quale lavorare, per la città, ma soprattutto perché l’ambiente in squadra era molto positivo. Purtroppo, sono situazioni che nel calcio possono succedere, a maggior ragione quando arriva una nuova dirigenza, con la quale si può comunque collaborare in maniera proficua pur senza essere in sintonia su ogni singola scelta “strategica”. Peccato, a mio modo di vedere – e facendo salvo il diritto della dirigenza di muoversi nella direzione che più l’aggrada – questo non era il momento giusto per cambiare».

Una cosa è certa: Abel Braga il suo 69º compleanno non lo scorderà facilmente.

CALCIO: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
CALCIO
22 min
Primo gol in Turchia per Mario Gavranovic
Il ticinese protagonista di una bella prova (ha fornito anche due assist), nonostante la sconfitta 6-3 del suo Kayserispor ad Alanyaspor
Tennis
1 ora
Di male in meglio: la stagione ‘folle’ di Rémy Bertola
Il ticinese di 23 anni racconta il suo anno a più facce: una prima parte ‘tutta storta’, la ripresa, la classifica più alta mai raggiunta, l’infortunio
Hockey
4 ore
‘Ora sì che mi sento nuovamente parte del gruppo’
Un gol e un assist nel weekend del ‘comeback’ in National League dopo un anno di stop. D’Agostini: ‘È stata lunga, ma il peggio è dietro di me’
Hockey
5 ore
È Lauri Korpikoski il quinto straniero del Bienne
Il 35enne attaccante finlandese, che nel 2019 aveva vinto il titolo con i Lions, giocherà con i Seeländer fino al termine della stagione
Corsa d’orientamento
8 ore
Nel Mendrisiotto conferme e sorprese
A Rovio Noemy Cerny batte la nazionale Elena Pezzati, che però si rifà nello sprint. Tobia Pezzati firma invece la doppietta in campo maschile
Bouldering
11 ore
Ha iniziato ad arrampicare per gioco, ora sogna le Olimpiadi
Incontro con Davide Torroni, quattordicenne di Gordola campione svizzero U14 e U16: ‘Prediligo corda e boulder, perché le vie sono sempre diverse’
Calcio
23 ore
In Olanda cede una tribuna: ‘Sono senza parole’
A Nijmegen crolla parte della struttura mentre i tifosi ospiti festeggiano il successo del Vitesse Arnhem sul Nec. Il sindaco: ‘Subito un’indagine’
CICLISMO
1 gior
In Italia esce il film su Pantani. ‘La gente capirà chi era’
Parla Tonina, la madre del ciclista trovato morto 17 anni fa in un residence di Rimini. ‘Rabbia? Le promesse non mantenute. Promesse, solo promesse’
VOLLEY
1 gior
Il Lugano ci prova, ma a far festa è lo Cheseaux
Se prive della forte attaccante argentina Camila Hiruela, le ragazze di Salomoni sfiorano il successo dopo un’entrata in materia difficoltosa
MOTOCICLISMO
1 gior
Supersport, il nuovo campione è Dominique Aegerter
Con due gare d’anticipo, in Argentina il bernese mette le mani sul titolo. È il secondo pilota elvetico a riuscirci, dopo Randy Krummenacher nel 2019
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile