laRegione
Salernitana
0
Atalanta
0
1. tempo
(0-0)
Ajoie
3
Ambrì
0
2. tempo
(3-0 : 0-0)
Bienne
2
Davos
0
2. tempo
(0-0 : 2-0)
Zugo
1
Friborgo
1
2. tempo
(1-1 : 0-0)
Langnau
1
Zurigo
4
2. tempo
(0-1 : 1-3)
Lakers
4
Losanna
0
2. tempo
(2-0 : 2-0)
Ginevra
2
Lugano
3
2. tempo
(1-1 : 1-2)
Salernitana
0
Atalanta
0
1. tempo
(0-0)
Ajoie
3
Ambrì
0
2. tempo
(3-0 : 0-0)
Bienne
2
Davos
0
2. tempo
(0-0 : 2-0)
Zugo
1
Friborgo
1
2. tempo
(1-1 : 0-0)
Langnau
1
Zurigo
4
2. tempo
(0-1 : 1-3)
Lakers
4
Losanna
0
2. tempo
(2-0 : 2-0)
Ginevra
2
Lugano
3
2. tempo
(1-1 : 1-2)
vedo-bene-braga-e-la-squadra-ma-iniziamo-a-salvarci
Calcio
 
23.07.21 - 18:310
Aggiornamento : 19:28

‘Vedo bene Braga e la squadra, ma iniziamo a salvarci’

Ancora scosso dalle vicissitudini societarie, domenica il Lugano di Angelo Renzetti ospita lo Zurigo nel primo match della nuova stagione di Super League

La cessione della società sfumata solo qualche settimana fa non è ancora stata del tutto digerita (e forse mai lo sarà), ma per Angelo Renzetti è ora di tornare a guardare (anche) al campo, dove domenica contro lo Zurigo a Cornaredo (ore 14.15) il Lugano targato Abel Braga esordirà nella nuova stagione di Super League, la dodicesima da presidente per l'imprenditore locarnese.

«La squadra mi sembra abbastanza serena, grazie anche al grande lavoro dello staff e in particolare dell’allenatore, che con la sua grande esperienza e il suo carisma sta trasmettendo ai ragazzi il giusto equilibrio tra calma e carica per iniziare al meglio la stagione – ci spiega il numero uno bianconero –. Si vede che i giocatori lo ascoltano e lo seguono, tutti si sentono valorizzati e mi sembra che durante la preparazione si sia lavorato bene, anche se poi come sempre sarà il campo a confermarlo o a smentirlo. Purtroppo a causa delle turbolenze a livello societario abbiamo iniziato un po’ tardi a lavorare, la squadra non è ancora al completo per affrontare un campionato oltretutto più difficile rispetto agli anni passati, ma spero che un aiuto in questo senso arriverà dal mercato e dal campo stesso, perché si sa che se ci sono i risultati, tutto diventa più facile».

Di aiuto potrebbe anche essere il fatto di aver (per ora) cambiato davvero poco della rosa che ha chiuso quarta a un punto dal terzo posto sinonimo di Europa l’ultima Super League, con la sola partenza dell'esterno sinistro Guerrero (proprio allo Zurigo) non ancora rimpiazzata degnamente (in quella posizione dovrebbe inizialmente giostrare Facchinetti), mentre davanti con l’avvicendamento tra il partente Gerndt (Thun) e il neoacquisto Demba Ba (senza dimenticare il giovanissimo Muci) il saldo pare positivo… «È vero, cambiare poco tra una stagione e l’altra solitamente è un vantaggio, specie quando si è chiuso bene, ma con Braga approcceremo le partite con un altro gioco, molto più improntato sul palleggio e sul pressing alto, per cui il rendimento della squadra è ancora tutto da verificare. Dall’amichevole contro l’Inter sono arrivati segnali positivi (2-2 e sconfitta ai rigori, ndr), ma il campionato è un’altra cosa. L’idea di calcio di Braga mi piace, non può non piacere a chi ama questo sport, ma tra il piacere e l’efficacia può esserci una bella differenza. In ogni caso le questioni tecniche le lascio a lui, io non ci metto il becco, non è il mio ruolo».

Ma qual’è il rapporto tra il presidente e un allenatore che, perlomeno inizialmente, non aveva scelto quest’ultimo bensì l’ipotetica nuova proprietà prima che si rivelasse un buco nell’acqua? «Tra noi c’è già un bel rapporto, sincero, parliamo un po’ di tutto ma come detto non troppo del campo. Abbiamo cenato assieme giovedì sera, mi ha spiegato le sue impressioni dopo queste prime settimane, chi ha fatto progressi e chi meno, cosa ha ancora bisogno la squadra a livello di mercato, eccetera. In sostanza però mi ha detto che è molto contento, sia dal punto di vista sportivo sia del suo inserimento in Ticino, si trova molto bene a Lugano».

A livello di obiettivi stagionali, il “Près” preferisce fissare l’asticella non troppo in alto, in modo da non caricare la squadra di ulteriore pressione… «Trovo che in questi anni il gruppo abbia raggiunto un buon equilibrio e come detto anche con il nuovo allenatore c’è già una bella intesa, per cui non c’è bisogno che dica niente di particolare. Anzi, vorrei lasciarli il più tranquilli possibile, in modo che possano concentrarsi unicamente sul campo e dare il massimo in un campionato che come detto sarà molto difficile. L’obiettivo iniziale non può che essere quello della salvezza, poi strada facendo vediamo».

‘A livello societario la soluzione potrebbe essere vicina. Il referendum? Non mi fa paura’

Obiettivo salvezza intesa come sopravvivenza invece quello societario… «Io non vado in campo a lottare ma lo faccio fuori. Devo tenere sotto controllo una situazione per nulla rosea in questo periodo post-covid e che oltretutto si è ulteriormente aggravata con quanto successo a livello societario e il mancato cambio di proprietà. La situazione è ancora agitata e se già prima cercavo qualcuno che potesse darmi una mano a tenere in piedi la baracca finanziariamente, ora questo bisogno è diventato se possibile ancora più urgente. Evidentemente più il tempo passa e più la situazione si complica, ma noi stiamo sempre lavorando e senza scendere nei dettagli, una soluzione potrebbe non essere poi così lontana. Ci sono sempre state più possibilità in pentola, vediamo quale finirà per bollire. Dopo quello che è successo non voglio sbilanciarmi di più e creare aspettative, però nonostante tutto rimango positivo».

Anche con all’orizzonte (il 28 novembre) un referendum sul polo sportivo e quindi sul nuovo stadio fondamentale per continuare a giocare nella massima serie elvetica... «Onestamente in questo momento il mio pensiero principale non è quello e a dire il vero non è un tema che mi ha mai allarmato più di tanto, perché credo nel buon senso delle persone e ritengo che chi ama lo sport, ma non solo, sia in grado di capire che si tratta di un progetto fondamentale non solo per la Città di Lugano ma per tutta la regione. E anche se dovesse andare male, troveremmo il modo di avere uno stadio omologato per la Super League, il Ticino non può farne a meno».

CALCIO: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Calcio
1 ora
Terza vittoria consecutiva per l’Acb
Una rete di Rossini nella prima frazione permette ai granata di superare 1-0 lo Zurigo II
Altri sport
9 ore
Flückiger conquista la generale di Coppa del Mondo
Il bernese si è assicurato il trofeo piazzandosi al quinto posto nella short race di Snowshoe
CALCIO
22 ore
Il Lugano ringrazia il gol di Lungoyi all’ultimo minuto
Nei sedicesimi di Coppa Svizzera i bianconeri superano il Neuchâtel Xamax al termine di una prestazione tutt’altro che esaltante
Hockey
22 ore
Niente poker per l’Ambrì Piotta, battuto dallo Zugo
Prima sconfitta stagionale per i biancoblù, che passano per primi (con McMillan), ma si fanno rimontare e superare dai campioni in carica
Hockey
22 ore
A Lugano è un secondo venerdì senza punti
Un Bienne sempre imbattuto in campionato espugna la Cornèr Arena, soprattutto grazie ai tre gol (e un assist) firmati da uno spietato Damien Brunner
Tennis
1 gior
Belinda Bencic non si conferma: fuori al torneo del Lussemburgo
La sangallese, numero uno del tabellone e Wta 12, dominata ed eliminata dalla 22enne russa Liudmila Samsonova (Wta 48)
CICLISMO
1 gior
Hirschi perde la maglia nonostante una buona cronometro
Al Giro del Lussemburgo il bernese chiude al sesto posto di giornata e cede la leadership al portoghese Almeida che adesso vanta 43” di vantaggio
Hockey
1 gior
Brian Zanetti impressiona al camp di Philadelphia
Ian Laperriere, responsabile degli allenamenti dei Flyers, spende parole di elogio per il diciottenne difensore cresciuto nel vivaio del Lugano
Tennis
1 gior
Uno-due della Svizzera in Coppa Davis, avanti sull’Estonia
Dominic Stricker prima e Henri Laaksonen poi danno alla squadra rossocrociata i primi punti nello spareggio del secondo gruppo mondiale
CICLISMO
1 gior
Le crono aprono i Mondiali e la Svizzera sogna
Nelle Fiandre, Stefan Küng e Stefan Bissegger tra gli uomini, Marlen Reusser tra le donne puntano a un posto sul podio. Occhio a Ganna, Van Aert ed Evenepoel
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile