laRegione
27.05.21 - 00:05
Aggiornamento: 14:29

Rigori amari per il Team Ticino, che s'arrende in finale

A Bienne, la U18 di Andrea Lanza dopo novanta minuti a reti inviolate, s'inchina al Servette nell'ultimo atto di Coppa Svizzera

rigori-amari-per-il-team-ticino-che-s-arrende-in-finale
A testa comunque alta

Si spegne dal dischetto degli undici metri il sogno di gloria del Team Ticino 18. All'undici rossoblù diretto da Andrea Lanza, dopo la splendida marcia fino all'ultimo atto della Coppa Svizzera, culminato con il successo a spese dello Young Boys in semifinale, è infatti mancato il guizzo decisivo per mettere le mani sul trofeo. Ed è un peccato, perché alla Tissot Arena di Bienne, sull'arco dei novanta minuti della partita con il Servette, le occasioni per perforare il portiere romando non sono mancate ai ticinesi. Occasioni che, a onor del vero, sono capitate anche sui piedi dei giocatori del Servette, in una partita che non ha avuto un vero padrone.

Per decretare il vincitore si è così dovuti andare ai rigori, addirittura a oltranza, dove a fare la differenza è stato il maggior sangue freddo dei ginevrini, oltre che all'errore dal dischetto di un ticinese, a cui ha fatto seguito il 'centro' di capitan Roggerio Nyakossi per il Servette.

La Coppa Svizzera resta così stregata per il Team Ticino, che anche al terzo tentativo non riesce a portarla a casa (nel 2007 e nel 2009 a negare loro questa gioia era stato il Basilea).

«Abbiamo perso ma a testa alta – commenta a fine partita il direttore del progetto Team Ticino Massimo Immersi –. Peccato per le occasioni non sfruttate, in particolare nel secondo tempo. È stata una signora partita, e l'ho detto ai ragazzi, che possono andare fieri di quanto hanno fatto. L'ho detto loro a fine match. È comunque stata una bellissima esperienza per i ragazzi, un ricordo che serberanno per sempre».

Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
HOCKEY
1 ora
Uno sterile Lugano cade a Bienne
Alla Tissot Arena i bianconeri dominano il primo tempo ma non pungono. Alla distanza escono i bernesi, capaci di sfruttare le occasioni e poi amministrare
SCI ALPINO
1 ora
A Lake Louise Sofia Goggia concede il bis
Dopo la vittoria di venerdì, l’italiana si è ripetuta. Terzo posto per Corinne Suter a 37 centesimi dalla vincitrice. Tredicesima Lara Gut-Behrami
QATAR 2022
2 ore
L’Argentina scherza con il fuoco, ma alla fine sorride
Messi e compagni fanno poco per superare l’Australia e all’ultimo secondo Kuol potrebbe mandare tutti ai supplementari
hockey
2 ore
Con gli uomini contati, ma con il cuore l’Ambrì vince
I leventinesi interrompono contro il Rapperswil la striscia negativa, cambiando marcia dopo un primo tempo disastroso
SCI ALPINO
5 ore
Solo sei centesimi separano Kilde da Odermatt
Sulla Bird of Prey di Beaver Creek la vittoria è andata al norvegese. Terzo posto per il canadese Crawford. Noni Feuz e Hintermann
QATAR 2022
6 ore
Olanda troppo quadrata, gli Stati Uniti si arrendono
Finisce 3-1 per gli Oranje il primo ottavo di finale dei Mondiali. Decisivo Dumfries con due assist e un gol
Bob
14 ore
Stavolta per Michael Vogt il podio c’è per davvero
Quarto una settimana prima a Whistler, a Park City lo svittese chiude al terzo rango la prova di Coppa del mondo di bob a due
i mondiali dal divano
18 ore
Questione di prospettiva
Il gol del Giappone, la festa dei tunisini eliminati, ma vittoriosi sulla Francia: la felicità, nel calcio e non, dipende da come guardiamo le cose
Qatar 2022
1 gior
Storico ma inutile successo del Camerun sul Brasile
Gli africani, nel finale di partita, trovano con Aboubakar il gol per battere la formazione delle riserve verdeoro
QATAR 2022
1 gior
Shaqiri, Embolo, Freuler, la Svizzera è agli ottavi
Superata la Serbia al termine di una partita ricca di emozioni. Rossocrociati superiori all’avversario, prestazione eccellente
© Regiopress, All rights reserved