laRegione
25.04.21 - 10:30
Aggiornamento: 11:27

Il weekend no-social del calcio inglese contro il razzismo

Black-out dei club inglesi da venerdì 30 aprile a lunedi 3 maggio. Chiedono ai colossi un intervento contro gli insulti per 'motivi di semplice decenza umana'

il-weekend-no-social-del-calcio-inglese-contro-il-razzismo
No-social

Black-out totale dei club inglesi sui social per tre giorni nel prossimo fine settimana: è una protesta contro gli insulti razzisti rivolti ai loro giocatori su queste piattaforme. Lo hanno annunciato le Leghe. Il boicottaggio, che interesserà i club della Federcalcio inglese, Premier League, Second Division e della Women's Super League, inizierà venerdì 30 aprile alle 14 ora locale e si concluderà lunedì 3 maggio alle 22:59.

“Quest'azione è stata programmata per tutta la lista delle partite di calcio professionistico maschile e femminile” e vedrà tutti gli organi rappresentativi del calcio inglese “chiudere i loro account Facebook, Twitter e Instagram”. Arriva “in risposta ai continui e continui abusi discriminatori ricevuti online dai giocatori e da molte altre persone legate al calcio", hanno detto i funzionari del calcio inglese in una dichiarazione congiunta. “Il comportamento razzista è inaccettabile e lo spaventoso abuso nei confronti giocatori sui social media non può continuare”, ha detto il ceo della Premier League, Richard Masters. “C'è un urgente bisogno che queste aziende facciano di più per sradicare l'odio razziale online”, ha aggiunto. Questa decisione fa seguito a quella già attuata dal club scozzese dei Rangers dai club della Football League inglese di Birmingham e Swansea, i cui giocatori Yan Dhanda, Ben Cabango e Jamal Lowe sono stati recentemente oggetto d'insulti razzisti.

Dall'inizio dell'anno, diversi giocatori di colore che indossano maglie del Manchester United, come Anthony Martial e Marcus Rashford, così come Reece James del Chelsea, sono stati presi di mira anche sui social media. L'11 febbraio, in una lettera aperta al leader di Twitter, Jack Dorsey, e al leader di Facebook, Mark Zuckerberg, i funzionari del calcio inglese hanno chiesto un'azione “per motivi di semplice decenza umana”. Twitter ha risposto che non intendeva censurare i commenti da account anonimi.

Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Qatar 2022
1 ora
Elvedi e Sommer non si sono allenati
Entrambi raffreddati alla vigilia di Svizzera - Serbia, hanno saltato la seduta di giovedì
I mondiali dal divano
8 ore
I segreti dei suoi occhi
Le Coppe del mondo passano, i ricordi restano. Poi diventano tesori nelle nostre memorie
QATAR
15 ore
In campo c’è solo l’Argentina, avanti con Mac Allister e Alvarez
Szczesny il migliore di una Polonia che passa per il rotto della cuffia. Al Messico non basta il 2-1 sull’Arabia Saudita
FREESTYLE
18 ore
Marco Tadé infortunato in Finlandia durante un allenamento
Il 26enne ticinese, già rimpatriato e ospedalizzato a Lugano, ha subito la rottura di quattro costole, di una clavicola e la perforazione di un polmone
QATAR 2022
19 ore
L’Australia raggiunge la Francia negli ottavi di finale
I ‘socceroos’ superano una deludentissima Danimarca con un gol di Leckie. Nell’altra partita, vittoria inutile della Tunisia
Calcio
20 ore
Pelé di nuovo ricoverato
O’Rey, che è malato di cancro, sarebbe in condizioni critiche
CICLISMO
20 ore
Morto Davide Rebellin, investito in bicicletta da un camion
Il dramma nel comune di Montebello Vicentino. Il 51enne italiano aveva chiuso la carriera nel 2022, dopo aver vinto Freccia (3 volte), Liegi e Amstel
Qatar 2022
21 ore
In silenzio Xhaka e Shaqiri
L’Asf, per evitare qualsiasi polemica coi serbi, impedisce di parlare ai due protagonisti della sfida di quattro anni fa
SCI ALPINO
22 ore
La lotta di Eliasch sui diritti tv potrebbe sfociare in crisi
Il nuovo presidente Fis intende centralizzarli, ma deve lottare contro l’opposizione di federazioni potenti come quelle svizzera, austriaca e tedesca
Calcio
23 ore
Il futuro della Juve fra rischi, Agnelli ed ex bandiere
Dopo le dimissioni del presidente e dell’intero CdA, per il club bianconero si apre un’era fitta di interrogativi
© Regiopress, All rights reserved