laRegione
20.04.21 - 16:32

Il dissidente Perez: ‘Troviamo un accordo o moriremo tutti’

Il presidente del Real Madrid e della neonata Superlega che sta scuotendo il mondo del calcio ha spiegato la sua visione e risposto alle critiche

il-dissidente-perez-troviamo-un-accordo-o-moriremo-tutti

Continua il botta e risposta tra fazioni opposte nel terremoto Superlega che sta scuotendo il mondo del calcio. Nella sua doppia veste di presidente del Real Madrid e numero uno della neo nata competizione, Florentino Perez si è preso la scena per due ore su El Chiringuito tv per mettere in piedi la sua difesa dopo l'ondata mondiale di critiche che si è abbattuta sull’idea “secessionista” partorita da 12 tra i più prestigiosi club calcistici europei.

«Non lo faccio per salvare il Real, ma per salvare il calcio – ha puntualizzato Perez -. Questo sport è in un momento critico, dobbiamo cambiare qualcosa per renderlo più attrattivo. I club più importanti complessivamente hanno perso 5 miliardi, solo il Real ha perso 400 milioni. Hanno detto che la nostra è una Lega chiusa ma non è così: 15 squadre generano valore per le tv, altre 5 arrivano per il merito. Con la Champions attuale l'Uefa incassa 130 milioni, noi ne incasseremo 400. E poi se noi abbiamo più soldi possiamo comprare i giocatori degli altri, così i club che vendono potranno fare cassa».

Poi l’attacco al presidente dell’Uefa in difesa al collega della Juventus Andrea Agnelli: «Ceferin ha usato termini inaccettabili per rivolgersi al presidente di un club storico come la Juve, un presidente Uefa non può comportarsi così». Quanto alle minacce di immediata esclusione dalla Champions dei club che partecipano alla nuova Superlega, Perez è sicuro: «I calciatori stiano tranquilli, il divieto di giocare con le Nazionali non ci sarà. Né il Real, né il City verranno esclusi dalla Champions o dal campionato, non ci sono le basi legali per farlo». Infine il dirigente iberico ha assicurato che «vogliamo partire il prima possibile, ma non ci sarà nessuno strappo. Se si può, si parte, altrimenti aspettiamo un anno. E magari non troveremo un accordo e non si farà. Ma io spero di si, perché altrimenti moriremo tutti».

Ceferin: ‘Il sogno deve restare vivo per tutti’. Infantino ai club: ‘O dentro o fuori’

Dal canto suo Ceferin parlando al congresso Uefa in corso a Montreux ha fatto notare come «i club che pensano di essere grandi e intoccabili oggi dovrebbero ricordare da dove vengono. Abbiamo bisogno di squadre come l'Atalanta, la Dinamo Zagabria. Se il calcio europeo è al massimo livello mondiale sia per quanto riguarda i club che le nazionali, lo deve in gran parte alla sua diversità. Bisogna che il sogno resti vivo per tutti».

Sempre a Montreux è intervenuto anche il presidente della Fifa Gianni Infantino, che dopo aver ribadito come la sua organizzazione non può che «fortemente condannare la creazione di una Superlega, che è un qualcosa di chiuso, una fuga dalle attuali istituzioni calcistiche», ha messo in guardia i club dissidenti affermando: «O state dentro, o state fuori. Non potete essere dentro a metà e fuori per l'altra metà».

Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
CALCIO
1 ora
Quel gol divorato al Maracanà, pesante come un macigno
Higuain sarà per sempre ricordato soprattutto per l’errore nella finale mondiale del 2014 fra Argentina e Germania
Tennis
2 ore
Astana, Hüsler fuori al primo turno
Lo zurighese nettamente battuto da numero 53 Ruusuvuori
Calcio
7 ore
’Il sindacato calciatori ci ha messo in difficoltà’
Il capitano del Chiasso esclude il boicottaggio delle partite
Hockey
11 ore
Champions, 4 svizzere agli ottavi di finale
Il Davos vincitore contro l’Ocelari e lo Zurigo - pur sconfitto in Svezia- raggiungono agli ottavi di finale Zugo e Friborgo
Calcio
12 ore
Champions, vincono Napoli e Inter
Ad Amsterdam dilagano i partenopei, l’Inter soffrendo batte il Barça
Calcio
18 ore
Possibile ritorno di Messi al Barça
Il fuoriclasse argentino potrebbe riabbracciare la Catalogna la prossima estate
COSE DELL’ALTRO MONDO
20 ore
Aaron Rodgers si accomoda nell’elitario club dei 500
Il quarterback di Green Bay ha infranto il muro del mezzo migliaio di touchdown lanciati. Meglio di lui solo Brady, Brees, Manning e Favre
Calcio
23 ore
L’Italia chiede al Brasile l’estradizione di Robinho
L’ex attaccante del Milan violentò una 23enne a Milano nel 2013. È condannato a nove anni di reclusione per violenza sessuale di gruppo
CORSA D’ORIENTAMENTO
1 gior
La finale di Coppa del mondo sorride agli svizzeri
A Davos e Klosters, ottime prove degli elvetici che hanno tenuto testa a svedesi e norvegesi. Elena Roos terza nella prova long
TIRI LIBERI
1 gior
Lugano in costruzione, Sam già rodata
Cosa ha lasciato il primo turno di campionato al di là della sconfitta del favorito Friborgo. Tigers al lavoro, la Spinelli attende esami più tosti
© Regiopress, All rights reserved