laRegione
in-coppa-svizzera-il-lugano-non-inciampa-sul-monthey
CALCIO
07.04.21 - 20:420

In Coppa Svizzera il Lugano non inciampa sul Monthey

I ticinesi, pur se in formazione rimaneggiata, approcciano bene la sfida in Vallese e trovano tre reti con Christopher Lungoyi. Nei quarti ci sarà il Lucerna

Come logica voleva, il Lugano è approdato ai quarti di finale di Coppa Svizzera, dove martedì 13 aprile affronterà il Lucerna. Non era il Monthey, formazione di Seconda Lega interregionale, a poter rappresentare un ostacolo per una compagine bianconera che ha dimostrato nelle ultime settimane del campionato di Super League di viaggiare con il vento in poppa. E la squadra vallesana non si è dimostrata in grado di fermare la marcia degli uomini di Maurizio Jacobacci, nonostante una prestazione di buon livello, nel corso della quale ha saputo tenere in scacco l’avversario per oltre mezz’ora.

Il tecnico del Lugano ha deciso di rimaneggiare la formazione, lasciando a casa alcuni titolari (Maric, Guerrero, Baumann, Lovric, Lavanchy) e relegandone in panchina altri (Sabbatini e Bottani). Spazio, di conseguenza, a elementi che finora avevano trovato poco spazio (su tutti Opara e Monzialo) e nel finale pure ad alcuni giovani, come Nikolas Muci e Simone Mazzoletti.

Nonostante l’undici di partenza ampiamente rimaneggiato, il Lugano non ha avuto grosse difficoltà contro un avversario di quattro categorie inferiore. Nel corso della prima mezz’ora, è vero, ha dovuto trovare il giusto assetto in campo e le consuete geometrie tra elementi poco avvezzi a giostrare assieme (la bacchetta di direttore d’orchestra Jacobacci l’ha comunque lasciata nelle mani di Oliver Custodio, anche perché squalificato per la partita di sabato contro il Losanna), tant’è che la prima vera occasione della partita è capitata sui piedi dei padroni di casa, con un pallone che lemme lemme è andato a spegnersi a fianco del palo sinistro della porta difesa da Osigwe. Poi, però, con il passare dei minuti il collettivo bianconero è venuto a galla e in cattedra è salito Christopher Lungoyi che dapprima ha sfruttato un traversone di Macek mal gestito dalla difesa, per battere a rete da due passi (35’), poi ha beffato con un pallonetto di testa (sempre su servizio di Macek) il portiere avversario Saffioti, autore di un’uscita avventata (39’).

Due gol che hanno di fatto chiuso la pendenza, in quanto il Monthey ha capito che recuperare sarebbe stata missione impossibile. E, per buona misura, al 67’ ancora Lungoyi ha firmato la tripletta personale con una conclusione al volo da centroarea su intelligente imbeccata da destra di Monzialo.

Durante tutta la ripresa, il Lugano si è limitato a gestire la situazione, cercando di correre il minor numero di pericoli possibile contro un Monthey che ha comunque avuto il pregio di onorare l’impegno (ha costretto Osigwe a un paio di interventi importanti). I bianconeri hanno cercato di tenere sotto pressione la difesa vallesana, ma senza mai dare l’impressione di voler davvero affondare il colpo.

Per la società ticinese, la Coppa Svizzera rappresenta un trofeo importante da inseguire (il presidente Angelo Renzetti non ha ovviamente ancora digerito la sconfitta a opera dello Zurigo nella finale del 2016). Ma, come dimostra la fatica con la quale il Servette ha avuto la meglio del Vevey (due rigori di Imeri all’85’ e 92’), in una competizione a eliminazione diretta il passo falso è sempre lì dietro l’angolo. Per cui il Lugano va senz’altro complimentato per lo spirito con il quale è sceso in campo: concentrazione e attitudine giuste hanno permesso di evitare che la trasferta a Monthey si complicasse come avvenuto in altre occasioni, quando per andare avanti erano stati necessari anche i tempi supplementari, fatica ben volentieri risparmiata in questo finale di stagione già di per sé carico di impegni e appuntamenti.

Monthey - Lugano (0-2) 0-3

Reti: 35’ Lungoyi 0-1. 39’ Lungoyi 0-2. 67’ Lungoyi 0-3

Monthey: Saffiori; Roux, Kurtiu, Martins; Vogel, Baillifard, R. Derivaz (69’ Aslan), Lima (74’ Käser); Oliveira; K. Derivaz (88’ Martenet), Constantin (87’ Jasari)

Lugano: Osigwe; Opara, Kecskes, Daprelà, Facchinetti (82’ Mazzoletti); Macek, Custodio, Guidotti; Monzialo (68’ Abubakar); Gerndt, Lungoyi (83’ Muci)

Arbitro: Wolfensberger

Note: porte chiuse. Ammonito: 16’ Custodio

CALCIO: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Hockey
2 ore
Playoff, dopo il Bienne salta anche il Davos
Una doppietta di Praplan spegne i sogni di gloria dei grigionesi di Wohlwend. Dopo la decima, anche la nona classificata approda ai quarti di finale
NUOTO
3 ore
A Uster il movimento dimostra di essere in salute
Nonostante la pandemia che ha sconvolto le vite di molti atleti, ottime nuove dai campionati nazionali. Anche per Noè Ponti e la delegazione ticinese
Hockey
3 ore
Siegenthaler raggiunge Hischier nel New Jersey
Il ventitreenne difensore zurighese al centro di uno scambio trai i suoi Capitals e i Devils, la franchigia in cui gioca il talento vallesano
Calcio
5 ore
Acb ripreso all'ultimo, 'ma le prestazioni sono buone'
Dopo l'1-1 con il leader di Promotion League Yverdon i granata pareggiano con lo stesso risultato anche con il Brühl e la zona retrocessione resta vicina
BASKET
13 ore
Il Ticino festeggia un doppio successo
Vittoria importante del Lugano contro il Boncourt, mentre la Spinelli Massagno fa un sol boccone del Nyon
MOUNTAIN BIKE
13 ore
Filippo Colombo quinto a Nalles
Ottima prova del ticinese nella terza tappa degli Internazionali d'Italia. Dominio svizzero con Mathias Flückiger e Nino Schurter
Calcio
16 ore
Covid, Daniele De Rossi: 'Non fossi venuto in ospedale...'
'Ho la polmonite interstiziale bilaterale, non a un livello gravissimo però ce l'ho'. Il calciatore in un video e foto virali (per il fastidio dei familiari)
CALCIO
1 gior
Il Lugano stringe i denti, vince e blinda la salvezza
I bianconeri battono il Losanna con un gol di Maric e raggiungono quota 40, considerata da Jacobacci la quota sicurezza. Ora possono pensare ai quarti di Coppa
Il tramonto della Valascia
1 gior
‘Questo stadio mancherà a tutti’
Un giornalista e un ex giocatore (pure nei panni dell'avversario) sfogliano l'ultima pagina dell'album
Hockey
1 gior
Alexandra e Tim, due bastoni e... una fattoria
Portiere delle Ladies lei, attaccante dei bianconeri lui: due carriere distinte ma con parecchi punti in comune
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile