laRegione
tanti-scenari-una-certezza-la-svizzera-ha-in-mano-il-suo-destino
CALCIO
29.03.21 - 19:16

Tanti scenari, una certezza: la Svizzera ha in mano il suo destino

Euro U21, con una vittoria contro il Portogallo la squadra di Lustrinelli accederebbe ai quarti di finale. Ma potrebbe passare anche con una sconfitta

La sconfitta con la Croazia proprio non ci voleva per una U21 che con maggiore attenzione ai due estremi del rettangolo da gioco avrebbe tranquillamente potuto staccare con un turno d’anticipo la qualificazione ai quarti di finale dell’Europeo di categoria. Invece, le indecisioni difensive e, soprattutto, la mancanza di precisione sotto porta costringono i ragazzi di Lustrinelli a cercare il risultato contro il Portogallo, con un occhio a quando farà la Croazia di fronte a un'Inghilterra ancora a secco di soddisfazioni. Tutto, va detto, è ancora aperto e, alla fine, a qualificarsi potrebbero essere gli inglesi e a rimanere fuori i lusitani. Va da sé che per i giovani rossocrociati il modo migliore per assicurarsi l’accesso alla fase a eliminazione diretta passa da una vittoria contro il Portogallo che garantirebbe loro la possibilità di ritrovarsi a inizio giugno per la seconda parte del torneo.

Situazione ingarbugliata

Ma, si diceva, nemmeno i lusitani possono stare tranquilli, nonostante le prime due vittorie. Infatti, nel caso in cui sia la Svizzera, sia la Croazia dovessero vincere il loro ultimo impegno, le tre squadre si ritroverebbero con tre punti a testa nei confronti diretti, per cui a fare stato sarebbero i criteri legati alla differenza reti e al maggior numero di gol segnati (classifiche avulse), discriminante, questa, che punirebbe i portoghesi (hanno segnato meno degli elvetici).

La situazione più ingarbugliata si verrebbe a creare nel caso in cui Svizzera e Croazia dovessero uscire battute. In quel caso il primo posto andrebbe al Portogallo, mentre le altre tre Nazionali, tutte a tre punti, si giocherebbero il secondo biglietto per i quarti. Qui a essere tagliata fuori sarebbe la Croazia che si troverebbe con una differenza reti negativa, mentre quella della Svizzera, nonostante la sconfitta con il Portogallo rimarrebbe invariata (3 gol fatti e 3 subiti). A guadagnarci sarebbe invece l’Inghilterra che staccherebbe la qualifica nel caso di vittoria con due gol di scarto sulla Croazia, mentre se il divario fosse di una sola rete a passare sarebbero i rossocrociati (dal 4-3 in avanti si qualificherebbero però gli inglesi per il maggior numero di reti segnate).

Insomma, le variabili sono ancora innumerevoli e sicuramente non le abbiamo prese in considerazione tutte. Per tagliare la testa al toro, dunque, sarebbe meglio ottenere quei tre punti sinonimi di qualificazione senza dover stare a far calcoli e a fremere per il risultato dell’altra sfida (male che vada l’accesso ai quarti avverrebbe quale seconda di gruppo, alle spalle della Croazia). E il gruppo di Lustrinelli ha dimostrato di possedere le carte in regola per ottenere il risultato che cerca. Il tecnico ticinese dovrà innanzitutto azzeccare l’undici di partenza, perché i cambi proposti contro la Croazia non hanno sortito i risultati sperati, in particolare a centrocampo, dove Pusic e Sohm non hanno fatto scordare Jankewitz e Ndoye (per quanto, una volta entrati in corso d’opera non è che abbiano brillato, in particolare l’autore del gol partita contro l'Inghilterra).

Davanti, ovviamente, è attesa quella precisione che né contro gli inglesi, né contro i croati si è potuta ammirare. Guillemenot ha partecipato alla manovra, ma ha sbagliato almeno due colossali occasioni, mentre Zeqiri per il momento rimane l’oggetto misterioso di questa selezione, a dimostrazione di quanto sia difficile essere protagonisti in Nazionale quando non si ha tempo di gioco con il proprio club.

‘Quindici minuti di buco’

Contro i croati, il reparto arretrato ha incassato tre reti, tutte evitabili. In particolare la prima, quella che ha fatto “girare” la partita e nata dallo svarione in fase di rinvio di Raccioppi. L’errore è stato marchiano, ma il portiere del Digione rimane una sicurezza, come ha dimostrato nella ripresa, fermando due volte di seguito le conclusioni ravvicinate degli attaccanti croati (la seconda con un riflesso da portiere di hockey). «Purtroppo, dopo l’errore di Guillemenot – afferma Mauro Lustrinelli in conferenza stampa – abbiamo avuto quindici minuti di difficoltà, durante i quali si è smarrito il filo del discorso e siamo stati puniti in maniera pesante. Ma rimango molto contento del primo tempo e di come la squadra ha saputo reagire nel finale».

Ora ci si deve giocare tutto contro la squadra più forte… «È bello essere di fronte alla terza partita e avere ancora tutto nelle nostre mani. Sappiamo che una vittoria contro il Portogallo sarebbe sufficiente per accedere ai quarti di finale. Certo, quella lusitana è una delle migliori squadre a livello giovanile, ma noi siamo arrivati sin qui proprio per giocare partite come questa. E questo gruppo, dopo ogni sconfitta ha saputo risollevarsi e ottenere qualcosa di importante. Penso sarà una partita più o meno simile a quella contro l’Inghilterra. Il Portogallo è una squadra che gioca molto bene, con ragazzi veloci nelle verticalizzazioni. Dovremo senza dubbio migliorare la nostra efficacia sotto porta, carente sia contro gli inglesi, sia contro i croati. Abbiamo comunque dimostrato di essere una squadra capace di crearsi almeno tre o quattro palle gol a partita e non è affatto scontato».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
croazia euro u21 inghilterra lustrinelli portogallo svizzera
Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
ciclismo
2 ore
Nairo Quintana squalificato a posteriori dal Tour
Il colombiano si vede togliere il sesto posto conquistato a luglio sulle strade francesi a causa di un irregolarità nell’utilizzo del tramadolo
ciclismo
2 ore
Marlen Reusser ripete il titolo continentale a cronometro
L’elvetica bissa a Monaco il successo dell’anno scorso di Trento, precedendo l’olandese Van Dijk
Hockey
3 ore
Goran Bezina si ritira a 42 anni
Il difensore vallesano dice basta dopo oltre mille partite giocate
Calcio
5 ore
Elon Musk vuole acquistare lo United, ma è solo uno scherzo
In un tweet il miliardario si era detto interessato, ma poco dopo ha smentito
Tennis
6 ore
Nuova sconfitta per Serena Williams
A Cincinnati l’americana eliminata dalla Raducanu
NUOTO
6 ore
Europei, Djakovic in finale dei 400 sl
Terzo tempo delle qualificazioni per il turgoviese, che precede anche Popovici
Altri sport
20 ore
Sfuma all’ultimo l’oro di Ehammer. E pure quello di Mujinga
L’appenzellese superato all’ultimo nel decathlon è costretto ad accontentarsi dell’argento. La bernese, invece, beffata al fotofinish da Lückenkemper
hockey
20 ore
Prima vittoria del Lugano sul ghiaccio di Biasca
I bianconeri si impongono 4-1 contro i Ticino Rockets, nella sera del debutto di Granlund. Di Thürkauf, Riva, Ugazzi e Mirco Müller le quattro reti.
NUOTO
23 ore
Niente podio per Noè: il ticinese è quinto nei 200 delfino
In apertura al Foro Italico il ticinese chiude alle spalle di Milak, Marton, Razzetti e Carini. ‘Ho fatto la mia gara, ma stavolta ho visto la Madonna’
BASKET
1 gior
In ricordo di Angelo Ghirlanda e Franco Casalini
Franco Facchinetti lavorò con entrambi: ‘Due grandissimi maestri’
© Regiopress, All rights reserved