laRegione
la-coppa-del-mondo-prende-il-via-a-porte-chiuse
CALCIO
22.03.21 - 14:270
Aggiornamento : 14:50

La Coppa del mondo prende il via a porte chiuse

In settimana iniziano alle eliminatorie per i Mondiali 2022 in Qatar. Nelle città che a giugno ospiteranno l'Europeo si giocherà davanti a spalti vuoti

Con rare eccezioni nell'ex Unione Sovietica, la campagna di qualificazione europea per la Coppa del Mondo 2022 inizia questa settimana di fronte a tribune vuote. Diamo uno sguardo alla situazione nel Vecchio continente, a tre mesi dall'Euro.

Il Kazakistan simboleggia bene questo periodo di incertezza. Mentre per parecchio tempo si è pensato di aumentare la capacità dello stadio Nur-Sultan al 30% per ospitare domenica la Francia, secondo fonti concordanti la federazione locale non ha ancora ufficializzato i dettagli dell'organizzazione della partita, che potrebbe finire per essere disputata a porte chiuse.

L’assenza di pubblico sarà generalizzata in quasi tutta l’Europa. Anche nelle dodici città che in estate dovrebbero accogliere le partite dell’Europeo itinerante. L’Uefa ha deciso che ogni città ospitante avrà tempo fino al 7 aprile per confermare se sarà in grado o meno di ospitare pubblico, a quali condizioni e in quali proporzioni.

Di conseguenza, l'Ungheria continuerà a giocare a porte chiuse e a ospitare le partite di altre squadre, come le tre sfide del Qatar originariamente previste in Austria. Il portavoce della federazione ungherese, Jeno Sipos, ha detto che «indicherà all’Uefa quanti spettatori è realistico ospitare a Budapest entro il tempo limite», cioè prima del 7 aprile.

Porte chiuse anche in Azerbaijan. Nessuna prova generale, dunque, per Baku, sede nella quale la Svizzera affronterà Galles e Turchia: situazione che non è necessariamente un buon segno prima di Euro 2020.

Bucarest, d'altra parte, sta pianificando un’affluenza del 25% della capacità per le sue quattro partite dell'Euro, ma i tifosi sono scontenti del fatto che nei prossimi giorni la Romania ospiterà la Macedonia del Nord e la Germania a porte chiuse.

Il Parken di Copenaghen ospiterà quattro partite di Euro 2020. La federazione danese ha lanciato una campagna per "far rivivere il calcio", chiedendo il ritorno dei tifosi sugli spalti per il campionato europeo e le partite della massima serie. Nel frattempo, domenica la sfida tra Danimarca e Moldavia sarà giocata a porte chiuse.

Un po' più a nord, le condizioni di ingresso in Norvegia sono molto severe con, tra l'altro, una quarantena obbligatoria che ha portato alla cancellazione di diversi eventi sportivi. Di conseguenza, la partita contro la Turchia prevista per il 27 marzo a Oslo sarà giocata a Malaga, senza pubblico. La squadra di Erling Haaland sarà già in zona in quanto il 24 marzo a Marbella affronterà Gibilterra.

In Inghilterra e nel Galles, il piano del governo per il graduale allentamento delle misure anti-Covidi prevede un ritorno degli spettatori negli stadi, ma al massimo entro metà maggio, e per una capacità di 10.000 spettatori o un quarto dello stadio.

Non ci saranno spettatori nemmeno per le due partite della Roja in Spagna alla fine di marzo. Il paese in cui la decisione di aprire le porte degli stadi è stata oggetto di dibattito è l'Ucraina: le partite avrebbero dovuto essere giocate a Lviv, ma sono state spostate a Kiev a causa del "peggioramento della situazione epidemica a Lviv". Una mossa che ha fatto infuriare il sindaco di Kiev, Vitali Klitchko, che ha finito per emettere un decreto comunale che vieta al pubblico di entrare negli stadi della capitale, mentre a livello nazionale si può vendere il 30% dei biglietti.

Tra le uniche eccezioni, la partita Russia-Slovenia (il 27) sarà giocata davanti a un massimo di 12.000 persone a Sochi, cioè il 30% dello stadio. Il primo club di serie ad avere la sua capacità ripristinata al 100% (5’200 persone) è stato l'Ufa per la sua partita contro la Lokomotiv del 18 marzo. In Armenia, Bielorussia e Georgia, sarà venduto il 30% dei biglietti.

Altrimenti, se si vogliono vedere spettatori sugli spalti, bisogna dirigersi verso l'Asia centrale: fino a 10’000 spettatori potranno assistere alla partita Tagikistan-Mongolia del 25 marzo, cioè il 50% della capacità dello stadio. Il Tagikistan sostiene di essersi liberato del coronavirus e non ha registrato nuovi casi da gennaio. E in Uzbekistan, le partite di campionato vengono giocate, come se non fosse successo niente, negli stadi pieni. 

CALCIO: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Hockey
3 ore
A Lugano tra decisioni rinviate, emozioni e altri due punti
Acciuffati a sette decimi dalla fine, i bianconeri battono lo Zugo segnando il gol-partita al supplementare, grazie a un’azione personale di Bertaggia
Hockey
3 ore
Il secondo tempo condanna l’Ambrì Piotta
Terza sconfitta filata per i biancoblù, che contro il Rapperswil pagano il crollo nel periodo centrale
Gallery
Motociclismo
3 ore
‘Siamo riusciti a tenere il passo dei team ufficiali’
Il secondo posto al Bol d’Or lancia il finale di stagione del team Moto Ain di Roby Rolfo
Calcio femminile
4 ore
Tutto facile per la Svizzera in Moldavia
Le ragazze di Nils Nielsen si sono imposte 6-0 sulle padrone di casa nel secondo match delle qualificazioni ai Mondiali del 2023, confermando il primato
Calcio
7 ore
Razzismo: multa e partita a porte chiuse per l’Ungheria
La Fifa sanziona la federazione ‘per il comportamento di buona parte dei tifosi’ nel match di qualificazione ai Mondiali contro l’Inghilterra
Hockey
11 ore
Lo Zugo si tiene stretto il ticinese Dario Simion
L’attaccante ha prolungato di tre anni il contratto che lo lega alla squadra con cui, la stagione scorsa, ha vinto il titolo svizzero
Calcio regionale
12 ore
Calcio regionale, i risultati del weekend più discusso
Non solo la maxirissa, ma anche risultati importanti per Collina, Monteceneri e Gordola. Ecco il riassunto
Inline
13 ore
Il Sayaluca si aggiudica il derby di Lna
La partita con il Malcantone ha mantenuto le promesse. In Lnb brivido per il Novaggio Twins
CALCIO
1 gior
‘Cercavamo competenza, Mattia ci ha convinti al 100%’
La dirigenza del Lugano in coro: ‘Croci-Torti la scelta giusta’. E intanto la Sfl concede la mini licenza che rende definitivo il passaggio di proprietà
Ciclismo
1 gior
Per la prova in linea si dovranno fare i conti con van Der Poel
L’olandese, ancora alle prese con i postumi della caduta alle Olimpiadi di Tokyo, conferma la sua presenza per la gara di domenica
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile