laRegione
MANNARINO A. (FRA)
2
Wawrinka S. (SUI)
1
fine
(1-6 : 6-2 : 6-3)
Calcio
30.01.21 - 14:30

Massimo Busacca: ‘Il VAR lo ha voluto il calcio’

L'ex arbitro ticinese oggi a capo del dipartimento arbitrale della Fifa: ‘È uno strumento necessario ma la preparazione del direttore di gara resta basilare’

massimo-busacca-il-var-lo-ha-voluto-il-calcio
fotoservizio Ti-Press/Gianinazzi
+3

Viene dal campo, Massimo Busacca. È stato un fischietto vecchia scuola, con trascorsi da calciatore, prima del passaggio alla direzione arbitrale, con le enormi gratificazioni che ne hanno accompagnato la carriera ad altissimi livelli. L’approccio è sempre quello del manto erboso, del calcio appreso masticandolo in prima persona, studiandolo, capendolo. Per poi trasferire questo fondamentale bagaglio nell’arbitraggio, un settore in cui bisogna conoscere le regole del gioco ma anche capire a fondo l'ambito nel quale si sta operando, le due dinamiche, le sue regole, ma anche e soprattutto quelle non scritte.

L’introduzione del VAR, stando all'attuale direttore del dipartimento arbitrale in seno alla FIFA, ha mutato un po’ le coordinate del calcio e della direzione arbitrale. Tuttavia per il 52enne ticinese, ex grande fischietto internazionale, se c’è una cosa che non è cambiata, né deve mai cambiare è proprio la preparazione del singolo arbitro, che sia quello che scende in campo o, appunto, il collega denominato “video assistant referee”, arbitro di video-assistenza. È sul suo grado di professionalità e sulle sue competenze che vanno investite delle risorse, affinché il VAR possa rivelarsi davvero un aiuto. Giacché, da quanto è stato introdotto, si è assistito a un’evoluzione del calcio, una sorta di degenerazione dell'utilizzo dei mezzi tecnologici, che non fa l’unanimità e non ha posto fine a discussioni e polemiche.

‘All'inizio ero scettico anch'io'’

«All'inizio - ammette Busacca - avevo anch’io molti dubbi sul VAR, ero molto scettico, ma adesso non ne potrei fare a meno. Oggi alla luce dell'evoluzione che ha preso il calcio, ma più in generale il mondo del lavoro, è uno strumento del quale non è più possibile fare a meno, a condizione però di saperlo usare bene. Il mio era uno scetticismo che nasceva dal mio essere stato arbitro di vecchio stampo, abituato a prepararmi molto bene, per essere pronto in campo, a conoscere bene le squadre che dirigevo, a capire i giocatori con i quali avevo a che fare. Imponevo a me stesso una preparazione puntigliosa per essere all’altezza del compito che mi veniva assegnato».

Conoscenza della materia, talento

Il nodo della questione è proprio questo: la preparazione degli arbitri resta basilare. Vanno istruiti nel modo giusto, con un’uniformità che però è difficile da trovare, visto che si sfocia sovente nel campo dell'interpretazione «Ai direttori di gara non fa difetto la grande preparazione teorica. Conoscono molto bene le regole, ma trovo che a volte manchino le conoscenze specifiche del calcio, della materia. È quella conoscenza, quel talento lì, che ti fa andare avanti nella tua carriera, che fa la differenza. Come in tutte le altre professioni, non sono solo il titolo di studio o le conoscenze teoriche a contare, bensì anche il talento innato e il feeling con la disciplina che si pratica. Ecco perché dietro alla preparazione di un arbitro c’è sempre un grande lavoro, in campo, dove ci si focalizza sui meccanismi delle partite, del gioco, per farsi trovare al punto giusto al momento giusto. Alla FIFA siamo abituati a scendere in campo con gli arbitri, nel vero senso della parola, per simulare situazioni, di gioco, con squadre di calcio, con allenatori professionisti. La conoscenza della materia ti fa fare il salto di qualità, non il video. Il video fornisce un supporto, ma non dà tutte le risposte. La qualità dell'arbitro continua a essere decisiva. Quando si arriva a un certo livello, il talento conta, masticare la materia è fondamentale. Oggi purtroppo si passa all'arbitraggio senza essere passati dal campo come calciatori, e questo si traduce in scarsa dimestichezza con le regole stesse del campo, con il tema calcio, con le sue tante specificità. È necessario investire nella formazione e nello sviluppo, anche nel settore arbitrale. Bisogna lavorare sulla cultura di questo sport, inculcandola negli addetti ai lavori. Se riusciamo a dare un'istruzione concreta ai fischietti affinché entrino per bene nei meccanismi del calcio, il VAR avrà solo la funzione che dovrebbe avere, ossia quello di un aiuto in determinati - e pochi - quando serve il suo intervento per evitare che un risultato sia falsato da una valutazione errata».

Lo scandalo non è più tollerabile

Lo strumento valorizza la preparazione o la mortifica? «La valorizza. Il primo ad averci creduto fermamente, sin dal suo insediamento alla presidenza della Fifa, è stato il presidente Gianni Infantino. Gli va dato atto che ottenemmo già ottimi risultati ai Mondiali del 2018 in Russia. Ricordo che quando esprimevo il mio scetticismo sull'opportunità di adottare il VAR già in quella Coppa del mondo, dopo non molti mesi di sperimentazione, l’allora mio capo Zvonimir Boban, che ha pure lui sempre spinto con convinzione verso questo progetto, mi convinse che non avrebbe cambiato il calcio, bensì lo avrebbe pulito. Usava l’espressione “cleaning”, fare pulizia. Ossia eliminare il grande errore, impedire che condizioni l’esito di una partita. Il calcio non ne esce stravolto. In definitiva si tratta solo di visualizzare un episodio e, semmai, darne un’interpretazione diversa da quella del direttore di gara in campo. Non è una regola, è un aiuto. Se hai uno strumento in mano che ti permette di correggere un errore che avrebbe potuto condizionare o indirizzare una partita, perché non utilizzarlo? Ve la immaginate, oggi, una finale di Coppa del mondo decisa da un gol in fuorigioco di pochi centimetri? Tutti urlerebbero allo scandalo. Non è più tollerabile che accada una cosa del genere. Non dimentichiamo che il VAR lo ha voluto il calcio, dopo tanti anni di discussioni, di polemiche. La tecnologia non l’hanno richiesta gli arbitri, l’ha pretesa il calcio. Io per primo tornerei indietro, a patto però che anche all’arbitro venisse concesso quantomeno un margine di errore che però, oggi, non è più assolutamente ammesso».

Interessi in gioco, pressione enorme

L’obiettivo, quindi, è quello di eliminare, o quantomeno ridurre al minimo, l’errore umano, in passato fonte di discussioni anche molto accese. Benché essenza stesso del gioco del calcio. «Oggi l’errore umano non è più accettato. Sono passato anch’io dal campo, l’arbitro è considerato un giudice supremo che non ha diritto all'errore. Un calciatore che commette qualche errore non è certo messo in discussione, se tutto sommato poi le sue prestazioni sono buone. Un arbitro che commette cinque errori viene messo in croce. Eravamo arrivati a un punto in cui il sistema calcio non accettava più l’errore arbitrale. Per le enormi pressioni derivanti dai tanti interessi in gioco, in primis naturalmente quelli economici. Giusto o sbagliato che sia, ci sono. Un presidente o un allenatore di una grande squadra non accetta più di perdere per uno scandalo. Capita che l’arbitro decida per mancanza di “coraggio”, perché non ha visto bene. Magari era impallato, la sua angolazione non era ideale. Il VAR a cosa serve? A dargli una seconda possibilità. L’”on field review”, la possibilità di andare a vedere quanto successo, consente al direttore di gara di rivalutare una situazione. Ma poi, la decisione corretta la prenderà solo se ha la conoscenza della materia. L'interpretazione è soggettiva e dipende dal modo in cui le cose gli sono state spiegate. Si pensi al fallimento dell’esperimento del doppio arbitro in campo condotto anni fa: si scontravano due visioni, due metri diversi di gestione della stessa partita, in cui vi erano due pesi e due misure».

Una squadra allenata bene

Chi gestisce il VAR (“project leader”) nel proprio paese o nella propria associazione deve spiegare il suo funzionamento nel modo corretto, altrimenti vi è il rischio, come si è potuto constatare in alcune partite, che l’arbitro - che nel VAR dovrebbe avere un aiuto - appaia destituito dalle sue funzioni, sostituito. Come se ci fosse un conflitto che invece non deve esserci. «Faccio un paragone con una squadra di calcio: puoi avere undici giocatori di livello, ma se non spieghi bene loro come giocare o quale tattica adottare, di partite non ne vincono. Lo stesso, con gli arbitri. La tecnologia, la macchina, nella sala VAR è ancora guidata dall’uomo, il VAR è un collega del direttore di gara in campo. Su certi casi, ad esempio il fuorigioco, non ci sono discussioni. Su altre, però, in cui sono richieste preparazione e capacità di interpretazione, è necessario che chi decide, benché in possesso della miglior tecnologia possibile, faccia vedere ciò che ha in lui, sfoderando la propria capacità di interpretazione, al fine di trovare una soluzione. Chi è davanti al video fa la differenza, con il suo modo di interpretare un episodio. L’intesa funzione se il direttore di gara in campo “accetta” di buon grado di essere smentito, nonostante a volte resti convinto della sua valutazione, e chi lo corregge sia all’altezza del suo compito».


Keystone

Minimum interference, maximum benefit

In alcune circostanze, però, la preparazione richiesta all’arbitro, la sua professionalità, sembrano perdere forza e spazio di fronte a uno strumento che nasce come supporto e invece si trasforma in… giudice. Sembra che per timore di sbagliare, ci si affidi ciecamente alla tecnologia, tradendo così lo spirito stesso del gioco del calcio che presuppone che il direttore di gara possa anche sbagliare qualche valutazione. «Capisco che questa sensazione la si possa avere. Dobbiamo però ricordare con quale principio nacque il VAR: “minimum interference, maximum benefit”, il massimo della resa con il minimo degli interventi, lasciando all’arbitro le incombenze principali, affinché possa continuare a fare affidamento sulla sua personalità. Va però detto che in un secondo tempo ci siamo accorti che il calcio ci richiedeva più interventi di quanto fosse nei piani originali. Poter rivedere tranquillizza, convince. La gente si fida della tecnologia, anche se ci sono dei piccoli margini di errore. Per il VAR vale lo stesso: il verdetto dopo aver rivisto un’azione viene più facilmente accettato. Ciò non toglie che l’arbitro di grande personalità deve essere convinto delle proprie decisioni, altrimenti i calciatori, o certe situazioni che si vengono a creare, ti sotterrano. È il direttore di gara il “proprietario” della partita, non il collega al VAR. Oggi, però, in occasione di certe decisioni importanti, un direttore di gara può beneficiare della conferma della bontà della sua decisione da parte del collega al monitor, a tutto vantaggio della sua serenità e della qualità del resto della sua direzione. Oppure, ha la possibilità di correggere quello che si è rivelato essere un errore di valutazione. Un errore di quelli che il calcio oggi non si può più permettere, perché ballano troppi soldi. Il VAR permette a un arbitro di salvare la carriera. Un errore grosso lo pagherebbe a carissimo prezzo, a differenza di un calciatore che sbaglia un rigore e già si riabilita se poi segna un gol nella partita successiva». 

Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
hockey
10 ore
Con cinismo e solidità l’Ambrì espugna Zugo
Le doppiette di Bürgler e Heim e il gol di Shore alla Bossard Arena, regalano ai biancoblù un weekend da cinque punti che li proietta al quarto posto
HCAP
12 ore
L’Ambrì giganteggia in trasferta: Zugo espugnata
Gli uomini di Luca Cereda hanno prevalso 5-4, doppiette per Spacek e Bürgler.
CALCIO
14 ore
Bellinzona tradito dai dettagli, lo Sciaffusa ringrazia
Granata sconfitti al Comunale (e i tifosi contestano la gestione del club). Inutile la rete di Pollero, determinante l’espulsione di Izmirlioglu
Calcio
16 ore
Prima vittoria casalinga stagionale del Lugano
I bianconeri, pur soffrendo, riescono a battere 1-0 il Servette
TENNIS
16 ore
A Sofia, Marc-Andrea Hüsler conquista il suo primo titolo Atp
Lo zurighese ha superato in due set il danese Holger Rune. In settimana sarà impegnato nell’Atp 500 di Astana da 61esimo giocatore del ranking mondiale
FORMULA 1
17 ore
La Red Bull si consola con il trionfo di Sergio Perez
Solo settimo, Max Verstappen non ha potuto festeggiare il suo secondo titolo mondiale. Il messicano davanti a Leclerc e Sainz
BASKET
20 ore
La stagione inizia nel segno della Spinelli
Massagno ha nettamente sconfitto i Lugano Tigers nel primo derby. Gli uomini di Montini hanno retto soltanto nei minuti iniziali
BMX
21 ore
Zoé Classens di nuovo sul podio
In Colombia la vodese chiude per la quarta volta in stagione nei primi 3
CALCIO
21 ore
Una brutta giornata per chiudere una brutta settimana
Promotion League, il Chiasso sconfitto a Nyon al culmine di giorni in cui si è parlato molto di aspetti che esulano dal campo. Tre espulsi tra i rossoblù
MOTOMONDIALE
21 ore
MotoGP, Quartararo braccato da Bagnaia
In Thailandia vince Oliveira, in Moto2 si impone Arbolino, in Moto3 successo per Foggia
© Regiopress, All rights reserved