laRegione
CALCIO
19.01.21 - 18:46
Aggiornamento: 19:43

Lugano, rientra l'emergenza a centrocampo

Gli infortuni a Sabbatini e Custodio, oltre alla squalifica di Lovric, avevano preoccupato Jacobacci. Ma entrambi hanno recuperato e contro l'Yb ci saranno

di Daniele Neri
lugano-rientra-l-emergenza-a-centrocampo

Allarme centrocampo per il Lugano? Guardando la situazione che si presentava domenica sera dopo la partita di campionato con il Sion, qualche ora d'insonnia per Maurizio Jacobacci poteva starci.  Gli infortuni occorsi a Sabbatini e Custodio, ambedue usciti anzitempo e il quarto cartellino per Lovric, con conseguente squalifica per la prossima partita, avrebbero privato il Lugano dei suoi tre centrocampisti titolari. Un centrocampo inedito, quindi, contro lo Young Boys, questa sera alle 18.00 a Cornaredo? Magari formato da Covilo, Macek e il 18enne Tommaso Centinaro all'esordio in prima squadra? Pareva possibile, ma l’allenamento del pomeriggio ha rassicurato il tecnico luganese: Sabbatini e Custodio, si sono regolarmente allenati, quindi la loro presenza è certa. Per lo squalificato Lovric  subentrerà Covilo, mentre il tecnico darà ancora fiducia al tandem d’attacco Bottani - Gerndt.  In forse, per contro, la presenza in panchina di Facchinetti, uscito malconcio da uno scontro fortuito nell’allenamento di lunedì pomeriggio. E il nuovo arrivato Abubakar? Così Jacobacci: «Si è allenato molto bene, verrà con me in panchina. Non dimentichiamo, non ha mai giocato in Super League, le condizioni cambiano. Deve stare tranquillo, prepararsi per quando verrà chiamato, senza pensare di dover strafare.  La porta e il gioco sono uguali, anzi forse sarà servito con più precisione, ma anche gli avversari che si troverà di fronte saranno diversi».

Lo Young Boys, attuale capolista del campionato, arriva a Cornaredo con molte ambizioni. Un avversario tosto, ma nella prima partita a Berna, il Lugano era riuscito a strappare un bel pareggio, 2-2 il risultato finale.  Mister Jacobacci mette in guardia tutti: «A Lugano arriverà un Yb molto affamato. Non dimentichiamo che nelle tre ultime partite di campionato ha collezionato due pareggi e una sconfitta. Vorrà riprendere il campionato alla grande. I giocatori sono riposati e hanno un potenziale incredibile. Seoane potrebbe far scendere in campo due formazioni titolari. Non dovremo aver paura, ma affrontarli con tutti i nostri migliori mezzi. Dovremo fare molta attenzione nei primi 30 minuti di gioco, loro cercheranno di mettere molta pressione con un pressing alto. Importante sfruttare bene gli spazi che lasceranno nel loro gioco offensivo. Se vogliamo raccogliere qualche punticino dovremo disputare una signora partita».    

Un Lugano anche a Sion ha creato molte occasioni da rete, ma alla fine ne arrivata una solo in zona Cesarini: «È un dato di fatto molto importante, ma poi bisogna segnare. Chiaro non abbiamo nelle nostre fila un giocatore come per esempio ha il Milan con Ibrahimovic. Da parte nostra abbiamo Gerndt e Bottani che svariano molto, Ibra invece è una punta centrale che sta in area. Noi le occasioni le abbiamo, se penso a domenica con Ardaiz, che poi era in fuorigioco, ma comunque non aveva segnato, e con Lovric che dopo aver fatto 50 metri di corsa non ha avuto la cattiveria di metterlo nel sacco. Cattiveria che invece ha avuto Daprelà nel segnare il pareggio. Ecco la giusta attitudine che occorre avere in aera di rigore. Facciamo tantissimo per creare queste occasioni, ma poi non riusciamo a concretizzarle».

Nella conferenza stampa pre partita, Jacobacci non ha potuto non fare un passo indietro e parlare del Var, che tanto ha fatto discutere nella partita di domenica a Sion: «Non sono contento del Var, non riesco a capire bene i criteri, quando bisogna o non bisogna rivedere certi episodi. Il caso Lavanchy è emblematico: il fallo c’era e se non l’ha visto l’arbitro doveva essere il Var a intervenire. Si sperava che con l’introduzione della tecnologia ci sarebbero state meno discussioni, invece non è così. È peccato dover perdere tempo per discutere di questi episodi». 

Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Qatar 2022
2 ore
L’ombra delle minacce alle famiglie dei giocatori dell’Iran
La Cnn cita una fonte della sicurezza interna: decine di Pasdaran in Qatar per controllare i giocatori ed evitare proteste e contatti con stranieri
atletica
4 ore
Del Ponte si opera ‘per evitare questo infortunio in futuro’
La ticinese è vittima di una frattura da stress. Coach Meuwly detta i tempi di recupero: ‘Allenamento a pieno regime da metà marzo, gare in estate’,
SERIE A
11 ore
Il CdA della Juve si è dimesso in blocco: lascia anche Agnelli
Il dirigente 46enne saluta il club bianconero dopo più di dodici anni: decisive le contestazioni sulle plusvalenze.
Qatar 2022
11 ore
La doppietta di Bruno Fernandes porta il Portogallo agli ottavi
Ottima prestazione che si meritano a pieno merito i tre punti con l’Uruguay, dopo la Corea ci sarà la seconda classificata del girone della Svizzera
volley
12 ore
Bellinzona chiaramente sconfitto dal Therwil
Le basilesi passano all’Arti e Mestieri con un secco 3-0. Valentina Mirandi: ‘Ci siamo fatte sopraffare dalle difficoltà’.
Qatar 2022
12 ore
Yakin: ‘Col Brasile serviva più coraggio’
Freuler: ‘Sapevamo che la gara decisiva sarebbe stata quella coi serbi’
volley
13 ore
Sesta vittoria consecutiva per il Lugano
Kanti Sciaffusa sconfitto al tie break, dopo aver sprecato un match point nel quarto set. Bianconere sempre terze in classifica.
QATAR 2022
14 ore
Il gol di Casemiro infrange il sogno della Svizzera
Elvetici battuti all’83’ di una sfida giocata con ordine e sacrificio e che avrebbero meritato di chiudere in parità. Ora si decide tutto contro la Serbia
Calcio
15 ore
Sanzionato Balotelli, assolto Constantin
L’attaccante del Sion aveva paragonato la Lega svizzera di calcio alla mafia: multa di 5mila franchi
Qatar 2022
15 ore
Incerto l’immediato futuro dell’interista Onana
Escluso dalla rosa prima di Camerun-Serbia, il portiere africano starebbe per lasciare il Qatar
© Regiopress, All rights reserved