laRegione
calcio-stephan-lichtsteiner-si-ritira
+9
CALCIO
12.08.20 - 13:320
Aggiornamento : 15:28

Calcio, Stephan Lichtsteiner si ritira

Il capitano della nazionale svizzera lo ha annunciato poco fa durante una conferenza stampa

È durato poco meno di quattro minuti l'annuncio del suo ritiro: Stephan Lichtsteiner, capitano della Nazionale svizzera di calcio, ha voluto subito togliere dal campo ogni dubbio: «Credo sappiate di cosa si tratta – ha detto il calciatore davanti ai media –, ho deciso di ritirarmi».  Attualmente nella rosa del Augsburg, squadra della Bundesliga, Lichtsteiner ha giocato in precedenza per l'Arsenal. In Italia ha vestito le maglie di Juventus e Lazio.

Lichtsteiner può essere inserito nella top-5 del calcio svizzero. Sette volte campione italiano con la Juventus tra il 2011 e il 2018, nonché campione svizzero con il Grasshopper nel 2003 e vincitore della Coppa Italia nel 2009 con la Lazio, il laterale destro presenta un palmarès che in Svizzera non ha eguali. Gli è mancata soltanto la conquista della Champions League, nonostante le due finali raggiunte con la Juventus e perse contro Barcellona e Real Madrid.

Nel Club dei 100 con la Nazionale

Per 13 anni Lichtsteiner è stato capitano della Nazionale, con la quale ha preso parte tre volte alla fase finale della Coppa del mondo (Sudafrica 2010, Brasile 2014, Russia 2018) e due volte agli Europei, in Svizzera e Austria (2008) e in Francia (2016). Il suo esordio risale al 15 novembre 2006, quando Köbi Kuhn lo aveva mandato in campo nell'amichevole persa 2-1 contro il Brasile. E sempre un 15 novembre, ma di 13 anni dopo, a San Gallo ha vestito per la 108ª volta la maglia rossocrociata, in occasione della vittoria per 1-0 contro la Georgia nelle qualificazioni per Euro 2020. La lunga carriera internazionale fa di Lichtsteiner il terzo calciatore svizzero con più di 100 "caps", alle spalle di due mostri sacri come Heinz Hermann (118) e Alain Geiger (112). Tre i rimpianti maggiori: non essere mai riuscito a portare la Svizzera ai quarti di finale di un grande torneo, l'errore commesso nel 2014 a San Paolo che spianò la strada all'Argentina, in un ottavo di finale rimasto epico nella storia del calcio elvetico, e il cartellino giallo di quattro anni dopo contro la Costa Rica che gli impedì di prendere parte all'ottavo di finale contro la Svezia.

Quattro campionati su cinque

Stephan Lichtsteiner sarà ricordato come un giocatore di cuore e dal carattere forte. Ha giocato in quattro dei cinque campionati principali, vestendo le maglie del Lilla (Francia), della Lazio e della Juventus (Italia), dell'Arsenal (Inghilterra) e dell'Augsburg (Germania). Nel 2015 fu lui a sollevare, grazie anche all'ottima padronanza di francese e italiano, la questione dell'"identità svizzera" all'interno di una Nazionale divenuta sempre più multiculturale con il massiccio afflusso di giocatori di origine straniera.

In totale la carriera di Lichtsteiner è durata 17 anni, con oltre 620 partite disputate e 30 reti realizzate. «La carriera di un calciatore è limitata – ha affermato durante la conferenza stampa di Berna –. Ho avuto la possibilità di coronare quello che era il mio sogno da bambino e giocare fino a 36 anni ad alti livelli. Ora è arrivato il momento di intraprendere una nuova strada. È stato un bel periodo e mi sono divertito molto».

A livello di club Lichtsteiner ha tra l‘altro lasciato il segno nella storia della Juventus. Con la Vecchia Signora ha vinto lo scudetto per ben sette volte di fila tra il 2012 e il 2018, aggiudicandosi inoltre quattro volta la Coppa Italia e tre la Supercoppa. È stato anche in finale di Champions League nel 2015 e 2017. «La Juventus era già prima di questo periodo una brand di livello mondiale, ma sportivamente stava attraversando un periodo difficile. Siamo riusciti a costruire una generazione vincente, capace di fare suoi 14 titoli in 7 anni. È stata sicuramente la fase della mia carriera di maggior successo. Gli unici motivi di rammarico rimangono le due finali di Champions League perse».

Lasciata l'Italia, Lichtsteiner è andato a Londra, sponda Arsenal, con il quale nella primavera 2019 ha preso parte alla finale di Europa League, persa 4-1 contro il Chelsea. «L‘Arsenal è stata una sfida che ho voluto intraprendere a tutti i costi verso la fine della mia carriera. Nel complesso penso di poter dire che la mia è stata una carriera costruita in modo logico».

Le circostanze particolari legate alla pandemia di coronavirus e lo spostamento al 2021 dell‘Europeo 2020 hanno portato Lichtsteiner alla scelta di ritirarsi. «Il piano sarebbe stato quello di dire basta dopo l‘Europeo. Per me è però stato chiaro, vista la decisione dell’Uefa di posticipare il torneo, che non sarebbe stato logico aggiungere un ulteriore anno alla mia carriera».

Futuro tra calcio ed economia

Il 36.enne lucernese guarda con soddisfazione a quanto fatto sul rettangolo verde... «Sin da piccolo volevo diventare calciatore. Ho potuto vivere il sogno da bambino. Dopo grandi sfide con molti alti e pochi bassi porto con me tante esperienze che mi aiuteranno in futuro. D'ora in poi voglio proseguire su due piani: da un lato ho intenzione di svolgere i corsi di allenatore per l'ottenimento dei diplomi necessari a intraprendere la carriera di tecnico, dall'altro cercherò nuove sfide nel settore economico».

Lichtsteiner ha ringraziato la famiglia e gli amici per il sostegno, ma anche l'Associazione svizzera di calcio (Asf): «Non solamente per la mia carriera internazionale, ma soprattutto per la formazione della quale ho potuto usufruire come membro del progetto Footuro a partire dall'U15 e fino all'U21».

CALCIO: Risultati e classifiche

Guarda tutte le 13 immagini
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Hockey
1 min
Rockets in quarantena. McNamara: 'C'era da aspettarselo'
Per il tecnico 71enne è impensabile sperare che il campionato possa essere immune al coronavirus
Hockey
1 ora
Contr'ordine a Bienne: David Ullström resta
Il club rivede la sua decisione di non rinnovare il contratto al 31enne attaccante svedese
Calcio
1 ora
Sulla strada dello Young Boys c'è il Tirana
Saranno gli albanesi a contendere ai campioni svizzeri un posto nella fase a gironi di Europa League. La sfida è in programma il 1° ottobre
Roller Hockey
1 ora
Il Biasca riparte con l'argentino Pablo Saez
Domani il via alla nuova stagione di Lna: chiuso il capitolo Orlandi, i ticinesi si apprestano ad aprirne uno nuovo
Calcio
2 ore
Matteo Tosetti giocherà con la maglia del Sion
In Vallese arriva pure (via Young Boys) l'attaccante 36enne francese Guillaume Hoarau
Hockey
4 ore
Campionati del mondo U20 nella 'bolla' di Edmonton
La Iihf rivede i suoi piani originali: niente partite a Red Deer. E si giocherà a porte rigorosamente chiuse
Calcio
5 ore
Il lettone Marcis Oss per la difesa del Lugano
Il 29enne, che nelle ultime due stagioni aveva vestito la maglia del Neuchâtel Xamax. arriva in prestito dallo Spartaks.
Tennis
5 ore
Forfait di Naomi Osaka per il Roland Garros
Fresca vincitrice del Roland Garros, la nipponica rinuncia alla terra rossa parigina perché dolorante a una coscia
CALCIO
9 ore
Il Lugano e la nebbia anestetizzante del Covid
Angelo Renzetti si esprime alla vigilia della stagione 2020-21: ‘Preoccupato per quanto sta accadendo. Pronostici non prima di dicembre’
Hockey
16 ore
Covid: c'è un caso ai Rockets, ma non s'allenava da martedì
Il giocatore s'era sentito poco bene ieri e non ha più avuto contatti con i compagni. In pista a Zugo, però, la squadra interrompe l'amichevole dopo un tempo
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile