laRegione
il-lugano-chiude-con-tre-punti-il-thun-va-allo-spareggio
CALCIO
03.08.20 - 22:550

Il Lugano chiude con tre punti, il Thun va allo spareggio

L'ultimo turno di Super League condanna i bernesi e salva il Sion dopo un'emozionante altalena di risultati. I bianconeri di Jacobacci terminano al quinto posto

Finale di stagione folle, quello di un campionato di Super League terminato per nove squadre, ma non per il Thun, costretto a giocarsi lo spareggio contro il Vaduz. Il Lugano ha superato 1-0, non senza un pizzico di fortuna, il Neuchâtel Xamax e chiude la stagione in un'ottima quinta posizione, dopo aver scavalcato anche il Lucerna (0-0 con il Basilea). Ma questa volta l'impegno dei bianconeri contava relativamente poco, visto che la salvezza aveva già trovato l'avallo della matematica venerdì con il successo contro il Servette. Tutti gli occhi erano puntati sul Letzigrund e sullo Stade de Genève, dove erano impegnate le ultime due compagini con ancora qualcosa da dire. E sui due capi è successo di tutto, con un'altalena di risultati e di stati d'animo che alla fine hanno condannato il Thun e salvato il Sion. A Zurigo i bernesi sono andati sotto per 3-0, ma al 74' si sono improvvisamente svegliati e hanno riagguantato il risultato con la doppietta di Munsy e il gol di Rapp (su assist di Tosetti). Il pareggio al 90' sembrava garanzia di salvezza, anche perché a Ginevra il Sion era ancora bloccato sull'1-1, ma proprio pochi secondi dopo il 3-3 di Munsy, Uldrikis ha trovato il punto dell'1-2. Alla Praille correva il 74' perché per non farsi mancare niente, questo campionato si è regalato anche un temporale che a metà del primo tempo ha costretto l'arbitro a rimandare negli spogliatoi ginevrini e vallesani. La partita è poi ripresa con un quarto d'ora di ritardo sulle altre.

Lugano rimaneggiato e vincente

Il Lugano, come detto, ha agguantato il quinto posto finale grazie al tre punti ottenuti alla Maladière. Un successo giunto nonostante Maurizio Jacobacci abbia pesantemente messo mano alla rosa, dando spazio a coloro che fino a oggi avevano avuto meno possibilità di mettersi in mostra. Con Baumann e Lovric squalificati, Covilo, Holender, Yao, Pavlovic infortunati e Maric, Lavanchy, Gerndt e Daprelà lasciati a riposo, in campo si è vista una squadra inedita, con le titolarizzazioni di Da Costa, Macek, Selasi e Untersee. Alla fine si può affermare che i bianconeri sono riusciti ad ottenere il massimo risultato con il minimo sforzo. Sì, perché quasi mai sono stati capaci di proporsi in modo pericoloso dalle parti di Sinzig (esordio in Super League). Al contrario, sono stati i padroni di casa ad andare molto vicini al gol, in particolar modo con Kevin Dugourd, tre volte a un niente dal punto d'apertura tra il 32' e il 36'. Nella ripresa, poi, al 64' una fucilata dalla distanza di Mveng, abbassatasi improvvisamente, ha costretto Da Costa a deviare il pallone sulla traversa e da lì in corner. Al 72', però, il gol partita lo ha propiziato Jefferson con un centro dalla sinistra sul quale Sinzig è andato in anticipo su Janga: il pallone è schizzato sui piedi di Lungoyi che non si è fatto pregare per insaccare.

Sul piano personale, da segnalare la buona prestazione di Custodio al centro della difesa al fianco di Kecskes, quella di Guidotti in mezzo al campo (ancora una volta tecnica e visione di gioco non gli hanno fatto difetto), mentre Janga ha chiuso i suoi sei mesi in bianconero senza reti e anche a Neuchâtel al 78' ha sbagliato una facile deviazione tutto solo davanti a Sinzig. Il Lugano chiude dunque la stagione come meglio non poteva, infilando l'11ª vittoria stagionale e l'11º risultato utile dalla ripresa post Covid-19.

CALCIO: Risultati e classifiche

CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Tennis
10 ore
Due svizzeri su tre avanzano a Parigi
Henri Laaksonen e Leonie Küng hanno superato rispettivamente il secondo e il primo turno delle qualificazioni del Roland Garros. Eliminata Viktorija Golubic
Gallery
Pallamano
12 ore
Giornata storica per la pallamano ticinese
Per la prima volta una squadra rossoblù ha partecipato a Kriens a un torneo nazionale organizzato da Swiss Handball
CICLISMO
13 ore
Da Marcello a Michael, la Nazionale cambia Albasini
Alla vigilia dei Mondiali di Imola Swiss Cycling annuncia che dal 2021 il diesse rossocrociato sarà 'Michi'. Un anno 'sabbatico' per Bertogliati
Nuoto
14 ore
Jérémy Desplanches: ‘Testa bassa e pedalare’
Il ginevrino campione europeo dei 200 misti di stanza a Lione scalpita, ma l'obiettivo sono i Giochi: 'Lavoro per le Olimpiadi, ma intanto le gare mi mancano’
CICLISMO
14 ore
Gasparotto, esordio iridato a 38 anni
Nato in Friuli ma snobbato dalla Nazionale azzurra, ticinese d'adozione e da novembre svizzero a tutti gli effetti, a Imola sarà il 'capitaine de route'
Formula 1
16 ore
Domenicali assumerà il controllo della Formula 1
L'ex team principal della Ferrari e amministratore delegato della Lamborghini subentrerà a Chase Carey, in sella dal 2017
Hockey
19 ore
Lugano, la flessibilità fa rima con pazienza
A una settimana dal via i bianconeri si tolgono il velo, con un mercato di peso nonostante il budget Covid. 'Ma è troppo presto per capire dove siamo'
Calcio femminile
1 gior
La Svizzera supera il Belgio e fa un passo verso l'Europeo
A Thun le rossocrociate si impongono 2-1 e scalzano le avversarie di serata dal primo posto del gruppo H delle qualificazioni per la rassegna continentale 2022
Hockey
1 gior
L'Ambrì deve sudare ma torna al successo
Dopo cinque sconfitte consecutive nelle amichevoli pre-campionato i leventinesi superano 2-1 in trasferta l'Olten, compagine della serie cadetta
Calcio
1 gior
Esame-farsa di Suarez, la Juventus non è indagata
Secondo l’inchiesta il test del calciatore uruguaiano per ottenere la cittadinanza italiana è stato superato con una truffa: argomenti concordati preventivamente
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile