laRegione
la-fifa-ribadisce-infondate-le-accuse-contro-infantino
CALCIO
03.08.20 - 18:290

La Fifa ribadisce: infondate le accuse contro Infantino

Caso Lauber: 'Sarebbe meglio occuparsi dei vecchi casi con sospetti ben più gravi', ha affermato in una conferenza stampa il vice segretario Alasdair Bell

I vertici della FIFA hanno ribadito oggi in una videoconferenza le critiche per il procedimento penale aperto nei confronti del suo presidente Gianni Infantino. L'inchiesta si concentra sui temi sbagliati e non è escluso che dietro ad essa si celi un complotto fra alti funzionari del calcio mondiale. «Sarebbe più importante occuparsi prima dei vecchi casi con gravi sospetti piuttosto che dell'incontro di Infantino con il capo del Ministero pubblico della Confederazione (Mpc)», ha dichiarato il vice segretario generale della Fifa, Alasdair Bell, nella videoconferenza trasmessa dalla Scozia.

Bell non ha escluso la possibilità che le accuse contro Infantino siano originate da una cospirazione di funzionari del calcio mondiale. «Sono successe cose strane –, ha detto l'avvocato, senza essere più preciso –. Ci sono amici e ci sono rivali. Una caduta di Infantino potrebbe essere nell'interesse di alcune persone». Giovedì scorso il procuratore federale straordinario Stefan Keller aveva avviato un procedimento penale contro Infantino in relazione agli incontri avuti con il dimissionario procuratore generale della Confederazione Michael Lauber. L'accusa è in particolare di istigazione ad abuso d'autorità. L'inchiesta è diretta anche contro il procuratore dell'Alto Vallese Rinaldo Arnold, che pure avrebbe partecipato al primo incontro tra Infantino e Lauber. Keller ha inoltre chiesto la revoca dell'immunità del capo dell'Mpc.

'Nessuna prova sufficiente'

La Fifa ha risposto ieri per la prima volta alle accuse, sostenendo in una nota che il procuratore straordinario Keller non ha fornito «né sufficienti indizi, né una base legale chiara e giustificabile per l'apertura di un procedimento». I controversi incontri con Michael Lauber non erano segreti e Infantino non avrebbe violato né il diritto svizzero, né il regolamento della Fifa. Trovarsi in alberghi e ristoranti – si legge ancora nella nota – è stato un desiderio del Ministero pubblico della Confederazione.

Bell ha ribadito oggi che Infantino non è colpevole di alcun reato e che la Fifa farà tutto il possibile per «portare alla luce la verità». Gli incontri sono serviti a scambiare informazioni e ad esprimere la volontà della nuova dirigenza a cooperare con le autorità nel chiarimento delle irregolarità precedenti alla nomina di Gianni Infantino alla presidenza della Federazione internazionale di calcio. Né Lauber, né Infantino, secondo le loro stesse dichiarazioni, hanno registrazioni dei loro incontri avuti in alberghi e ristoranti. Entrambi presumibilmente non si ricordano del terzo incontro. Il vice segretario generale non ha peraltro voluto fornire una risposta concreta sulla possibilità che, in seguito a questo caso, la Fifa possa ritirare la sua sede da Zurigo e della Svizzera. Tutto questo «non è molto incoraggiante», si è limitato a dire.

CALCIO: Risultati e classifiche

CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Tennis
10 ore
Due svizzeri su tre avanzano a Parigi
Henri Laaksonen e Leonie Küng hanno superato rispettivamente il secondo e il primo turno delle qualificazioni del Roland Garros. Eliminata Viktorija Golubic
Gallery
Pallamano
12 ore
Giornata storica per la pallamano ticinese
Per la prima volta una squadra rossoblù ha partecipato a Kriens a un torneo nazionale organizzato da Swiss Handball
CICLISMO
13 ore
Da Marcello a Michael, la Nazionale cambia Albasini
Alla vigilia dei Mondiali di Imola Swiss Cycling annuncia che dal 2021 il diesse rossocrociato sarà 'Michi'. Un anno 'sabbatico' per Bertogliati
Nuoto
14 ore
Jérémy Desplanches: ‘Testa bassa e pedalare’
Il ginevrino campione europeo dei 200 misti di stanza a Lione scalpita, ma l'obiettivo sono i Giochi: 'Lavoro per le Olimpiadi, ma intanto le gare mi mancano’
CICLISMO
14 ore
Gasparotto, esordio iridato a 38 anni
Nato in Friuli ma snobbato dalla Nazionale azzurra, ticinese d'adozione e da novembre svizzero a tutti gli effetti, a Imola sarà il 'capitaine de route'
Formula 1
16 ore
Domenicali assumerà il controllo della Formula 1
L'ex team principal della Ferrari e amministratore delegato della Lamborghini subentrerà a Chase Carey, in sella dal 2017
Hockey
19 ore
Lugano, la flessibilità fa rima con pazienza
A una settimana dal via i bianconeri si tolgono il velo, con un mercato di peso nonostante il budget Covid. 'Ma è troppo presto per capire dove siamo'
Calcio femminile
1 gior
La Svizzera supera il Belgio e fa un passo verso l'Europeo
A Thun le rossocrociate si impongono 2-1 e scalzano le avversarie di serata dal primo posto del gruppo H delle qualificazioni per la rassegna continentale 2022
Hockey
1 gior
L'Ambrì deve sudare ma torna al successo
Dopo cinque sconfitte consecutive nelle amichevoli pre-campionato i leventinesi superano 2-1 in trasferta l'Olten, compagine della serie cadetta
Calcio
1 gior
Esame-farsa di Suarez, la Juventus non è indagata
Secondo l’inchiesta il test del calciatore uruguaiano per ottenere la cittadinanza italiana è stato superato con una truffa: argomenti concordati preventivamente
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile