laRegione
Calcio
29.06.20 - 13:430

Lugano, ko evitabile ma senza ripercussioni in classifica

Prima sconfitta dopo la ripresa per i bianconeri, battuti 1-0 dallo Zurigo (colpo di testa del ticinese). Palo di Yao al 28', traversa di Sabbatini al 67'

L'obiettivo delle prime tre partite erano 5 punti, ne sono arrivati 4. Tutto sommato non male, il bilancio del Lugano dopo tre esami, alla vigilia del trittico con le prime tre della classe. Al Letzigrund contro lo Zurigo è maturata la prima sconfitta dalla ripresa. Decisivo il colpo di testa del ticinese Marchesano al 73' di un incontro decollato nella ripresa dopo un primo tempo segnato solo da un'occasione per parte. A proposito di opportunità da rete, i padroni di casa ne hanno collezionate di più, ma le quattro sul conto della formazione di Jacobacci sono clamorose (palo di Yao, traversa di Sabbatini, salvataggio sulla linea di porta e tiro al volo fiacco di Holender da due passi). Come dire che, con un pizzico di decisione in più sotto porta, il Lugano avrebbe anche potuto evitare un passaggio a vuoto che in chiave classifica non ha però ripercussioni negative, in virtù delle contemporanee sconfitte di Sion (24 punti), Xamax e Thun (22) che lasciano le più serie candidate alla retrocessione a 6 rispettivamente 8 punti di distanza dai ragazzi di mister Jacobacci, attesi mercoledì a Cornaredo dal Basilea che ha faticato non poco a mettere sotto il citato Sion.

Sabbatini: 'Maggiore concretezza in avanti'

«Non abbiamo giocato una grandissima partita - ha ammesso capitan Sabbatini sul sito ufficiale del club - ma con le occasioni che abbiamo avuto c’è sicuramente dispiacere, perché erano davvero nitide».

A inizio ripresa la squadra è sembrata in leggero affanno. «Siamo stati un po’ sorpresi, forse non siamo stati in grado di leggere nel modo migliore la partita. Avremmo dovuto gestire meglio palla e gioco, abbassando il ritmo. Ne siamo capaci, nel primo tempo lo abbiamo fatto».

Mercoledì il Basilea, poi Young Boys e San Gallo. «Sono squadre importanti, ma noi siamo allo stesso livello. Dobbiamo giocare come sappiamo, senza perdere la nostra identità. Basta essere concreti, come contro il Lucerna si è visto chiaramente. Pronti a colpire, non appena possiamo: è questo il Lugano che gli altri devono vedere».

Un'occasione per parte nei primi 45'

Un'occasione per parte nel corso di un primo tempo giocato a ritmi non irresistibili. Molto ghiotta quella di Kramer nelle fasi d'apertura (alto sopra la traversa il piattone da pochi passi, imbeccato da Marchesano), clamoroso il palo colto da Yao al 28', culmine di una sua iniziativa personale insistita, chiusa appunto con il montante pieno colto dall'ivoriano da posizione ravvicinata e defilata.

Ripresa più avvincente: traversa di Sabbatini, Holender spreca

Più pimpanti i padroni di casa in una ripresa aperta da un'occasione favorevole sul conto di Marchesano (il ticinese non trova l'impatto giusto con il pallone). I primi venti minuti sono di sofferenza, per gli ospiti: Tosin di testa impegna Baumann a terra, poi il portiere si lascia sfuggire la palla, ma Schönbächler non trova il tap-in (sbroglia Lavanchy). Marchesano tira in modo fiacco da posizione centrale, prima che Yao perda un pallone a fondo campo e regali l'ennesima opportunità allo Zurigo, graziato dalla traversa colta in rottura da capitan Sabbatini (67'), in quella che è la seconda enorme occasione per sbloccare il risultato sul conto di una squadra bianconera comunque in sofferenza e punita al 73' dal colpo di testa di Marchesano - protagonista assoluto della ripresa - sugli sviluppi di un calcio d'angolo.

Pronta la reazione del Lugano: Yao conclude a botta sicura ma sulla linea di porta respinge con la testa Omeragic, sostituitosi al portiere Brecher e costretto ad abbandonare il campo, intontito. Sul conto del subentrato Holender un'opportunità molto ghiotta, ma l'ungherese inspiegabilmente ha calciato a volo e di piatto invece di controllare la sfera e spedirla alle spalle di Brecher. Di Maric l'ultimo squillo della squadra di Jacobacci.

CALCIO: Risultati e classifiche

Guarda le 3 immagini
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Calcio
8 ore
Riecco il Covid sui campi svizzeri: Babic positivo
Il calciatore del San Gallo si era recato in Serbia a metà giugno per motivi famigliari. Asintomatico, dovrà sottostare a due settimane di autoisolamento
GALLERY
Calcio
8 ore
Guidotti: 'Il mister mi ha detto di stare tranquillo...'
Vent'anni dopo il Lugano torna a battere il Basilea a Cornaredo, con il 21enne ticinese piacevole sorpresa. Jacobacci: 'Ha perso un pallone in 45 minuti'
Hockey
10 ore
Playoff Nhl, in 'pole' ci sono Toronto ed Edmonton
Piano canadese per la fase decisiva della stagione dopo l'incremento dei contagi negli States. Ma serve l'ok dei giocatori, che premono per tornare ai Giochi
CALCIO
11 ore
Il Lugano vola con Gerndt e Holender
I bianconeri superano a Cornaredo il Basilea con le reti dei due attaccanti entrati nel corso della ripresa. Importante passo avanti verso la salvezza
Calcio
11 ore
Chiasso costretto alla resa anche a Kriens
Al Kleinfeld i rossoblù di Lupi rovinano tutto già in entrata, incassando due gol nei primi 10'. Di Alexis Antunes, nell'epilogo, l'unica rete ticinese
OLIMPIADI
13 ore
Giochi della Gioventù, anche le casse sorridono
L'edizione vodese delle Olimpiadi giovanili ha realizzato un utile di 400 mila franchi. Superando quota 150 milioni di telespettatori a livello mondiale
Calcio
14 ore
Florida, altri quattro positivi a una settimana dal via
È l'esito dei nuovi test a Orlando, dove l'8 luglio dovrebbe ripartire (in modalità clausura) la Major League. Ma nello Stato i ricoveri sono centinaia
Calcio
14 ore
Bottani titolare al posto di Gerndt
Tra meno di un'ora il Lugano scenderà in campo a Coranerdo per affrontare il Basilea
Hockey
15 ore
Landry e McNamara alla guida dei Ticino Rockets
A Biasca si volta pagina anche in panchina: dopo Alex Reinhard a guidare i rivieraschi ci sarà una coppia di coach canadesi ben nota al pubblico ticinese
Calcio
16 ore
Il Covid contagia anche il Wigan: depositati i bilanci
La squadra inglese in cui giocò Stéphane Henchoz in amministrazione controllata per una crisi iniziata da anni e aggravata dal Virus. Futuro a rischio
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile