laRegione
02.03.20 - 16:51
Aggiornamento: 18:11

Il coronavirus ferma anche il calcio, campionati sospesi

I 20 club di Sfl hanno scelto di non giocare (per ora) a porte chiuse: rinviati il 25°, 26° e 27° turno, data limite per la ripresa il 5 aprile. Se ne riparlerà il 13 marzo

il-coronavirus-ferma-anche-il-calcio-campionati-sospesi

Dopo l'hockey (playoff e playout di National League non inizieranno prima del 15 marzo) anche il calcio svizzero si ferma a causa del coronavirus. O meglio rimane fermo, visto che già nello scorso weekend tutte le partite del 24esimo turno di Super e Challenge League erano state rinviate in seguito al divieto (per il momento sino appunto al 15 marzo) imposto dal Consiglio Federale a tutti gli eventi pubblici con oltre un migliaio di partecipanti.

Tutto fermo almeno fino al 15 marzo

Riunitisi oggi a Berna in un'assemblea straordinaria, i 20 club di Swiss Football League (tra cui Fc Lugano e Fc Chiasso) hanno deciso che senza pubblico non vogliono giocare e di conseguenza hanno scelto di sospendere i campionati. Una scelta quasi obbligata considerando che per le società di calcio elvetiche gli incassi degli incontri casalinghi rappresentano in media tra il 30 (un po’ meno per quelle con meno pubblico, tra cui i bianconeri) e il 40 per cento delle entrate stagionali e sulla quale i club torneranno a chinarsi il 13 marzo in un’assemblea straordinaria già prevista per discutere dell’eventuale allargamento della massima serie da 10 a 12 squadre. Proprio alla luce di questo e per evitare partite a porte chiuse, le società hanno deciso di posticipare il più possibile la ripresa delle ostilità, che non dovrebbe avvenire prima del 23 marzo, con il conseguente rinvio già certo del 25esimo (Lugano-Lucerna in Super League e Sciaffusa-Chiasso in Challenge per quel che riguarda le ticinesi), del 26esimo (Zurigo-Lugano e Chiasso-Aarau) e del 27° (Lugano-Basilea e Kriens-Chiasso) turno di campionato.

No alle porte chiuse, data limite il 5 aprile

Poi, molto dipenderà dall’evoluzione della situazione sanitaria, con la speranza di poter riprendere a giocare davanti al pubblico il prima possibile ma anche la consapevolezza che questo non è per nulla scontato: in tal senso la data limite individuata durante l’assemblea per poter riuscire a svolgere tutte le partite a porte aperte prima dell’inizio degli Europei (al via il 12 luglio, virus permettendo) e in maniera piuttosto regolare (giocando circa ogni 4 giorni) è quella del 5 aprile, mentre un secondo scenario prevede addirittura di comprimere tutti i match a partire dal 18 dello stesso mese, anche se questo vorrebbe dire dover scendere in campo quasi ogni due giorni. Nella sciagurata ipotesi che lo stop agli eventi con oltre mille persone coinvolte dovesse protrarsi oltre tale data, a quel punto i club sarebbero costretti a cedere e a disputare le partite senza spettatori, in quanto l’ipotesi di non concludere la stagione (così come quella di andare oltre gli Europei) sono state scartate. Per ora.

Leggi anche:

Rinviato a data da stabilire l'inizio di playoff e playout

Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
il dopopartita
11 ore
È un Lugano poco cinico: ‘Abbiamo fatto tutto da soli’
A Bienne i bianconeri partono bene ma poi calano. Gianinazzi: ‘È mancata concretezza, ma a volte bisogna accettare che le partite girino in questo modo’.
il dopopartita
11 ore
I due volti dell’Ambrì: ‘Vinto con le nostre forze e col gruppo’
Successo biancoblù con il Rappi nonostante le assenze e il brutto inizio. Mentre si avvicina la Spengler: ‘Atmosfera che non vediamo l’ora di rivivere’.
Qatar 2022
13 ore
Tre gol al Senegal, l’Inghilterra brinda ai quarti
Dopo mezz’ora di difficoltà, la selezoine dei Tre Leoni sblocca la partita e poi tira dritta per la propria strada, mentre gli africani sparicono di scena
Sci
15 ore
La domenica incorona Corine Suter. Per due centesimi
Terza gara nel weekend canadese, terzo podio per la ventottenne svittese. Poca fortuna invece per Lara, fuori dai giochi proprio mentre stava spingendo
Sci
16 ore
Il duello Kilde-Odermatt va di nuovo al norvegese
Nel SuperG di Beaver Creek i due sono separati da 20 centesimi. Terzo a 30 centesimi Pinturault, buon quarto Gino Caviezel.
Basket
16 ore
La Sam e un weekend che è un bell’affare
Spinelli sempre più leader, con quattro punti di margine grazie alla sconfitta del Vevey a opera del Boncourt. Il Lugano, invece, s’arrende a Ginevra
QATAR 2020
16 ore
Mbappé incontenibile, la Francia annienta la Polonia
Doppietta per il fenomeno del Psg, ma la selezione di Deschamps concede troppe occasioni a una Polonia finalmente propositiva
Volley
17 ore
Düdingen troppo forte, luganesi costrette alla resa
Dopo sette vittorie filate le bianconere cadono in casa propria, con le friborghesi che chiudono il match vincendo tutti e tre i set
Ciclismo
17 ore
Ciclocross, ad Anversa domina Van der Poel
All’esordio in Coppa del mondo l’attesissimo belga Wout van Aert si deve arrendere allo strapotere dell’olandese
Formula 1
19 ore
Il Circus piange la morte di Patrick Tambay
Ex pilota parigino di Ferrari, McLaren e Renault soffriva da tempo del morbo di Parkinson. Nel 1982 vinse il suo primo Gp, dedicandolo a Gilles Villeneuve
© Regiopress, All rights reserved