laRegione
CICLISMO
03.11.22 - 13:54
Aggiornamento: 14:24

Il Tas dà torto a Quintana, il tramadolo è pericoloso

Il colombiano si era appellato contro la squalifica all’ultimo Tour de France. L’Ama metterà fuori norma la sostanza nel 2024, l’Uci lo ha fatto nel 2019

il-tas-da-torto-a-quintana-il-tramadolo-e-pericoloso

Il Tribunale arbitrale dello sport (Tas) ha respinto il ricorso di Nairo Quintana contro la sua squalifica all’ultimo Tour de France. Una decisione presa sulla base dell’uso di un antidolorifico vietato dalle norme mediche.

Secondo il comunicato, il tribunale sportivo ha ritenuto che la presenza di tramadolo nel sangue del 32enne scalatore colombiano, classificatosi sesto nella generale del Tour, fosse sufficiente a giustificare la sanzione inflitta dall’Uci il 17 agosto.

Tanto più che l’Uci ha agito "per motivi medici e non per ragioni legate al doping", e quindi nell’ambito del suo "potere e competenza disciplinare", secondo il Tas, al quale Quintana si era appellato a inizio settembre.

L’ente ciclistico aveva squalificato il corridore e lo aveva multato di 5’000 franchi dopo aver analizzato due campioni di sangue secco prelevati l’8 luglio (settima tappa) e il 13 luglio (undicesima tappa), i quali rilevavano la presenza di questo prodotto che è al centro di dibattiti scientifici ed etici nel mondo dello sport.

Il tramadolo, un oppiaceo sintetico, è stato a lungo "sotto sorveglianza" da parte dell’Agenzia mondiale antidoping (Ama) senza comparire nell’elenco delle sostanze proibite, il che ha vietato alle federazioni sportive di includerlo nei loro regolamenti antidoping.

Il 23 settembre, l’Ama ha infine deciso di vietarlo da tutte le competizioni a partire dal 2024, citando gli studi che dimostrano i suoi effetti sulle prestazioni fisiche, nonché i rischi significativi di dipendenza. Ma l’Uci, notando l’uso particolarmente diffuso di questo prodotto nel ciclismo – tra i campioni di urina positivi al tramadolo prelevati nel 2017 in 35 sport olimpici, il 68% riguardava le due ruote –, lo ha vietato all’inizio del 2019 attraverso il suo regolamento medico.

L’organismo mondiale del ciclismo ha citato due rischi, la "dipendenza progressiva" e soprattutto la sonnolenza e la perdita di attenzione, "che aumentano il rischio di cadute durante le gare", a maggior ragione in plotoni sempre più nervosi.

In un comunicato, l’Uci ha accolto con favore la decisione del Tas, affermando che essa "rafforza la validità del divieto del tramadolo per proteggere la salute e la sicurezza dei corridori".

Il giorno dopo la squalifica, Nairo Quintana ha annunciato che non avrebbe partecipato al Giro di Spagna, spiegando di non avere "la testa o il corpo per competere".

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
MOUNTAIN BIKE
13 ore
Nel 2023 per Filippo Colombo soffia un vento di novità
Il biker ticinese ha cambiato squadra (è passato alla Scott) e con la Q36.5 vuole intensificare l’attività su strada. ‘Ma punto a Cdm e Mondiali di mtb’
hockey
15 ore
Anche un po’ di Ticino alla finale di Champions League
Il linesman Eric Cattaneo selezionato per arbitrare Luleå-Tappara Tampere il prossimo 18 febbraio. Con lui Stolc e due tedeschi
Basket
15 ore
Ufficiale, Sefolosha a Vevey
Il primo svizzero ad aver giocato nella Nba torna a 38 anni nel club con cui aveva esordito
tennis
17 ore
Australian Open, continua la marcia di Aryna Sabalenka
La bielorussa accede alla finale di Melbourne dopo aver eliminato in due set 7-6 6-2 la polacca Magda Linette. Ora affronterà la kazaka Rybakina
Tennis
19 ore
Elena Rybakina prima finalista degli Australian Open
La kazaka ha eliminato in due set (7-6, 6-3) la bielorussa Viktoria Azarenka
Calcio
22 ore
Abramovich, Todd Boehly e il calciomercato del Chelsea
Il nuovo padrone dei Blues, dopo aver fatto piazza pulita dello staff, ha adottato un’innovativa e azzardata politica di ingaggio dei giocatori
COSE DELL'ALTRO MONDO
23 ore
Il sogno prosegue, Mr. Irrelevant non si vuole più svegliare
Brock Purdy ha vinto l’undicesima partita consecutiva, portando San Francisco alla finale della Nfc. A Kansas City brividi per l’infortunio a Pat Mahomes
Sci
1 gior
A Schladming arriva il gran giorno di Loïc Meillard
Il 26enne di Hérémence conquista infine il primo trionfo in gigante, lasciandosi alle spalle il grigionese Gino Caviezel in un mercoledì da incorniciare
SPORT
1 gior
Discriminazione nello sport, Berna scende in campo
Etica e competizione, il Consiglio federale vara un pacchetto di misure volte a rafforzare, in particolare, la protezione dei giovani atleti
Sci
1 gior
Prosegue il dominio di Mikaela Shiffrin
La statunitense fa suo anche il secondo Gigante di Plan de Corones, solo Mowinckel sta sotto al secondo di ritardo. Gut-Behrami quinta in crescendo
© Regiopress, All rights reserved