laRegione
CICLISMO
07.10.22 - 14:11

Giro di Lombardia, l’ultima passerella di Nibali e Valverde

Sabato pomeriggio a Como l’italiano e lo spagnolo metteranno fine a una carriera durata un ventennio. Pogacar alla caccia del bis

giro-di-lombardia-l-ultima-passerella-di-nibali-e-valverde

Da una parte due volte il Giro d’Italia (2013, 2016), un Tour de France (2014), una Vuelta a España (2010), due Lombardia (2015, 2017) e una Sanremo (2018); dall’altra una Vuelta (2009), un Mondiale (2018), cinque volte la Freccia vallona e quattro la Liegi-Bastogne-Liegi. Su un fronte 54 successi complessivi, sull’altro addirittura 133. Quando sabato pomeriggio taglieranno il traguardo di Como, il ciclismo perderà un pezzo di storia degli ultimi vent’anni. La 116ª edizione della Classica delle foglie morte, il quinto Monumento stagionale, rappresenterà l’ultimo capitolo delle straordinarie carriere di due ciclisti capaci di lasciare la loro firma nell’albo d’oro della storia di questo sport: Vincenzo Nibali e Alejandro Valverde. In un ciclismo che dalla pandemia in poi ha conosciuto un importante ricambio generazionale, l’italiano (38 anni) e lo spagnolo (42) hanno deciso di lasciare spazio ai giovani, dopo rispettivamente 18 e 21 stagioni da professionisti. Per quasi due decenni, Nibali e Valverde sono stati le figure di riferimento del ciclismo italiano, rispettivamente spagnolo e le loro innumerevoli vittorie li hanno resi tra i corridori più importanti della storia. Lo Squalo di Messina, ad esempio, è uno dei sette corridori capaci di vincere almeno una volta la classifica generale delle tre principali corse a tappe, così come l’Embatido (soprannome che gli fu affibbiato quando tra gli 11 e i 14 anni vinse 50 corse consecutive) è stato protagonista assoluto in tutte quelle di un giorno. Sì, perché al di là dei trionfi nella Doyenne o sul Mur de Huy, nel Mondiale, la corsa di un giorno più importante in assoluto, oltre al titolo iridato conquistato a Innsbruck (alla veneranda età di 38 anni) il muriciano vanta pure due argenti (Hamilton 2003 e Madrid 2005) e quattro bronzi, collezionati nel 2006 a Salisburgo e poi in bella sequenza dal 2012 al 2014 in Limburgo, in Toscana e a Ponferrada. Ed è riuscito a rimanere sulla breccia fino all’ultimo colpo di pedale, come dimostra il terzo posto conquistato mercoledì nella Tre valli varesine... «A volte mi dico che potrei ancora continuare, ma la decisione è stata presa e non torno più indietro – ha affermato –. Preferisco ritirarmi ora che sono ancora competitivo e lasciare un bel ricordo ai miei tifosi. So che il ciclismo mi mancherà, ma non mi dimenticherò mai della bicicletta».

Sia Nibali, che il Lombardia lo ha vinto, sia Valverde, tre volte secondo (2013, 2014, 2019), puntano a un’ultima giornata di gloria... «Io e Alejandro ci avviciniamo al Giro di Lombardia con il desiderio di lasciare il segno. Sappiamo che sarà difficile, ma vogliamo provarci», ha affermato Nibali. Non sarà però facile resistere per 253 km a una nuova generazione che non ha intenzione alcuna di concedere ai due "vecchietti" un ultimo giorno di gloria. La partenza verrà data da Bergamo e prima di giungere a Como i corridori dovranno superare il Forcellino di Bianzano (6,3 km al 5%), il Passo di Ganda (9,3 km al 7%), il Passo della Crocetta a Dossena (5,5 al 4,9%), la Forcella di Bura (18,8 al 2,5%) e il Colle di Berbenno (4,4 al 6,3%). A quel punto la corsa sarà a metà strada, ma la parte più impegnativa inizierà a 70 km dal traguardo: Madonna del Ghisallo (8,7 km con pendenze fino al 14%), San Fermo della Battaglia (2,7 km, punte del 10%), Civiglio (4,2 km al 9,7%) e ancora San Fermo della Battaglia porteranno i superstiti all’arrivo.

I favoriti? Su tutti Tadej Pogacar, campione uscente. Lo sloveno ritroverà sulla sua strada il danese Jonas Vingegaard dopo la battaglia al TdF. Occhio anche allo spagnolo Enric Mas. Senza dimenticare i francesi Bardet e Alaphilippe, lo sloveno Mohoric. Ma in riva al Lario, tutti gli occhi saranno puntati, un’ultima volta, su Vincenzo Nibali e Alejandro Valverde.

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
TIRI LIBERI
2 ore
Hervé Coudray, il nuovo factotum del basket elvetico
Il francese è stato nominato responsabile tecnico nazionale. Possiede un importante curriculum nella formazione e una filosofia che si ispira agli Usa
Calcio
3 ore
Gianluca Ferrero nuovo presidente della Juve
L’uomo d’affari 59enne scelto dall’azionista principale per succedere ad Andrea Agnelli
Formula 1
5 ore
Mattia Binotto si è ufficialmente dimesso dalla Scuderia Ferrari
Il Team Principal lascerà il suo ruolo il 31 dicembre. ‘Giusto compiere questo passo, per quanto sia stata per me una decisione difficile’
Qatar 2022
7 ore
L’ombra delle minacce alle famiglie dei giocatori dell’Iran
La Cnn cita una fonte della sicurezza interna: decine di Pasdaran in Qatar per controllare i giocatori ed evitare proteste e contatti con stranieri
atletica
9 ore
Del Ponte si opera ‘per evitare questo infortunio in futuro’
La ticinese è vittima di una frattura da stress. Coach Meuwly detta i tempi di recupero: ‘Allenamento a pieno regime da metà marzo, gare in estate’,
SERIE A
16 ore
Il CdA della Juve si è dimesso in blocco: lascia anche Agnelli
Il dirigente 46enne saluta il club bianconero dopo più di dodici anni: decisive le contestazioni sulle plusvalenze.
Qatar 2022
17 ore
La doppietta di Bruno Fernandes porta il Portogallo agli ottavi
Ottima prestazione che si meritano a pieno merito i tre punti con l’Uruguay, dopo la Corea ci sarà la seconda classificata del girone della Svizzera
volley
17 ore
Bellinzona chiaramente sconfitto dal Therwil
Le basilesi passano all’Arti e Mestieri con un secco 3-0. Valentina Mirandi: ‘Ci siamo fatte sopraffare dalle difficoltà’.
Qatar 2022
18 ore
Yakin: ‘Col Brasile serviva più coraggio’
Freuler: ‘Sapevamo che la gara decisiva sarebbe stata quella coi serbi’
volley
18 ore
Sesta vittoria consecutiva per il Lugano
Kanti Sciaffusa sconfitto al tie break, dopo aver sprecato un match point nel quarto set. Bianconere sempre terze in classifica.
© Regiopress, All rights reserved