laRegione
GCK Lions
5
Olten
6
fine
(2-0 : 1-4 : 2-1 : 0-0 : 0-1)
TIRI LIBERI
27.09.22 - 16:56
Aggiornamento: 17:54

L’estate del basket, dagli Europei alle dimissioni arbitrali

Il prossimo weekend riparte il campionato svizzero per voli che si spera non siano pindarici. Facciamoci sorprendere

di Dario ‘Mec’ Bernasconi
l-estate-del-basket-dagli-europei-alle-dimissioni-arbitrali

Sabato riparte il campionato di basket e allora chiediamoci cosa troviamo di nuovo in questo inizio di stagione. Facciamo prima un passo indietro, tanto per fare un riepilogo e situarci al meglio prima del via. Abbiamo avuto un Europeo di grande livello agonistico e qualitativo: la presenza di giocatori dell’Nba del calibro degli Antetokounmpo, da Giannis in giù, di Doncic a di una decina di altri, ha elevato il livello delle squadre europee. Giocatori che nei prossimi mesi non vedremo nelle finestre autunnali e invernali di qualificazione ai prossimi Europei, perché dalla Nba nessuno si schioda durante la stagione. Però abbiamo visto trionfare la Spagna contro la Francia in finale, una Spagna rinnovata per nove dodicesimi, che ha vinto col collettivo. I fenomeni sono importanti, la squadra di più, questo il messaggio degli uomini di Scariolo, ed è un bel messaggio. Durante l’estate abbiamo avuto anche le gare della Nazionale contro Austria e Serbia in attesa di giocare contro la Polonia, quarta agli Europei, in novembre. Due gare, una vinta e una persa, nelle quali si sono visti i grossi limiti del nostro mondo cestistico, sia in campo sia a livello dirigenziale: in campo perché non abbiamo giocatori in grado di occupare ruoli importanti di peso e tecnica, un centro e un quattro, dirigenziale perché quando si permette ai giocatori di snobbare la Nazionale senza sanzionarli, si dimostra quanto poco peso si abbia a livello istituzionale. Lo si farà a novembre, dicono in Swissbasket: vedremo, ma per ora nessuna presa di posizione ufficiale.

Altro mini terremoto estivo è stata l’"epurazione" nel settore arbitrale, con non poche "dimissioni" di arbitri che andavano per la maggiore: Marmy, Pillet ed Herbert, tutti internazionali, oltre a Curty, mentre il "principe degli arbitri", l’unico che arbitra in Eurolega, Clivaz, lascia quale responsabile della formazione ed è prossimo a lasciare pure lui. Tutti malcontenti o quasi, secondo le interviste di François Rossier su "La Liberté" del 23 agosto scorso. Nell’intervista Eric Lehmann, nuovo presidente, è tranquillo: "In termini d’immagine, la partenza di arbitri Fiba è una catastrofe, ma è la conseguenza della gestione precedente. Promuoveremo dei giovani motivati..."

Argomento sul quale avremo modo di tornare, ma, va pur detto, delle magagne in questo ambito ne avevamo parlato più volte negli scorsi… lustri, per non dire decenni.

Ora, cari lettori, se dopo le prime righe, vi aspettavate delle novità, sarete delusi. Si marcia sul posto o, forse, a mo’ di gambero. Sarà la stagione a illuminarci e a portarci nell’Eden del basket? Qualche dubbio (eufemismo) c’è, ma facciamoci sorprendere. In fondo l’uomo sta provando a tornare sulla luna e allora perché il nostro basket non dovrebbe fare voli impensabili, purché… non pindarici?

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
HOCKEY
1 ora
Uno sterile Lugano cade a Bienne
Alla Tissot Arena i bianconeri dominano il primo tempo ma non pungono. Alla distanza escono i bernesi, capaci di sfruttare le occasioni e poi amministrare
SCI ALPINO
1 ora
A Lake Louise Sofia Goggia concede il bis
Dopo la vittoria di venerdì, l’italiana si è ripetuta. Terzo posto per Corinne Suter a 37 centesimi dalla vincitrice. Tredicesima Lara Gut-Behrami
QATAR 2022
1 ora
L’Argentina scherza con il fuoco, ma alla fine sorride
Messi e compagni fanno poco per superare l’Australia e all’ultimo secondo Kuol potrebbe mandare tutti ai supplementari
hockey
1 ora
Con gli uomini contati, ma con il cuore l’Ambrì vince
I leventinesi interrompono contro il Rapperswil la striscia negativa, cambiando marcia dopo un primo tempo disastroso
SCI ALPINO
4 ore
Solo sei centesimi separano Kilde da Odermatt
Sulla Bird of Prey di Beaver Creek la vittoria è andata al norvegese. Terzo posto per il canadese Crawford. Noni Feuz e Hintermann
QATAR 2022
5 ore
Olanda troppo quadrata, gli Stati Uniti si arrendono
Finisce 3-1 per gli Oranje il primo ottavo di finale dei Mondiali. Decisivo Dumfries con due assist e un gol
Bob
14 ore
Stavolta per Michael Vogt il podio c’è per davvero
Quarto una settimana prima a Whistler, a Park City lo svittese chiude al terzo rango la prova di Coppa del mondo di bob a due
i mondiali dal divano
18 ore
Questione di prospettiva
Il gol del Giappone, la festa dei tunisini eliminati, ma vittoriosi sulla Francia: la felicità, nel calcio e non, dipende da come guardiamo le cose
Qatar 2022
1 gior
Storico ma inutile successo del Camerun sul Brasile
Gli africani, nel finale di partita, trovano con Aboubakar il gol per battere la formazione delle riserve verdeoro
QATAR 2022
1 gior
Shaqiri, Embolo, Freuler, la Svizzera è agli ottavi
Superata la Serbia al termine di una partita ricca di emozioni. Rossocrociati superiori all’avversario, prestazione eccellente
© Regiopress, All rights reserved