laRegione
Marocco
0
Spagna
0
fine
(0-0 : 0-0 : 0-0 : 3-0)
GCK Lions
Langenthal
19:45
 
COSE DELL'ALTRO MONDO
27.09.22 - 16:57
Aggiornamento: 17:57

Non basta fare bene i compiti, Las Vegas ne sa qualcosa

Un’accurata programmazione può portare dall’altare alla polvere, ma i Raiders, nonostante Adams e Jones, rimangono la sola squadra senza vittorie

non-basta-fare-bene-i-compiti-las-vegas-ne-sa-qualcosa

Si è spesso detto come, grazie soprattutto al meccanismo del draft, la National Football League sia probabilmente il campionato più equilibrato a livello mondiale. Affermazione tanto più vera da quando si è sciolto il connubio Belichick-Brady che in vent’anni aveva portato sei Super Bowl a New England. Dopo appena tre giornate, sono solo due le squadre ancora a punteggio pieno: Philadelphia e Miami, entrambe compagini il cui nome – eccezion fatta per gli Eagles nella stagione 2017 – da troppo tempo nessuno associa più al Vince Lombardi Trophy. Con un’accurata programmazione e uno spiccato acume nelle scelte strategiche, nel giro di pochi anni è possibile passare dall’altare alla polvere: una strategia che nello sport europeo è troppo spesso misconosciuta. Poi, però, proprio perché i valori in campo sono così simili, anche chi è convinto di aver operato con saggezza e lungimiranza, alla prova dei fatti può ritrovarsi con in mano un pugno di mosche. È il caso di Las Vegas, alla terza stagione nel deserto del Nevada (ma con alle spalle l’esperienza vissuta tra Oakland e Los Angeles), la cui franchigia si ritrova, unica in tutta la lega, ancora ferma al palo. Eppure, sembrava che i compiti fossero stati svolti in maniera corretta. In particolare con l’acquisizione via trade di Davante Adams, uno dei migliori ricevitori della lega (8 stagioni a Green Bay con 8’000 yarde guadagnate, 5 selezioni al Pro Bowl), e Chandler Jones (linebacker da 107,5 sack in carriera). E invece sono arrivate tre sconfitte con un differenziale complessivo di appena 10 punti. La stagione, si usa dire in questi casi, non è che agli albori, ma in un campionato di sole 17 partite un record di 0-3 rappresenta la pietra tombale che sta per essere calata sulle speranze di playoff. Il futuro è ancora tutto da scrivere, ma per i Raiders la post season rischia di diventare un Everest da scalare in stile alpino.

Nel football si è spesso portati a parlare soprattutto delle prestazioni dei quarterback, i quali occupano un ruolo fondamentale nel successo di una franchigia. Ma nella Nfl nessuno vince da solo, nemmeno una leggenda: occorrono ricevitori, linea d’attacco e difesa all’altezza delle aspettative. Lo ha ricordato domenica proprio Tom Brady, sconfitto da Green Bay. Tampa Bay ha totalizzato la miseria (per un attacco guidato da TB12) di 12 punti. E non è un caso che il misero bottino sia stato ottenuto nel giorno in cui erano assenti i tre principali ricevitori: Goodwin, Evans e Jones. Brady ha fatto il suo (31 su 42 per 271 yarde), ma a venir meno è stata l’esplosività dei receiver palla in mano, le famose yarde conquistate dopo la ricezione. Il football, gioco di squadra per antonomasia, non sarà mai un "one man show".

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
QATAR 2022
29 min
I rigori mandano il Marocco in Paradiso e la Spagna a casa
Gli africani per la prima volta ai quarti di finale dopo una partita difensiva. Gli iberici deludenti e senza idee sbagliano tre volte dal dischetto
Angolo Bocce
3 ore
Alessandro Eichenberger e Aramis Gianinazzi vincono in Austria
La giovane coppia dell’Ideal di Coldrerio si è imposta nel torneo internazionale di Hard, contro i chiassesi Peschiera e Dalle Fratte
Hockey
4 ore
Qualche settimana d’assenza per Kostner e Kneubuehler
Contro il Rapperswil i due hanno subito una contusione alla spalla sinistra, rispettivamente un infortunio muscolare al torace
COSE DELL'ALTRO MONDO
4 ore
Mr. Irrilevant, anche gli ultimi hanno il loro giorno di gloria
Scelto quale 262° giocatore al draft 2022, Brock Purdy è salito agli onori della cronaca con San Francisco. Ma nella Nfl la carriera è molto breve
TIRI LIBERI
5 ore
I progetti del basket svizzero sembrano usciti da un incubo
Dall’assurdità di una fase a orologio basata sulla classifica della scorsa stagione a una Coppa Svizzera che produce palestre vuote
CALCIO
6 ore
Fissata la prima amichevole, sabato il Lugano ospita il Monza
La compagine di Serie A a Cornaredo dalle 14. Oggi l’inizio della prevendita (agibili solo tribuna principale e spalti)
Qatar 2022
21 ore
L’arte del pallone: il Brasile non dà scampo alla Corea
Primo tempo a passo di danza in un lunedì senza storia, con la selezione di Tite che liquida la pratica degli ottavi segnando quattro gol
HOCKEY
21 ore
L’ipocrisia dell’ibrido. Mottis: ‘Che formazione sia’
L’inverno rigido di una Swiss League che attende di conoscere il proprio destino dopo aver sopravvalutato se stessa. ‘Quei 400 mila franchi ora mancano’
Altri sport
23 ore
Riesaminate le provette dei Giochi 2012: 73 casi di doping
Immane lavoro dell’Ita su richiesta del Comitato olimpico internazionale: oltre 2700 campioni analizzati, trentun medaglie ritirate e 46 riassegnate
Qatar 2022
1 gior
Ai rigori vince la Croazia
I giapponesi non reggono la pressione e dal dischetto sbagliano 3 volte su 4
© Regiopress, All rights reserved