laRegione
NUOTO
08.08.22 - 13:32
Aggiornamento: 17:44

Jérémy Desplanches, la lombalgia che non ci voleva

Il ginevrino si avvicina agli Europei in condizioni fisiche tutt’altro che perfette: ‘Ma sto stringendo i denti per un posto in finale nella 200 stile’

jeremy-desplanches-la-lombalgia-che-non-ci-voleva

Il 2022 è un anno di transizione, ma non certo un anno di riposo per Jérémy Desplanches. Vittima di una lombalgia all’indomani dei Campionati svizzeri estivi di metà luglio, il ginevrino non arriva agli Europei di Roma (11-17 agosto) con lo spirito migliore. Tuttavia, «sto stringendo i denti», dice.

Jérémy Desplanches ha comunque ritrovato un po’ di colore dopo i Campionati del mondo di Budapest, dove non è riuscito a raggiungere le semifinali dei 200 metri piani. «Sinceramente, a Budapest mi si è spezzato il cuore. Poi ho avuto due settimane superbe di allenamento», racconta la medaglia di bronzo delle Olimpiadi di Tokyo 2021.

E ai Campionati svizzeri di Sursee (14-17 luglio) si è presentato in eccellenti condizioni. «Lì ho fatto segnare i miei migliori tempi dell’anno. Ho anche ottenuto il miglior tempo della mia carriera nei 400 m liberi. Ma quando mi sono svegliato il lunedì per allenarmi, non riuscivo a muovermi. Ho passato tre giorni senza poter camminare. Poi ho provato di tutto, con massaggi ed elettrodi. Ero così disperato che avrei accettato l’iniezione di un veterinario», ride Jérémy Desplanches.

A fine mese ha deciso di recarsi all’Hôpital de la Tour di Meyrin per sottoporsi a infiltrazioni, una grande novità per lui. «Avevo dieci giorni di tempo per risolvere questo problema, altrimenti avrei potuto chiudere la mia stagione – sottolinea il vicecampione del mondo 2019, che ammette di essere già stato a un passo dal rinunciare ai Mondiali di Budapest –. La mia schiena sta meglio. Soffro nelle partenze e nelle virate, ma stringo i denti: mi restano ancora due settimane prima delle vacanze».

Obiettivo, un posto in finale

Consapevole che i Mondiali sarebbero arrivati troppo presto dopo il suo cambio di allenatore e di regime di allenamento, Jérémy Desplanches ha fatto degli Europei il suo grande appuntamento stagionale. Combattente nato, non ha alcuna intenzione di arrendersi: «Non mi nascondo: punto alla finale dei 200 metri. Dopodiché, si vedrà».

In gara al Foro Italico il 16 e 17 agosto nella sua disciplina preferita, il ginevrino ritiene di poter avvicinare l’1’57’’00, mentre il suo miglior tempo dell’anno è 1’58’’29. «Basterà per salire sul podio? Non credo – afferma la doppia medaglia europea (oro nel 2018, argento nel 2021) –. Vorrei soprattutto riuscire a ottenere un buon tempo per rassicurare me stesso. E se per caso dovessi vincere una medaglia, sarebbe la più difficile da conquistare. Perché quest’anno non avevo proprio bisogno di questa ulteriore lombalgia».

Jérémy Desplanches ha dovuto fare i conti con il dolore alla spalla lo scorso autunno, prima di cadere vittima del Covid alla fine dell’inverno. «Il Covid mi ha indebolito per quasi due mesi», racconta il biondo spilungone.

La lombalgia, che lo ha bloccato, lo ha anche costretto a cambiare la sua routine pre-gara. «Di solito, riduco progressivamente il numero di chilometri nuotati tre settimane prima della competizione, per mantenere la massima freschezza possibile e la stessa intensità. Il problema fisico mi ha costretto a passare da 15 a 0 chilometri in un colpo solo, prima di tornare a 15 chilometri per poter iniziare un periodo di allenamento molto più breve», spiega Jérémy Desplanches, che si metterà alla prova per la prima volta nella vasca grande di Roma il primo giorno di gara (11 agosto) durante le manche della 4x200 m stile libero.

Non è quindi con totale fiducia che il romando è arrivato a Roma. «Non sono sereno come negli anni precedenti. Sono consapevole di non essere stato regolare in questa stagione. Ma sto lottando per darmi una possibilità, e sono… caldo», ha concluso.

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
CORSA D'ORIENTAMENTO
11 min
Il Ticino cerca la conferma nel Trofeo Arge Alp
Sabato e domenica in alta val Carvina gareggeranno ben 600 atleti. La selezione rossoblù dovrà difendersi da Baviera, San Gallo, Trentino e Grigioni
Hockey
13 ore
In Champions vincono Zugo, Rapperswil e Friborgo
Serata da incorniciare per le squadre svizzere sul palcoscenico d’Europa: Zugo e Friborgo agli ottavi da primi della classe, sangallesi fuori con onore
Calcio
13 ore
Con due gol di Rabiot la Juventus stende il Maccabi
Nel mercoledì di Champions League nulla da fare invece per il Milan, sconfitto 3-0 dal Chelsea allo Stamford Bridge di Londra
Formula 1
15 ore
La Fia rinvia il verdetto sul budget cap. Verso sanzioni lievi?
Da Parigi nessuna novità: la conclusione dell’analisi il 10 ottobre. Intanto, però, Sky lancia l’indiscrezione: il tetto sarebbe stato sforato, ma di poco
Calcio
17 ore
Seoane silurato, arriva Xabi Alonso
Il Bayer Leverkusen licenzia il tecnico elvetico, sostituito dall’ex centrocampista spagnolo
Calcio
17 ore
Europa, lo Zurigo cerca punti per il morale
Il Basilea vuole invece ipotecare il passaggio del turno
ginnastica artistica
19 ore
‘Vogliamo offrire una serata di grande ginnastica’
Il nuovo presidente del comitato organizzatore Alberto Mogliazzi, si sta preparando per il 39esimo Memorial Gander, in programma a Chiasso il 23 novembre
CALCIO
1 gior
Quel gol divorato al Maracanà, pesante come un macigno
Higuain sarà per sempre ricordato soprattutto per l’errore nella finale mondiale del 2014 fra Argentina e Germania
Tennis
1 gior
Astana, Hüsler fuori al primo turno
Lo zurighese nettamente battuto dal numero 53 Ruusuvuori
Calcio
1 gior
‘Il sindacato calciatori ci ha messo in difficoltà’
Il capitano del Chiasso esclude il boicottaggio delle partite
© Regiopress, All rights reserved