laRegione
CICLISMO
14.07.22 - 19:07

Pogacar ci prova, Vingegaard non molla, Pidcock trionfa

Vittoria in solitaria sull’Alpe d’Huez per il giovane britannico. Lo sloveno attacca la maglia gialla che però reagisce e non molla un centimetro

pogacar-ci-prova-vingegaard-non-molla-pidcock-trionfa

I campioni veri si vedono non tanto nel giorno del trionfo, quanto nel momento della difficoltà. Tadej Pogacar, dominatore delle ultime due edizioni del Tour de France e bastonato mercoledì da Jonas Vingegaard, lo scalatore di una nazione senza montagne, capace di mandare in crisi lo sloveno e strappargli dalle spalle la maglia gialla, ha rialzato la testa sull’Alpe d’Huez e, come fanno i grandi, è passato al contrattacco. È servito a poco, perché il leader danese non ha perso un centimetro nelle due occasioni in cui lo sloveno ha aperto il gas, ma Pogacar ha dimostrato a tutti, in primis a sé stesso, che la Grande Boucle non è ancora finita e che di abdicare senza vendere cara la pelle non ne ha alcuna intenzione. Alla fine di un duello che ha coinvolto solo marginalmente anche Geraint Thomas, Enric Mas e Sepp Kuss, gli unici capaci di ricucire dopo gli scatti di Pogacar, lo sloveno ha messo tutti alle spalle in uno sprint che gli è valso il quinto posto, proprio davanti a Vingegaard. I due non si sono giocati la vittoria di tappa in quanto le prime posizioni sono andate agli ultimi superstiti della fuga di giornata di quella che è stata la tappa regina del TdF 2022, con Lautaret, Galibier, Télégraphe, Croix de Fer e Alpe d’Huez.

E se il duello tra Vingegaard e Pogacar ha fatto scintille, grandissima è stata la prova di forza di un altro giovanissimo talento del ciclismo mondiale: Thomas Pidcock. Il britannico di Leeds ha lasciato la compagnia del sudafricano Meintjes, del connazionale Froome (finalmente una giornata da protagonista anche per il keniano bianco su quelle strade che lo avevano visto tante volte dominatore) e dello statunitense Neilson Powless (statunitense sì, ma soprattutto primo nativo nordamericano a partecipare al Tour de France, lui che nelle vene ha il 25% di sangue Oneida, il minimo indispensabile per essere formalmente considerato un nativo), quando ancora mancavano più di 10 km all’Alpe. Un’azione temeraria, tutta in solitaria, senza lasciarsi scoraggiare da Meintjes e Froome che per molto tempo hanno pedalato con meno di 10" di ritardo. Una sorta di braccio di ferro a chi cedeva prima e alla fine hanno ceduto i due inseguitori, per cui Pidcock, dopo un titolo mondiale nel ciclocross e un oro olimpico nella mountain bike, ha colto il suo successo più prestigioso sulla strada e il suo nome andrà ad affiancare quello di tanti altri campioni su una delle 21 curve della salita.

La temuta tappa dell’Alpe d’Huez non ha stravolto la classifica generale. Romain Bardet, in definitiva, è stato l’uomo di classifica che più ci ha rimesso, perdendo 19" dalla maglia gialla e scivolando dalla seconda alla quarta posizione della generale. Hanno perso terreno anche Nairo Quintana (e una posizione in generale) e David Gaudu. Nonostante la nuova prova di forza di Vingegaard – molti pensavano che potesse avere problemi dopo il grande sforzo profuso mercoledì sul Col du Granon – la Grande Boucle è lungi dall’essere conclusa: la maglia gialla, Pogacar, Thomas e Bardet sono racchiusi in appena 2’35". Le prossime tre tappe non presenteranno dislivelli importanti, ma non saranno nemmeno terreno di caccia per velocisti. Dopo il giorno di riposo a Carcassonne (lunedì), le difficoltà altimetriche riprenderanno con il trittico dedicato ai Pirenei, tre tappe che non toccheranno però i passi più prestigiosi, pur comprendendo salite come Aubisque, Val Louron e Hautacam. Comunque, terreno utile per tornare alla carica della leadership di Vingegaard, senza scordare che il penultimo giorno sarà in programma l’unica cronometro di questo Tour, 40,7 km pianeggianti che potrebbero dire l’ultima parola sulla definitiva assegnazione della maglia gialla.

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Qatar 2022
8 ore
Un missile di Fullkrug tiene in corsa i tedeschi
Finisce in parità la sfida più attesa tra una Spagna che dovrà stare attenta al Giappone e una Germania che si gioca tutto con il Costarica
Sci
10 ore
Wendy, il gran giorno è arrivato. Ma lo deve condividere
Sulle nevi del Vermont la svittese centra infine un trionfo nello slalom che inseguiva da una vita. A far festa con lei, però, c’è anche Larson
Qatar 2022
10 ore
Senza Neymar l’esame di maturità di Yakin
Il tecnico rossocrociato, che 15 mesi fa allenava ancora in Challenge League, contro il Brasile non disporrà di Okafor
Qatar 2022
11 ore
Davies illude il Canada, Kramaric lo elimina
La Croazia rimonta grazie soprattutto a una doppietta della punta dell’Hoffenheim
IL DOPOPARTITA
12 ore
Un weekend in bianco: ‘Restiamo positivi, meritavamo di più’
L’Ambrì rende nuovamente la vita dura allo Zurigo, che però trova il modo di spuntarla. ‘La fortuna? Non è stata dalla nostra, ma bisogna anche cercarla’
QATAR 2022
12 ore
Belgio sconfitto, a Bruxelles scoppiano disordini
La polizia è intervenuta con cannoni ad acqua per disperdere i tifosi facinorosi. Le autorità hanno chiesto alla popolazione di non recarsi in centro
QATAR 2022
13 ore
‘Battere il Brasile? Non mi stupirebbe’
Nestor Subiat fiducioso sulle qualità della Nazionale svizzera. ‘E per l’Argentina il Mondiale inizia adesso’. Il ricordo del 1994 e di Andres Escobar
Qatar 2022
14 ore
Marocco troppo forte per il Belgio
Dopo il pareggio coi croati vicecampioni del mondo, i magrebini colgono la posta piena coi Diavoli rossi
Qatar 2022
15 ore
Bandiera del Kosovo nello spogliatoio serbo: ‘Fifa ipocrita’
Criticata dal governo della Serbia la decisione di avviare un procedimento disciplinare contro la locale Federcalcio per il vessillo esposto ai Mondiali
Tennis
17 ore
Coppa Davis, nelle qualificazioni Svizzera-Germania
Trasferta impegnativa per i rossocrociati, che sfideranno Zverev e compagni all’inizio di febbraio
© Regiopress, All rights reserved