laRegione
Cameroon
0
Brasile
0
2. tempo
(0-0)
Serbia
2
Svizzera
3
2. tempo
(2-2)
TOUR DE FRANCE
13.07.22 - 17:40
Aggiornamento: 18:41

Capolavoro di Vingegaard, nuovo leader

Pogacar, in crisi clamorosa, chiude solo settimo staccato di circa 3 minuti

capolavoro-di-vingegaard-nuovo-leader

Sfrutta al meglio il lavoro dei suoi compagni della Jumbo e, nella frazione più dura e spettacolare di questa Grande Boucle, il danese Jonas Vingegaard sul Col du Granon conquista tappa e maglia. Crolla invece – e pareva impossibile – lo sloveno Pogacar, fin qui dominatore del Tour e vincitore delle ultime due edizioni. Del resto, persi diversi scudieri in questi ultimi giorni, era rimasto troppo solo. Azione strepitosa quella del venticinquenne Vingegaard, che a 4 km dal traguardo, percorsi 2/3 dell’ultima sfiancante salita di giornata, attacca un Pogacar che non riesce a reagire e che viene lasciato indietro anche da altri uomini di classifica, come Bardet e Thomas. Vingegaard, inarrestabile, va dapprima a prendere Barguil – che poco prima era stato raggiunto da Quintana dopo una lunghissima fuga – e poi va all’attacco dello stesso colombiano, fagocitato con poche pedalate. Il danese, al primo successo in carriera in Francia e forse attualmente il miglior scalatore in circolazione, va a dinamitare il Tour il giorno del Télégraphe e del Galibier, chiudendo con 1 minuto su Quintana e 1’11" su Bardet, ma soprattutto con quasi tre minuti su Pogacar, che giunge al traguardo devastato dalla fatica. Forse ha speso troppo negli ultimi giorni, oppure si è invece arreso al caldo, fatto sta che ora si ritrova terzo nella generale a 2’22", scavalcato perfino da Bardet (2’16"). Gli svizzeri: 49° Küng a 1h03, 62° Dillier 1h08, 115° Bissegger a 1h50 e 157° Hirschi a 2h37.

Da segnalare l’abbandono di Mathieu Van der Poel a metà della tappa: andato in fuga col suo grande rivale Wout van Aert, è stato dapprima ripreso e infine distaccato dal gruppo. E così, il due volte vincitore del Fiandre si è ritirato. Del resto, in queste prime due settimane di Tour de France, non si era mai mostrato in grado di essere protagonista. Pur provvisto di classe e forza, non pare ancora pronto per i grandi giri a tappe: ha concluso finora una sola edizione del Giro d’Italia – lo scorso mese di maggio – e pure alla Grande Boucle dell’anno passato aveva abbandonato dopo una decina di tappe.

Giovedì, festa nazionale francese, altro tappone all’insegna della fatica e probabilmente dello spettacolo: di nuovo Galibier, Croix de Fer e la scalata all’iconica Alpe d’Huez. Vedremo se Pogacar, smaltita la cotta, saprà rimanere in classifica, magari tornando subito ad attaccare Vingegaard, oppure se la disfatta sul Col du Granon – dove nel 1986, la sola volta che il Tour passò di lì, Bernard Hinault vestì la sua ultima maglia gialla – sarà stata l’anticamera della resa definitiva del talentuosissimo sloveno della Uae.

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Sci
8 min
Lake Louise, Sofia Goggia e un sorriso al fotofinish
Nella prima libera femminile della stagione l’italiana batte per 4 centesimi Suter e per 6 l’austriaca Hütter. Lara è 18esima: ‘Domani ci riprovo’
QATAR 2022
2 ore
Svizzera affronta la Serbia senza Sommer ed Elvedi
I due ancora alle prese con un attacco influenzale. Saranno sostituiti da Gregor Kobel tra i pali e da Fabian Schär in difesa. Shaqiri in campo da subito
Qatar 2022
3 ore
La Corea sconfigge il Portogallo B e va agli ottavi
I sudcoreani rimontano la rete iniziale lusitana, ribaltano il risultato e, grazie al maggior numeri di gol segnati, superano l’Uruguay
Qatar 2022
3 ore
L’Uruguay batte il Ghana 2-0, ma non basta
La sconfitta del Portogallo contro la Corea permette agli asiatici di superare la Celeste a livello di gol segnati
Hockey
3 ore
Fatton senza ghiaccio per sei, otto settimane
Prestato allo Zugo a metà novembre, il ventunenne portiere del Lugano ha rimediato lo strappo dei legamenti di una caviglia
Calcio
4 ore
Il Lugano di Croci-Torti torna a sudare. ‘Siamo carichi’
Ritrovo a Cornaredo per i bianconeri, per l’inizio della preparazione al campionato che riprenderà il 22 gennaio. ‘Una preparazione diversa dal solito’
Altri sport
4 ore
Il Ticino torna da Losanna con sette medaglie al collo
Buon risultato d’assieme per i judoka di casa nostra in una competizione a cui accedevano soltanto i migliori atleti del ranking nazionale
BASKET
5 ore
Due trasferte in Romandia per Spinelli e Tigers
Il Massagno non deve scherzare contro il Nyon, mentre un Lugano con qualche assente di troppo sarà ospite del Ginevra
SCI ALPINO
5 ore
Cdm senza pace, annullata la discesa di Beaver Creek
Uomini fermi, come settimana scorsa a Lake Louise, a causa di vento e precipitazioni nevose. Si tratta della nona gara tolta dal calendario o posticipata
Hockey
10 ore
Tre giornate e multa a Bachofner
Dopo la carica alla balaustra ai danni di Bykov, squalifica e 3’200 fr. di ammenda per l’attaccante dello Zurigo
© Regiopress, All rights reserved